PROGETTO FM – Un Novara verso la Gloria

Siamo nel bel mezzo del cammino della S6, e già ci sono state grandi sorprese ovunque. Oggi parliamo di una di queste sorprese, anche se in realtà stava lottando per entrare nella zona play-off di Serie B per accedere alla massima serie, ovvero il Novara. E a parlarci meglio della squadra piemontese sono il suo presidente Alessandro Calchi e il suo allenatore Raoul Guzzi.

Ciao Alessandro e ciao Raoul. Innanzitutto vi ringrazio per avermi concesso questa intervista. Allora ragazzi, il campionato di Serie B non è cominciato da moltissimo, però la squadra si è dimostrata un avversario temibile per tutti quanti, tanto che siete in piena zona lotta non solo per i play-off, ma addirittura per la promozione diretta nella Serie A. Diteci, vi aspettavate questa partenza bruciante da parte dei giocatori? Che aria si respira negli spogliatoi? Avete per caso dato un elisir per migliorare le loro prestazioni? (ridendo, ndr)

Calchi: Ma secondo voi potevo davvero aspettarmi una partenza così con quella pippa de Guzzi in panchina? (Scherzo ovviamente). Tornando seri, oserei dire che è stata una sorpresa per tutti. Nello spogliatoio nulla è cambiato, conosciamo tutti il nostro obiettivo primario, salvarci con più giornate possibili d’anticipo, lo so io, lo sa il ds Giulio Nicolino e lo sa pure Mr. Guzzi. Poi tutto quello che viene dopo è solo un guadagno, vogliamo i play-off? I ragazzi senatori di questa squadra, tra cui cito il capitano Marco Invernizzi e il terzino destro Christian Gnudi, li vorrebbero da matti, noi ci proviamo, sperando che la SI ci aiuti.

Guzzi: Buongiorno a tutti, grazie per l’intervista. Personalmente, non mi aspettavo una partenza così forte, anzi vi dirò una cosa. Ho titubato prima di accettare la panchina del Novara e ho rifiutato un’altra squadra proprio perché pensavo di non essere all’altezza. Sono riuscito a creare un modulo che per ora sta rendendo, ora col mio vice, proprio Alessandro stiamo lavorando per altre soluzioni, per ora mi ritengo soddisfatto comunque. In spogliatoio si sta molto bene, il gruppo è unito e tutti abbiamo un obiettivo comune, ovvero la salvezza.

L’anno scorso il Novara non è arrivato per un soffio a giocarsi la promozione mediante i play-off, mentre quest’anno siete tra le prime della classe, tra l’altro anche passando in testa per qualche giornata. A che cosa è dovuta questa inversione di tendenza? Che cosa è cambiato rispetto alla stagione passata?

Calchi: “Beh sicuro è cambiata na cosa. Quello sculato de Guzzi non allena più la squadra avversaria, ma bensì la nostra.” Sono ovviamente ironico, l’anno scorso il nostro vecchio Mister Giulio Valerio Ottaviani ha compiuto un vero e proprio miracolo, nessuno forse se ne è accorto, ma con la rosa meno forte addirittura di quella di S4 è riuscito a lottare per i play-off. Difatti io gli sarò sempre grato e continuerò a dire che è un grande allenatore, anche se lui continuerà a negarlo. È cambiato tanto, dall’affiliata Livorno che ci ha portato una ventata d’aria fresca, dallo stesso mister, che ha portato anche un po’ di culo, sempre fondamentale nel calcio e su FM, ma anche una voglia di fare disumana. Mi avrà mandato 50 moduli da vedere prima dell’inizio per farvi capire. L’unica cosa che rimane è che abbiamo un vice allenatore scarso, ah ma sono io? Appunto!

Guzzi: Rispetto alla scorsa stagione la rosa è più ampia, e più forte. Sono arrivati giocatori utili alla causa e di spessore, uno su tutti è Yuri Baldacci, storico giocatore, con alle spalle presenze in Serie A e in Nazionale. Trovo che Ottaviani (tra l’altro mio allenatore a Frosinone) la scorsa stagione abbia fatta un mezzo miracolo, aveva una rosa veramente corta.

Molti ragazzi che seguono e vivono il Progetto dicono che la Serie B è uno dei campionati più difficili, visto il grandissimo numero di squadre attive, per esempio il Palermo, la Torres, il Frosinone, il Napoli, ecc. Dove vi vedete da adesso a fine campionato? Come le vedete le altre squadre? Chi vincerà? Chi verrà promosso? Chi retrocederà? Insomma, fate il vostro pronostico.

Calchi: Pronostichino del Vate? Lo vince la viola sto campionato. Perché io so ‘mpo matto (cit). Tornando seri, tutti attivissimi, campionato durissimo e forse a spanne il più bello per competitività. Io ti posso dire che secondo la mia onesta opinione davanti ci finirà il Palermo di Leo Vecchio seguito dal Frosinone di Ottaviani. Ovviamente posti contesi fino all’ultima partita di Serie B. Il Novara? Spero nell’ultimo posto dei play-off disponibile, poi come va va. Ci tengo comunque a citare la grande Fiorentina del Collega Paride Di Iure, che ha trovato una squadra fantastica e sta facendo un campionato pazzesco, per me loro possono essere la vera sorpresa di questo campionato.

Guzzi: L’obiettivo concordato con la società è la salvezza, anche se personalmente vorrei raggiungere i play-off. Fare pronostici ora è molto dura, la classifica è molto corta e preferisco non sbilanciarmi.

Voi avete fatto un calciomercato un po’ strategico, con una sola cessione e prendendo 4 giocatori, 3 dei quali provengono dalla squadra affiliata Major Livorno, e uno di loro addirittura è un giocatore che è partito dalla S1, ovvero Baldacci. Che apporto stanno dando alla squadra i nuovi innesti? Uno come Baldacci che è da tanto tempo presente nel Progetto può portare alla squadra un po’ più di esperienza e di consigli per migliorare il tutto?

Calchi: Novara in S4 era una piazza “meh” a mio parere, una di quelle incognite che finché non ci sei dentro non lo puoi sapere. In 2 anni ho, ma non mi piace essere così egocentrico, e dico quindi abbiamo dato un po’ più di appeal a questa squadra. Basti fare l’esempio di Baldacci che ha accettato volentieri di salire a Novara e prestarsi alla causa, la sua esperienza è fondamentale, così come di tutti gli altri vecchietti, se si può così definirli, del Novara. Mayor (pinerolo vedi tu lol) che è con noi dall’anno scorso, Invernizzi che vanta presenza in Champions League. La squadra sta crescendo e ha tanta voglia di dimostrare, spero negli anni di dover fare sempre meno acquisti e tenermi tutti i miei ragazzi a cui voglio un bene dell’anima.

Guzzi: I nuovi acquisti si sono integrati alla grande, praticamente tutti sono giocatori che per me rientrano nella formazione titolare, devo ringraziare Alessandro Calchi e il DS Giulio Nicolino per tutto questo, è merito loro. Yuri Baldacci ci aiuta molto in tutti i sensi, veramente un top!

Alessandro e Raoul, avete cominciato la vostra carriera verso la fine della S3 come giocatori, ma a partire dalle stagioni successive avete deciso anche di assumere un altro ruolo all’interno del Progetto. Nel Novara voi assumete due cariche che non sono delle più facili: il presidente e l’allenatore, ma la domanda che vorrei farvi è un’altra. Che cosa vi ha spinto a scegliere il Novara all’interno del Progetto?

Calchi: La risposta qui è facile, entrai nel Perugia di William Cioè, ma per far un favore a quei due bei fustacchioni dei Fulco, William decise di cedermi in prestito a questa squadra in Serie B che era tutta da rifondare. Fu amore a prima vista, coi Fulco mi trovai benissimo, mi trovai benissimo con i vari Pisati (attualmente al Foggia), Antonino (Triestina), Gnudi e tanti altri che ora magari non sono più con noi, ma a cui tengo particolarmente. La scelta è di cuore, lasciarla senza presidenza mi faceva male, così io e Ottaviani principalmente abbiamo deciso di prenderla e provare a renderla una buona squadra. Ci siamo riusciti? Tempo al tempo.

Guzzi: Volevo allenare una squadra in B dopo il Frosinone e il Siena, mi sono capitate 2 possibilità, ho scelto Novara per l’amicizia con Alessandro Calchi e perché conoscevo già l’ambiente dato che ero MM. Tutto questo anche perché penso che l’obiettivo della squadra sia consono alle mie qualità. Ho rifiutato un’altra squadra proprio perché pensavo di non essere all’altezza.

Voi due tra l’altro siete presidenti di altre due squadre che giocano in Serie C. Tu Ale sei presidente del Livorno, affiliato tra l’altro Novara, mentre tu Raoul sei presidente del Carpi assieme a Driussi. Parlatemi un po’ delle vostre seconde squadre e fate un vostro pronostico di dove potrebbero arrivare in classifica.

Calchi: Ah il Livorno, che squadra signori. Una squadra di Pazzi che mi da soddisfazioni, anche se meno attivi del Novara. La voglia e la presenza nel gruppo mi piace quasi di più di chi porta bonus, ma nel gruppo non si sente mai. Una squadra che l’anno scorso ha sfiorato un’impresa nel battere la schiacciasassi Triestina di Daniele Fulco, pareggiando all’andata e perdendo senza che io allennasi, per colpa di un crash della luce in casa. Tanti giocatori sono andati via, alcuni hanno abbandonato come ad esempio Daniel Valeriani, altri sono rimasti. Ma con gli scout abbiamo riempito ancora la squadra dandogli una nuova linfa. Infatti, oltre ai vari Pizziol, Gallo, Moro, Harb, Villino e Zorloni, abbiamo integrato nuovi giocatori come Bonetti, Scardina, Natale, Ruello che stanno dando una grande mano soprattutto in campo. Siamo imbattuti contro le prime 3 e me sembra un sogno considerato chi li allena. Figa quanto è scarso Calchi oh.

Guzzi: Le altre mie squadre (Frosinone dove gioco e Carpi dove sono presidente) stanno andando molto bene! Col Frosinone siamo in piena lotto promozione dopo una partenza non bellissima, ma come piace dire al pres. William Cioè: “se non perdiamo le prime 5, non siamo noi!” Col Carpi anche, siamo in lotta promozione e speriamo di giocarcela fino alla fine, anche se sarà molto dura!

Un’ultima domanda e abbiamo finito. Come vi vedrete da qui a fine stagione? Sia come giocatore che come presidente/allenatore?

Calchi: Da presidente spero con Guzzi al mio fianco, salvi a berci degli spritz fino alle 18, poi dopo meglio di no. Da giocatore chi lo sa, il futuro è tutto da scoprire. Stay Tuned.

Guzzi: Come giocatore mi vedo ancora al Frosinone, anche perché a gennaio è difficile qualcuno sborsi la cifra che la società richiede per me, come presidente mi vedo ancora al Carpi e come allenatore mi vedo ancora al Novara, ma questo dipenderà dai risultati!

Abbiamo finito ragazzi. Vi ringrazio ancora per l’intervista appena fatta e buona fortuna per questa S6.

Calchi: Grazie a te.

Guzzi: Grazie a tutti e Forza Novara!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento