I nostri cari amici insetti

Molly Gear Solid: il micromondo dei nostri cari amici insetti!

Gli insetti sono spesso fonte, per alcune persone, di spavento. Ma come dimostrato da Hollow Knight, anche il più piccolo dei cavalieri può essere un grande eroe!

Dopo aver parlato di cose molto spaventose come streghe, mostri e scheletri, proviamo a impugnare una lente di ingrandimento e osserviamo ciò che ci circonda. Parliamo di micromondo e cambiamo idea sui nostri amici insetti! In Hollow Knight, “ il Cavaliere ”, nonostante sia un silenzioso insetto, risulta un adorabile personaggio ed un valoroso eroe.

Dunque proviamo di cambiare opinione sul micromondo che ci circonda! L’entomologia è la scienza che si occupa dello studio degli insetti (anatomia, fisiologia, importanza a livello ambientale ecc..). Inziamo dicendo che il loro nome deriva proprio dalla loro anatomia. Infatti nello studio morfologico il corpo degli insetti viene diviso, appunto, IN SETTI (da qui il nome) e nello specifico ne abbiamo (sempre e solo) tre:

  • Testa
  • Torace
  • Addome

Ci sono insetti in cui questa distinzione è molto ben visibile (pensiamo alle api o alle formiche) e altri, invece, in cui esistono delle modificazioni corporee che rendono più difficoltosa coglierla (pensiamo alle coccinelle, che sembra abbiano un corpo rotondeggiante o alle mosche). In questi ultimi casi si tratta semplicemente di modificazioni avvenute nel corso dell’evoluzione che hanno portato ad una “ fusione ” dei setti. Tuttavia questi rimangono con funzioni diverse tra loro.

La testa

La testa degli insetti presenta un apparato boccale composto dalle classiche strutture che caratterizzano quasi tutti gli animali (labbra, mandibole, mascella, lingua) con l’eccezione che in questi esserini prendono il nome di GNATITI. Gli gnatiti, nelle diverse specie, possono assumere forme profondamente diverse e possono variare forma anche durante il corso della vita dell’insetto stesso. Per esempio i cari lepidotteri, comunemente chiamate farfalle o falene ( le prime, in genere, animali diurni e le seconde animali notturni ) nascono come larve (quei simpatici bruchi cicciottelli, e talvolta coloratissimi) e sono dotati di robuste mandibole grazie alle quali divorano enormi quantità di cibo che servirà loro per affrontare il lungo periodo di metamorfosi nel bozzolo.

A fine metamorfosi si ha il così detto “sfarfallamento”, ovvero il momento in cui si apre il bozzolo ed esce la farfalla o la falena. A questo punto è possibile notare che gli gnatiti sono profondamente cambiati. Infatti alcune farfalle e falene presentano un apparato boccale formato da una piccola e lunga proboscide che in posizione di riposo mantengono arrotolata. Questa struttura prende il nome di Spiritromba. Però quando l’insetto deve nutrirsi la spiritromba si distende per permettere la suzione dei liquidi di cui si nutre l’animale. Alcuni lepidotteri, addirittura, non presentano proprio alcun apparato boccale. Infatti questi sfortunati animali hanno una vita molto breve, giusto il tempo di trovare un partner per l’accoppiamento.

Per oggi abbiamo parlato della sola testa, ma per altre curiosità sul resto del corpo dei nostri cari amici vi aspetto alla prossima puntata!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento