La genesi di “Progetto Football Manager”

Oggi ci accingiamo ad esporre come il “Progetto Football Manager” tra i più intriganti programmi di intrattenimento di Progetto Gaming, sia iniziato ed evoluto nel corso delle stagioni.

Filippo Ballarini (uno dei fondatori) attraverso un canale YouTube Pavoni Ingrifati ha avuto l’idea di applicare a Football Manager 2017 una metodica di gioco “interattiva

Sostituire l’intera rosa di una squadra con un intero pool di giocatori che interagiva con lui su YouTube!

In live su Twitch quasi casualmente, il fondatore di Progetto Gaming Alessandro Pironti fa la sua conoscenza e gli propone tempo dopo:

“Perché non estendere questa idea ad un intero campionato a squadre?

Secondo me, potrebbe funzionare…”

Da qui è nata questa collaborazione, portando in seguito alla nascita del gruppo FacebookProgetto Football Manager“.

Trasmesso poi in live sulla piattaforma streaming “Twitch” del canale Progetto Gaming.

Progetto Football Manager Statistiche

Il suo successo è stato anche grazie alle collaborazioni con personaggi noti come Panoz e Giangioman.

Ma come “Progetto Football Manager” è rimasto importante per gli utenti che partecipavano?

Lo chiediamo ad alcune tra le più longeve figure del “Progetto FM”:

  • Riccardo Serafini (Capo-allenatori del Progetto e Allenatore del Cesena)
  • Federico Gallarato (Neo-Admin; Allenatore del Parma ed ex-Commissario Tattico)
  • Arnaldo Figoni (Storico allenatore del ChievoVerona)

Riccardo Serafini

“Il progetto innanzitutto è un luogo dove divertirsi e sentirsi come un calciatore anche se nella vita hai fatto altro.

La cosa divertente del progetto è secondo me, vivere lo spogliatoio, dove la gente della squadra scrive cavolate e commenta ciò che succede relativamente ai loro giocatori e alla squadra in generale.

Nel progetto è anche possibile conoscere gente esterna al proprio spogliatoio con la quale avere anche un sano rapporto di amicizia, perché magari abita vicino a te (nel mio caso quelle brutte persone di Amadori, Savini, Menghetti e Franceschi).

Inoltre è bellissimo anche poter conoscere persone dal vivo nei vari raduni di PG (es. FMilano nel 2018 dove vidi per la prima volta dal vivo Ale, Fil, Alberto, Gallarato e altri scemotti come Marchese, Frattoni, Sedda, Deidda e molti altri)

Questo ha reso il progetto quello che è oggi quello che secondo me ci unisce tutti.”

Federico Gallarato

“Il motivo per cui è diventato importante è che rappresenta un gioco unico nel suo genere, unico anche nel fatto che stia durando da anni.

Se continua nel tempo è dovuto anche allo sforzo che tanti gli stanno dedicando, chi di più chi di meno per far funzionare sempre al meglio l’intero sistema

Dalla prima stagione del progetto è cambiato praticamente tutto, c’era meno competitività sia dal punto di vista dei calciatori che da quello dirigenziale

I giocatori venivano scelti più per la scheda che per l’attività nella community (giusto? sbagliato? dipende)

Attualmente è molto più professionale ed organizzato, si sente che c’è una struttura solida dietro e soprattutto l’influenza dell’utenza

Arnaldo Figoni

“Inizialmente l’idea rivoluzionaria del GDR era tanto interessante quanto semplice.

Le figure staff erano poche, così come gli organi di controllo di regolarità, vuoi per dei “fenomeni” che hanno provato ad aggirare le regole in malo modo, vuoi anche il successo di questo format, il progetto ha dovuto adattarsi nella sua forma per garantire imparzialità e che tutto filasse liscio.

Da qui nascono i ranger, la commissione tattica ed i controlli di profili veri o fake.

Tutte figure nate dopo, che hanno un ruolo fondamentale e che lavorano molto per garantire la migliore esperienza possibile all’utente che decide di partecipare a questo grande gioco.”

Ma cosa appassiona un utente che inizia come giocatore?

Lo chiediamo ad un neo-iscritto di questa stagione, il tesserato del Pescara Niccolò Fagiolino!

Niccolò cosa ti ha appassionato del Progetto? Cosa ti ha spinto a seguirlo con così tanto trasporto?

“Sinceramente non pensavo potesse esistere un così sconfinato mondo di appassionati di Football Manager, al punto da creare un gioco così coinvolgente

Il segreto secondo me è che ti fa tornare un bambino, con il sogno di poter giocare in una squadra di calcio seppur solo con un avatar digitale

Il trasporto è dato dal fatto che è bellissimo vedere come l’avatar proprio come in FM possa svilupparsi nel corso del tempo tra stipendio, bonus vari ed il calciomercato!

Le live inoltre, sono un altro grande aspetto positivo di questo progetto poiché è , oltre al gruppo squadra che ti senti un vero calciatore!

Cosa aspettate? Entrate anche voi in questa fantastica community!

Se questo articolo vi è piaciuto schiacciate like e condividetelo con i vostri amici!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento