PROGETTO FM -Le strategie di Mercato del Bologna

Buonasera lettori di Progetto X, oggi abbiamo il piacere di intervistare alcuni dei protagonisti del Bologna, una delle squadre più attive della Serie A, e di tutto il Progetto. In particolar modo abbiamo ai nostri microfoni Lenny Cazzamalli, presidente abilitato al mercato, Mario Torsello, l’altro presidente, ed Alessandro Gallo, mister degli emiliani.



Come giudicate questo girone di andata che sta per concludersi? È in linea con quelle che erano le aspettative di inizio campionato?

Lenny: Le aspettative stagionali erano una qualificazione alle coppe europee. Abbiamo perso qualche punto per strada, ma in linea di massima siamo a -3 punti dall’Europa. Ma con la riforma alle porte, adesso sarà tutto da valutare. Ma sicuramente scenderemo in campo ogni partita per ottenere i 3 punti.


Mario: Come detto da Lenny abbiamo perso qualche punto di troppo, soprattutto con le squadre in zona retrocessione, credo dunque che la classifica sia bugiarda. L’obiettivo importante era migliorare oltremodo un gruppo top e con gli ultimi acquisti l’abbiamo fatto, possiamo ritenerci soddisfatti.

Alessandro: Abbiamo lasciato qualche punto per strada raccogliendo probabilmente meno di quel che avremmo meritato, ma siamo comunque in linea con gli obiettivi prefissati.


L’allenatore aveva chiesto qualche giocatore in particolare per la sessione di mercato invernale? Se sì, è stato accontentato?

Lenny: Nessuna richiesta particolare sotto l’aspetto tattico, abbiamo una rosa completa in tutti i ruoli, abbiamo colto le occasioni più importanti che si sono profilate sul mercato.

Mario: La rosa era già completa prima del mercato invernale. Ci siamo mossi per arrivare ad avere i 22 attivi in rosa. Unico ruolo che necessitava di un sostituto era il ruolo di terzino, vista la partenza di Calchi. Il mercato è stato fatto in perfetta sintonia con dirigenza e allenatore.

Alessandro: Sulla questione mercato ci muoviamo sempre in gruppo, si valutano tutti i profili e si prende una decisione assieme, cercando di dare sempre priorità all’utente prima che alla scheda. Abbiamo visto delle occasioni ghiotte e ne abbiamo approfittato visto che i giocatori arrivati sposano perfettamente la filosofia della squadra.



Cosa ha portato la dirigenza a vendere un giocatore di spessore come Alessandro Calchi?

Lenny: Semplicemente il giocatore ha chiesto la cessione e come politica societaria cerchiamo di accontentare tutti. Non è stato semplice, si è creata una polemica (a che scopo mi chiedo) inutile intorno alla faccenda, ma alla fine tutte le parti coinvolte sono rimaste soddisfatte…

Mario: Mi piace essere onesto, per cui lo sarò in tutto e per tutto. Calchi era considerato da me in primis un elemento importante del gruppo per lo spogliatoio. Improvvisamente come un fulmine a ciel sereno ci è pervenuta la sua richiesta di voler andare a Frosinone, gruppo in cui era già stato precedentemente avendo giocato per l’affiliata. Non c’è stato verso di convincerlo e ci siamo trovati con le spalle al muro e costretti a cederlo a metà stagione. Gli auguro comunque il meglio per il continuo della sua carriera.

Alessandro: Calchi ha chiesto la cessione ed è stato accontentato come naturale che fosse, non rimane nessuno controvoglia. Successivamente è uscita una polemica pubblica, non da parte nostra, che reputo abbastanza vergognosa, soprattutto considerando che è arrivata da persone che non hanno partecipato alla trattativa e che, probabilmente, non conoscevano bene ciò di cui stavano parlando.


In questo mercato avete dato precedenza all’attività, in modo da continuare ad essere una delle squadre più attive, se non addirittura la più attiva del Progetto, oppure avete dato precedenza alla scheda?

Lenny: Diciamo un mix… gli acquisti di Roberti e Angela, oltre all’attività, portano delle schede già pronte per la Serie A. I prestiti di Saladino e Guerra portano bonus, ma come schede sono ancora acerbe. Ma serviranno anche loro per arrivare all’achievement dei 22 attivi. Cirone è un investimento per il futuro, ma lo abbiamo già fatto esordire in Serie A e, data la partenza di Calchi, abbiamo anticipato il suo arrivo di 6 mesi.

Mario: Ci sono squadre che mirano alla scheda come prima cosa, per noi deve essere un mix. A lungo andare la maggiore attività premierà, ne sono fermamente convinto; ciò’ che conta è avere il miglior gruppo e credo che questo sia sotto gli occhi di tutti.

Alessandro: Come detto prima per noi l’utente vale assolutamente molto più della scheda. Inutile negare che vincere in campo piaccia a tutti ma il nostro progetto non vuole accontentarsi di questo. Credo fortemente che, trattandosi di un GIOCO, la parte “umana” del gruppo debba necessariamente prevalere; ormai parlare di gruppo è riduttivo, siamo orgogliosi di aver costruito una vera famiglia in cui si ride e si scherza 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 e questo per me vale più di ogni trofeo che potremo mai vincere.

Gli acquisti di Angela Iadicicco e di Giuseppe Roberti hanno fatto molto scalpore. Pensate che possano essere i colpi decisivi per arrivare in Europa?


Lenny: Angela e Roberti non li scopriamo certo noi. Sono utenti storici che sapranno inserirsi nel nostro spogliatoio e ci aiuteranno a raggiungere gli obiettivi prefissati. Portarli a Bologna non è stato facile, ma siamo orgogliosi di averli con noi. Abbiamo dovuto salutare utenti come Verticchio e De Lucia, (primo 200 PA del Progetto) al quale auguro il meglio nel Progetto.

Mario: Con l’arrivo di Roberti abbiamo una difesa davvero notevole, va ad impreziosire quella che già era la seconda miglior difesa del campionato. Iadicicco è stata un’occasione di mercato e dato l’utente che è non ci abbiamo pensato due volte, sicuramente ci darà una grande mano.

Alessandro: Angela e Giuseppe sono stati due colpi perfetti per il nostro modo di far gioco perché ci siamo rinforzati prendendo due buonissime schede ma soprattutto portando con noi altri due utenti attivissimi che da subito si sono inseriti bene all’interno del gruppo migliorandolo ulteriormente.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento