Retrocompatibilità PS5 con le vecchie console fisse Sony: sarà realtà?

Retrocompatibilità PS5 con le vecchie console fisse Sony: sarà realtà?

Sembra esserci un brevetto proposto alla casa giapponese riguardo un sistema di retrocompatibilità. Cosa bolle in pentola in casa Sony?

Ultimamente spuntano rumor riguardo un possibile arrivo di nuove alternative riguardo la tanto agognata retrocompatibilità su PS5. La notizia arriva direttamente dal portale Patentscope, che qualche giorno fa, il 18 marzo 2021, ha visto comparire un brevetto proposto lo scorso novembre 2020 a Sony Interactive Entertainment LLC. Esso consiste nell’inserimento di trofei in un determinato parco titoli che inizialmente non li possedeva. 

Il sistema ha un meccanismo abbastanza semplice: fa sostanzialmente riferimento ad una sorta di emulazione di videogiochi che non supportano trofei. Il suo scopo, assegnare sarebbe quello di assegnarli al momento di esecuzione di azioni specifiche (facendo scattare un cosiddetto “trigger”). Per esempio, al completamento di un Resident Evil della prima Playstation, l’algoritmo potrebbe far scattare il suddetto meccanismo. Proprio in quel momento, dunque, il sistema provvederà ed assegnare il relativo trofeo. Tale algoritmo potrebbe funzionare con i vari giochi PS1, PS2 e quelli di inizio uscita PS3 (fino a quelli usciti nel 2008, circa). Escludendo l’opzione retrocompabilità, è difficile pensare che Sony sia interessata a quel brevetto per altre ragioni.

C’è da sottolineare il fatto che tale argoritmo non conferma ufficialmente la presenza della retrocompatibilità totale su PS5, ma, allo stesso tempo, questa opzione non è neanche da escludere. Se davvero la questione va in porto, allora la chiusura dello Store digitale su PS3 attualmente in programma diventerebbe di fatto una naturale conseguenza. Terremo comunque d’occhio la questione, in attesa di un possibile sviluppo da parte di Sony.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento