Dropmix: la recensione

Dropmix, il gioco della musica: La recensione

Avreste voglia di un gioco basato sulla musica e il mesh-up di brani completamente diversi tra loro ? Una soluzione c’è e si chiama Dropmix, un gioco tutto plancia, carte, ritmo e divertimento.

In Italia la Hasbro è famosa per molte cose tra cui le micidiali armi Nerf, le velocissime Hotwheels e le decine di riedizioni di vecchi giochi da tavolo, primo tra tutti Monopoli. Quello però che nel nostro paese è poco noto è che, oltreoceano, nel 2017, Hasbro ha pubblicato insieme alla Harmonix un gioco estremamente innovativo.

Dropmix è un gioco musicale che permette a dei completi principianti di diventare degli aspiranti dj. Il tutto mixando ad opera d’arte diverse tracce musicali codificate dentro delle carte da gioco.

La tecnologia al servizio del gioco

La prima cosa che colpisce approcciandosi al gioco è senza dubbio la plancia di gioco. Agli appassionati di card game questa ricorderà probabilmente un duel disk di Yu-gi-oh. In effetti il suo scopo è proprio lo stesso, ovvero leggere i chip NFC delle carte che i giocatori pongono su uno dei cinque slot disponibili. Un compito eseguito egregiamente, con la plancia che riconosce senza problemi le carte, anche se queste vengono impilate una sopra l’altra.

I dati ottenuti in questo modo vengono quindi inviati tramite bluetooth alla specifica app che gestisce il gioco. Questa permette al giocatore di selezionare la velocità (bpm), la tonalità musicale del mix e il volume di ogni singola carta. Dato che la console non ha altoparlanti, l’audio viene riprodotto dal cellulare (o tablet), ma ovviamente nulla vieta di collegarlo a delle casse più potenti.

Il sistema di gioco

L’ultima componente del gioco sono proprio le carte. Nella scatola base ne sono presenti 60 diverse raggruppate in quattro playlist. Queste sono altresì divise in colori che permettono di capire subito se si tratta di una carta che corrisponde alla componente vocale, a quella melodica o a quella ritmica. Sono inoltre indicati il nome del brano, l’artista e lo strumento musicale che verrà riprodotto (o un microfono nel caso della voce). Ogni carta inoltre ha un suo livello d’influenza sul mix complessivo del brano, fattore che dovremo tenere in considerazione per riuscire al meglio. La qualità delle carte comunque non è altissima, quindi il nostro consiglio è quello di metterle subito dentro delle bustine protettive per proteggerle al meglio.

Dropmix prevede diverse modalità di gioco: il freestyle, che permette di dare sfogo alla creatività senza nessun limite. Il duello (1 vs 1 o 2 vs 2), in cui i giocatori faranno punti giocando strategicamente le carte che meglio completano il mix. Il “party mode”, in cui bisognerà collaborare per soddisfare il più velocemente possibile le richieste dell’app e infine la modalità single player “rompicapo”, in cui si ha un numero limitato di mosse per risolvere dei mini giochi improntati più sulla logica che sulla musica.

Musica

Dal punto di vista musicale Dropmix fa un ottimo lavoro nel combinare le tracce selezionate senza mai produrre cacofonie, soprattutto se si considera che queste appartengono a generi anche molto diversi tra di loro. Può capitare infatti di sentir cantare “ Bring me to life ” sulle note di “ I will survive ”, o una canzone di Bruno Mars al ritmo dei Disturbed. O perché no, tutti e quattro insieme, magari aggiungendo un’ulteriore carta di una canzone che non avete mai sentito prima. Se poi tutto ciò non vi basta, esistono playlist aggiuntive da 16 carte, così come i discovery pack da 5 carte ognuno. Un totale di 440 carte attualmente in commercio, a cui però nel momento in cui scrivo non è previsto ne vengano aggiunte altre.

Dove trovarlo

Essendo un prodotto non destinato al mercato italiano, il gioco non si trova nei negozi, ma è acquistabile su Amazon ed Ebay ad un prezzo contenuto (25-30€). L’app, disponibile per Andorid e iOS, non è presente sul Play Store italiano ma si può comunque reperire facilmente ed è disponibile anche in lingua italiana. Le espansioni sono invece un po’ più care (e alcune introvabili) ma essendo già divise per genere potrete andare a colpo sicuro e prendere solo quelle che vi interessano.

Drompix è un gioco sicuramente molto particolare e unico nel suo genere, ma non è per tutti. Alcune persone passano intere serate a fare freestyle. Altre si annoiano in fretta perché il gioco tende a essere ripetitivo. Per questo motivo è molto difficile fare una stima oggettiva della sua longevità. Quello che però è sicuro, è che questo gioco stupirà voi e i vostri amici, soprattutto, ovviamente, se tra di voi ci sono degli appassionati di musica.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento