Football Manager 2021: guida a Lazio e Roma

Roma e Lazio rappresentano una sfida intrigantissima e carica di contrasti in Football Manager 2021: lo “Scudo scucito dal petto” e la “Coppa ‘nfaccia“, i tempi che furono della Coppa delle Fiere e la mai troppo rimpianta Coppa delle Coppe, l’epica di Totti da giocatore e l’ascesa di Tare e Inzaghi dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, i miliardi di Cragnotti e quelli di Sensi…

Lazio e Roma che anche nel nostro Progetto Football Manager sono realtà contrastanti: nelle cinque stagioni finora concluse la Lazio è all’apice del suo ciclo, essendo passata dalla Serie B allo Scudetto al tetto d’Europa (e quindi di diritto disputa il Mondiale per Club), mentre la Roma ha vinto la Coppa Italia nella stagione della sua retrocessione, e da quel momento non è più riuscita a risalire le gerarchie.

Per questa guida alle squadre 2020/21 utilizzabili in Football Manager 2021 abbiamo chiesto come schiererebbero gli undici in campo agli attuali allenatori delle compagini PG di Lazio e Roma, Davide Costarella e Simone Clerici, e a due tifosi d’eccezione tra gli allenatori del PFM, il biancoceleste Daniele Fulco e il giallorosso Alessandro Calchi.

Nota metodologica: è stato utilizzato un database di FM20 con i trasferimenti aggiornati al 28 ottobre 2020, unito ad altri database creati dalla community, e per questo motivo gli attributi delle schede dei calciatori potrebbero non corrispondere a quelli che saranno presenti nel database iniziale di Football Manager 2021.

La Redazione

Guida alla SS Lazio in Football Manager 2021

Davide Costarella ha disegnato un 3-1-4-2 semplice nelle istruzioni di base: una costruzione dal gioco che deve iniziare dal basso ed è libera di svilupparsi a seconda di come si evolve la partita, con giocatori in possesso delle caratteristiche giusti nei ruoli chiave, e il riferimento è specialmente a Milinković-Savić come centrocampista di quantità e a Immobile come uomo d’area. Forse la pecca è la scarsa velocità di Acerbi e Radu, ma c’è tanto di Simone Inzaghi in questo modulo. «Sì, effettivamente la base è quella di Inzaghi, con intensità un po’ più alta: per quanto riguarda le istruzioni tendo a non esagerare perché credo che metterne troppe sia deleterio. Una cosa che sfrutterei in fase offensiva sono i calci piazzati, con Luis Alberto a batterli e Milinkovic-Savic, Immobile e Acerbi pronti a colpire di testa. In difesa confido sulla capacità di anticipo e posizionamento dei centrali, in caso di necessità si possono abbassare gli esterni a fare i fluidificanti.»

formazione lazio football manager 2021 davide costarella

Per rendere più offensivo questo modulo qual è la strada da seguire? Regolazioni sugli esterni, spostamento dei centrocampisti, istruzioni di squadra o altro? «Passerei dal 3-5-2 ad un 3-4-1-2, con Caicedo seconda punta (o 3-4-2-1 con Correa attaccante di sostegno) alzando Luis Alberto sulla trequarti come regista avanzato e Leiva (o Parolo) insieme a Milinković-Savić a centrocampo.»

Cosa manca per arrivare a vincere lo Scudetto nella prima stagione che si può recuperare con il mercato? «Credo che per puntare allo scudetto serva un esterno sinistro già a livello delle grandi Nella simulazione di una stagione condotta con questo modulo e questa formazione di base, questo si è effettivamente dimostrato il grande limite della Lazio: se con Fares e Lulić sono arrivati i secondi posti sia in campionato che in Coppa Italia che in Champions League immaginate quanto potrebbe migliorare con i giusti innesti! Potendo prendere dalla Roma un solo giocatore utile a questa Lazio, su chi cadrebbe la scelta? «Pellegrini, è un giocatore che su FM mi piace moltissimo. Non è esattamente il giocatore utile al modulo scelto visto la presenza di Milinković-Savić e Luis Alberto, ma mi darebbe la libertà di mettere lo spagnolo sulla trequarti.»

Daniele Fulco ha scelto di non discostarsi troppo dallo schema di Inzaghi: un 3-5-2 attento alla fase difensiva, perché «la Lazio di suo non ha alternative tali da poter azzardare altri tipi di schema», difatti il suo consiglio per il mercato è «Essendo un amante della difesa a 4, sicuramente cercherei dei terzini da integrare in squadra, oltre ad un altro difensore centrale». Personalmente mi trovo in accordo: Patric e Hoedt non possono essere più che dei ricambi, mentre Radu e Lulic hanno ormai 34 anni ed il declino fisico è inevitabile.

formazione lazio football manager 2021 daniele fulco

Le istruzioni dello stile tattico trasmettono l’idea di una squadra prudente, che cerca di costruire dal basso e di sviluppare il gioco nel settore centrale (comprensibile, dato che i 9/11 della formazione sono schierati lì). Ma quanto pesa la scarsa fiducia negli esterni in questa scelta? «Mi fido ciecamente dei due esterni titolari, ma credo che le maggiori qualità della Lazio siano a centrocampo, dove tutti e tre i centrocampisti hanno piedi educati. Inoltre, non avendo molta fiducia nel reparto difensivo, provare a sviluppare un gioco sulle fasce porterebbe la squadra ad un’eccessiva esposizione offensiva. Per carità, Acerbi è un top player, ma Luis Felipe e Hoedt dovrebbero concentrarsi di più per difendere senza commettere quegli errori che spesso hanno deciso in negativo le sorti dell’incontro». Questo giudizio tranchant spiega perfettamente perché non sia utilizzato nessun giocatore nel ruolo di Difensore che imposta, ruolo che un giocatore maggiormente tecnico e dotato di visione di gioco potrebbe ricoprire con successo. L’identikit del giocatore che ruberebbe alla Roma, dotato di grande esperienza internazionale: Chris Smalling.

istruzioni squadra lazio football manager 2021 daniele fulco

Guida alla AS Roma in Football Manager 2021

Simone Clerici ha preparato per la Roma un modulo ed una variante, premettendo che «per alcuni ruoli nella realtà avrei fatto scelte differenti a livello di giocatori che lo occupano, ma su FM alcuni hanno la scheda più adatta». Il “modulo base” è un 3-4-1-2 che sembra puntare nettamente su un gioco offensivo e sul recupero immediato del pallone, tanto che resterebbero i soli Smalling e Ibañez in copertura ed anche abbastanza larghi. Tanta fiducia nel potenziale realizzativo di Džeko e Zaniolo o poca fiducia nella capacità della Roma di resistere agli attacchi avversari? «La fiducia in Džeko e Zaniolo è indubbia, il primo è un attaccante che sa fare reparto da solo, fa salire la squadra, trova gli spazi ed è abile sia nel far segnare gli altri che nel finalizzare lui stesso. Zaniolo invece è sia tecnicamente che fisicamente mostruoso, quando parte in progressione sembra inarrestabile e con i piedi dà l’idea di fare quello che vuole. La Roma è inoltre una squadra spiccatamente offensiva ed aggressiva, quindi puntare al pressing alto e al recupero immediato del pallone è un ottimo modo per sfruttare queste caratteristiche dei giocatori.»

formazione as roma football manager 2021 simone clerici 1
istruzioni squadra as roma football manager 2021 simone clerici 1

Nella variante più simile a un 3-4-3 invece il peso dell’attacco è sulle spalle del solo Džeko, ma si coinvolge maggiormente la squadra nella creazione del gioco semplificando i compiti di Spinazzola e Karsdorp. Nel complesso, la Roma è una squadra pronta a vincere lo Scudetto nella prima stagione? «Džeko può fare reparto da solo o creare gli spazi per gli inserimenti di Zaniolo e Mkhitaryan, messi come attaccanti esterni per sfruttare le loro doti di movimento senza palla e di finalizzazione, oltre alle combinazioni di caratteristiche che li rendono abili nella progressione e nel dribbling. Lasciare poi Karsdorp e Spinazzola come esterni completi dà loro il compito di spaziare su tutta la fascia, porzione di campo che i due esterni d’attacco trascureranno per inserirsi, e in fase difensiva tornare a dare una mano ai 3 dietro (Karsdorp, più offensivo, aiutato da Smalling che rimarrà in copertura e da Pellegrini che sarà RAr/Df, quindi più bloccato indietro per coprire i potenziali buchi lasciati dall’olandese, mentre Veretout come centrocampista centrale d’attacco darà con i suoi inserimenti un’opzione in più, complice il lavoro meno spiccatamente offensivo e più attento alla copertura di Spinazzola. Sì, questa è una squadra che potrebbe vincere lo Scudetto, a livello di schede ci sono giocatori ottimi per ricoprire quei ruoli anche tra le riserve.»

formazione as roma football manager 2021 simone clerici 2
istruzioni squadra as roma football manager 2021 simone clerici 2

Potrebbe vincere il campionato, ma in che maniera la si potrebbe rendere più efficiente? «Sicuramente un vice Džeko è d’obbligo, visto che nessuno ha le sue caratteristiche in squadra, un esterno per fascia, perché Bruno Peres e Santon non mi sembrano adatti come seconde scelte, e poi magari un paio di centrali di difesa: Kumbulla è una validissima alternativa e Fazio a livello tecnico è ottimo, ma troppo lento per essere funzionale ad una difesa a 3 con questo tipo di gioco, mentre Juan Jesus non è all’altezza. Uno dei due centrali dovrebbe essere un vice Mancini, visto che per coprire con successo il ruolo di libero offensivo devi essere praticamente perfetto sulle caratteristiche chiave, e nessun altro oltre a lui lo è.» Magari un giocatore della Lazio? «Immobile, è un maledetto carro armato».

Diversa l’idea di Alessandro Calchi: squadra più compatta, difesa a quattro in grado di costruire la manovra sviluppata verticalmente, e un attacco di grande esperienza supportato da un centrocampo giovane e fresco. Perché questo mix sarebbe funzionale a far rendere bene la Roma già dalla prima stagione? «Perché alla freschezza di alcuni giovani come Pellegrini, Zaniolo e Mancini va affiancata la buona e vecchia esperienza, soprattutto in fase offensiva: davanti ho scelto Pedro, Džeko e Mkhitaryan proprio per dare accorgimenti che alcuni giovani non riescono ad avere, oltre ad avere doti tecniche di qualità eccelsa. Dietro qualche elemento più esperto come Smalling è necessario, ma Santon si può sostituire facilmente con Spinazzola a sinistra, come a destra si può inserire o florenzi o Karsdorp rendendosi un po’ più offensivi. Per far bene subito credo ci voglia il giusto mix tra giovani ed esperti già belli formati.»

formazione as roma football manager 2021 alessandro calchi
istruzioni squadra as roma football manager 2021 alessandro calchi

Essendo uno schema semplice e tutto sommato equilibrato, concentriamoci soprattutto sul mercato per rendere la Roma in grado di vincere lo Scudetto già alla prima stagione: cosa serve per migliorare la rosa? «Sicuramente se si vuole usare Spinazzola sulla sinistra serve un terzino destro di qualità superiori a Florenzi o Karsdorp e allo stesso Santon, oltre ad una riserva di Spinazzola stesso. Un portiere di livello. E qualche comprimario di riserva magari anche giovane nel reparto offensivo, precisamente sulla trequarti campo.» Qualcuno che si potrebbe sottrarre alla Lazio? «Se guardiamo il puro lato calcistico Luis Alberto, se guardiamo cosa davvero servirebbe alla Roma molto probabilmente Lazzari.»

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento