PROGETTO FM – Eroe per un giorno

Quello di ieri, lo abbiamo visto tutti, è stato un Lunedì abbastanza piatto, senza risultati che lasciassero a bocca aperta. Eccezion fatta per la finale di Supercoppa Italiana, che ha visto il Crotone fare quella che probabilmente è la miglior partita della sua storia, asfaltando una Cremonese che se la è davvero vista… grigia.

Oggi non andremo a parlare del perentorio 4 a 0 rifilato agli uomini di Campagna. Bensì parleremo come al solito del nostro eroe del giorno.

Proprio così, signore e signori. L’eroe di giornata non poteva che essere lui, Tavo Lino. Direttamente dai bassifondi di una segheria di periferia, Tavo si è contraddistinto in ben 3 occasioni ieri: dal nulla ha ribaltato la sconfitta della Salernitana, rifilando una tripletta ai danni del Cittadella, e ha trasformato un 3-1 favorevole ai ramarri del Pordenone contro il Foggia in un 3-0 secco che non ha lasciato speranze agli uomini di Bisceglie. PUM PUM PUM.

Implacabile, flessibile, elastico e adattabile. Ieri lo si poteva vedere in attacco, sulla fascia a coprire le avanzate del terzino, ma anche in camera mia per reggere il PC da cui solitamente seguo le live. Tavo Lino era letteralmente imprendibile per gli avversari, sembrava quasi avesse 4 gambe e non 2. Ma la serata da protagonista del nostro Tavo non finisce qui, nel tempo libero è riuscito anche a regalare la vittoria al Chieti ai danni del Lecce di Piu.

Non è certo la prima volta che Tavo si fa vedere, alcuni di noi lo conoscevano già. Ma con il nuovo regolamento sulle tattiche, pubblicato a ridosso della live, molti allenatori si sono trovati nuovamente ad avere a che fare con lui. Nel bene e nel male. Complice una dimenticanza, un pizzico di sbadataggine o la mancata comprensione di ciò che ora si può e non si può fare, la classifica pubblicata alle 12 dal buon Filippo è ormai carta straccia.

Breaking news, pare che il bomber Lino abbia fatto valere la sua prestanza atletica anche in Liguria, regalando la vittoria nel derby tra Spezia e Sanremese. Forse nelle prossime partite gli allenatori avranno un occhio di riguardo in più sulle impostazioni dei ruoli e dei giocatori; in caso contrario, lui è lì. In agguato. Pronto ad approfittare di ogni vostro passo falso. Letale come il pranzo con la suocera, puntuale come la sconfitta della Ferrari, se fai qualcosa di sbagliato… Viene a prenderti. E’ l’uomo nero di cui ci raccontavano da bambini. E’ TAVO-LINO

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento