La zootecnia nei videogiochi: Goat Of duty, ruminanti insaziabili

Nelle puntate precedenti abbiamo parlato un po’ in generale delle dolcissime vacche. Oggi parleremo anche di capre, i temibili ruminanti protagonisti di “Goat Of duty”.

Vacche e capre, come abbiamo potuto imparare, sono mammiferi e scendendo nella classificazione scientifica scopriremo anche che appartengono al sottordine dei ruminanti.

Ma chi sono i ruminanti?

I ruminanti sono quegli animali in grado di digerire le fibre vegetali (ovvero riescono a trarne energia perché possono, attraverso una serie di processi biochimici, smontare le molecole di cui sono composte e utilizzarle come fonte energetica. Noi possiamo mangiare la fibra, anzi dobbiamo, perché pur non riuscendo a digerirla ci fa molto bene all’intestino! Mangiate verdurine, quindi!).

Come ci riescono?

Ciò è possibile grazie al loro particolare tratto digerente composto da ben quattro stomaci. In realtà sono solo dilatazioni dell’esofago perché il vero e proprio stomaco è uno solo.

Gli stomaci

Il primo “stomaco” è il rumine. Il bolo alimentare (è questo il nome del cibo triturato dai denti) arriva al rumine, parzialmente masticato e parzialmente no. Le parti più piccole e/o liquide procedono verso il secondo stomaco, cioè il reticolo, che filtra e permette il loro il passaggio all’omaso (il terzo stomaco) per finire poi all’ABOMASO, il vero e proprio stomaco.

Ma ciò che rimane nel rumine, cioè la parte più solida che non riesce a passare per il reticolo che fine fa?

Beh, l’evoluzione ha voluto questo: il cibo torna alla bocca, il ruminante dà un’altra masticata e poi ritorna giù di nuovo al rumine. Così finché tutto il bolo non è riuscito a passare attraverso il reticolo.

Questo processo (di masticazione, quasi come se fosse un chewing gum) prende il nome di ruminazione e, in genere, avviene quando l’animale è in posizione di decubito sterno-costale (cioè comodamente accucciato a terra).

Non solo i bovini sono ruminanti. Lo sono anche i cervi, i bisonti e LE GIRAFFE!!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento