Transmog e Grinding. Come riuscire a fare peggio del peggio.

Il sistema di Transmog introdotto da Bungie per Destiny 2 è peggio di quel che ci si aspettava. Vediamo come e perché.

Brutte notizie per i giocatori di Destiny 2, il sistema di Transmog tanto agognato è peggio di quanto ci si era immaginati. Andiamo con ordine e vediamo cosa è successo.

Oh gioia, oh Gaudio!

Il 22 Aprile scorso Bungie pubblica sul suo Blog l’annuncio che la tanto attesa opzione di transmog è in dirittura d’arrivo. Cos’è il Transmog? Molto semplice: è il poter indossare un’armatura puramente estetica che copre quella che stiamo effettivamente utilizzando.
La community esulta, ma per un breve periodo, perché quando viene spiegato il funzionamento ci si rende conto che qualcosa non va. Che cosa? Vediamolo assieme.

Sintoche?

Per poter utilizzare il sistema occorre trovare dei materiali specifici, i Synthstrand (o Sintofilo). Fatto questo occorre spendere il sintofilo in taglie per ottenere del Synthcord (o Sintospago) e infine convertire il Sintospago in Synthweave (o Sintostoffa) per convertire un pezzo di armatura in un Decoro Universale per Armatura.

Spiegato così si intuisce che è un sistema macchinoso, figuriamoci metterlo in pratica. Specialmente perché scendendo in dettagli ci si accorge subito di come il sistema sia legato al grinding selvaggio.

Ad esempio il fatto che occorrono 150 Sintofili per poter sbloccare delle taglie specifiche per ogni classe che daranno come ricompensa il Sintospago che verrà poi convertito in una unità di Sintostoffa. Già qui si intravede il grinding. Aggiungiamo il fatto che tutto questo è limitato. Sì perché in Bungie hanno ben pensato di limitare tutto questo procedimento ad un massimo di 10 Sintostoffe per Stagione. Con questo quantitativo si riesce ad arrivare a completare la personalizzazione di due set completi o di dieci pezzi di armatura.

Se volete andare oltre questo limite, la soluzione è mettere mano alla vostra sintotasca, estrarre il sintoportafoglio e sborsare del sintodenaro per acquistare la Sintostoffa nell’Everversum (il Negozio di Destiny 2) singolarmente per 300 Silver o in pacchi da 5 per 1000 Silver (per intenderci la valuta è venduta a 5€ per 500 Silver. Va da sé che per comprare 10 Sintostoffe occorre sborsare 10€).

Oltre al Transmog, Bungie apporta delle modifiche anche al sistema degli Shaders. Nello specifico viene rimosso l’obbligo di usare una Scheggia Leggendaria ma il prezzo viene aumentato da 40 a 300 manciate di Polvere Luminosa, un aumento di 7,5 volte.

Non solo grinding.

Prendete il sistema di prima, complicato, che porta al grinding selvaggio e limitato a un tot di pezzi per stagione (circa 3 mesi di gioco) e aggiungete il fatto che è anche limitato nel tempo. Infatti su Reddit un utente, Alonie-Homie, ha deciso di raccontare la sua esperienza.

Armato di cronometro ha verificato che i Sintofili vengono droppati ogni 2 minuti, indipendentemente dal numero di kill fatte. Quindi, prendete il poter ottenere un massimo di 150 Sintofili e aggiungete il fatto che ne otterrete uno ogni 2 minuti. Occorrono quindi, per raggiungere il massimo di 10 Sintostoffe, 53 ore e 20 minuti di gameplay per un singolo personaggio. Che diventano, per tutti e tre i personaggi che si possono avere in Destiny 2, la bellezza di 160 ore che equivalgono a 6 giorni e 16 ore. Praticamente dovreste fare di Destiny 2 il vostro lavoro (non pagato, a meno che non siate dei Content Creators).

La community non la prende bene

La community di Destiny 2, che aveva gioito quanto Bungie era fuggita da Activision, non ha gradito questa mossa. I membri più in vista non hanno perso tempo per sbeffeggiare Bungie e la complicatezza del sistema di Transmog. Non solo hanno anche evidenziato come la mossa sia probabilmente un tentativo di sondare il terreno, vedere la reazione e poi aggiustare il tiro; dando quindi l’impressione di ascoltare la community.

C’è chi ha messo nero su bianco su Twitter che “Bungie tratta i suoi veterani come dei Free-To-Players qualsiasi”.

Oltre alla community ci si mette pure Forbes a fare un analisi della situazione, spiegando che il limite di dieci pezzi di armatura, a fronte di 1500 pezzi di armatura leggendari (che sono gli unici che possono essere personalizzabili) è palesemente legato al grinding. Non solo, con questo limite occorrebbero circa 12 anni e mezzo per poter fare questo processo su tutti i componenti che esistono attualmente (escludendo quelli che verranno aggiunti in un decennio). Ovviamente nessuno andrebbe a fare questo processo per tutti i set esistenti, ma vi dà l’idea di quanto il sistema sia pensato per esasperare il giocatore e portarlo a spendere. Quanto? Non tantissimo, circa 3000$, stando a Forbes.

Monetizzazione selvaggia.

In tutto questo sottolineiamo che Destiny 2 non è nato come titolo Free-To-Play. All’uscita costava 59,00 €. A cui dovete aggiungere le Espansioni, I Rinnegati (2018) e che costa 24,99 €, Ombre dal profondo (2019) e che costa 24,99, Oltre la Luce (2020) e che costa 39,99€ a cui aggiungere altri 14,99 per il Season Pass.

Fa davvero male vedere come Bungie stia adottando le stesse strategie di altre Software House che monetizzano in maniera selvaggia i loro titoli e vedere un titolo interessante come Destiny 2 venire degradato quasi al livello di un mobile game qualsiasi.

Vedremo se la Community verrà ascoltata davvero o se si proseguirà con la strategia ormai collaudata del “due passi avanti e uno indietro”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento