Big Bang Navi: la potenza delle Radeon RX 6000

Finalmente AMD ha presentato le potentissime Radeon RX 6000 basate su architettura RDNA2. Riusciranno queste nuove GPU da gaming a contrastare quelle della serie RTX 3000 di NVIDIA? Vediamo cosa ci aspetterà nelle prossime settimane.

Il 28 ottobre, durante l’evento Where gaming begins trasmesso in streaming, AMD ha mostrato le nuove schede grafiche Big Navi che sfideranno le RTX 3000 della rivale NVIDIA: i tre modelli della serie Radeon RX 6000 presentati sono la RX 6900 XT, la RX 6800 XT e la RX 6800. AMD ha introdotto diversi cambiamenti con le ultime GPU, scopriamo quali.

Lisa Su presenta le RX 6000
Il CEO di AMD, Lisa Su, ci regala altre soddisfazioni dopo la presentazione delle CPU Ryzen 5000.

(R)DNA modificato

Le Radeon RX 6000 sono basate sull’architettura RDNA2 , discendente diretta della RDNA della serie RX 5000. Lo sviluppo di questa architettura ha portato ad un incremento delle prestazioni per watt e ad un’ottimizzazione delle prestazioni data un restyling del processore grafico che è stato in grado di aumentare la frequenza di clock del 30%, mantenendo contemporaneamente il processo produttivo a 7nm.

Architettura RDNA2

Su tutti i modelli Radeon RX 6000 sono montati 16GB di VRAM GDDR6 16 Gbps accompagnati dall’Infinity Cache, cioè una cache on-die da 128MB capace di incrementare la larghezza di banda e ridurre le latenze, aumentando notevolmente le performance nel gaming a 4K. A queste novità AMD ha aggiunto Smart Access Memory, una tecnologia che consente alle CPU Ryzen 5000 (solo su chipset X570 e B550) di accedere alle VRAM GDDR6 della GPU, migliorando ulteriormente le prestazioni nel gaming fino al 13%.

Infinity Cache

Le Radeon RX 6000 supporteranno le Direct XII Ultimate, il DirectX RayTracing (DXR) e il Variable Rate Shading (VRS)  e il toolkit open-source AMD FidelityFX che permette agli sviluppatori di aggiungere ai videogiochi effetti di post-processing di alta qualità con maggior realismo.

AMD FidelityFX

Altra chicca di AMD è stata l’introduzione del Rage Mode One Click Overclocking. Sfruttando questa modalità, integrata nel Radeon Software, si potrà attivare un overclock automatico della scheda grafica per aumentare ancora una volta le performance. La combinazione di tutti questi nuovi elementi, secondo i benchmark forniti da AMD, permetteranno alla RX 6800 XT di battere in più frangenti la diretta avversaria RTX 3080.

Rage Mode One Click Overclocking

Modelli, prezzi e uscita

  • La top di gamma di AMD sarà la Radeon RX 6900 XT, una scheda grafica da 80 Compute Unit, 2015MHz di game clock, 2250Mhz di boost clock, cache di 128mb, 16GB GDDR6 e un basso consumo energetico di “soli” 300W. La diretta concorrente della GeForce RTX 3090, ma offerta ad un prezzo molto più basso: 999$ contro 1499$ della rivale NVIDIA! L’uscita è prevista per l’8 dicembre.
Radeon RX 6900 XT
  • La Radeon RX 6800 XT ha quasi le stesse caratteristiche tecniche delle RX 6900 XT, ma utilizza una GPU leggermente depotenziata da 72 Compute Units. Su questa fascia l’avversario per questa scheda è sicuramente la RTX 3080. Il prezzo di partenza sarà di 649$, 50 dollari meno della 3080. Per l’uscita bisognerà aspettare il 18 novembre.
Radeon RX 6800 XT
  • La Radeon RX 6800 è il modello più economico che offre 60 Compute Units, 1815Mhz di game clock, 2015Mhz di boost clock, un TBP di 250W, tutti valori inferiori rispetto alle altre RX 6000. L’Infinity Cache e la VRAM rimangono identiche. Questa GPU di AMD dovrà vedersela con la RTX 3070, ma questa volta il prezzo è a favore di NVIDIA: 549$ contro 499$. Anche per la RX 6800 l’iuscita è stata fissata il 18 novembre.
Radeon RX 6800

AMD vs NVIDIA, prime schermaglie

Negli ultimi giorni AMD ha voluto fare un’ulteriore prova di forza nei confronti di NVIDIA pubblicando i benchmark delle RX 6000 in risoluzione 2560x1440p (QHD) e 4K con 10 titoli: Forza Horizon 4, Call of Duty: Modern Warfare, Battlefield V, Shadow of the Tomb Raider, Borderlands 3, The Division 2, Doom Eternal, Gears 5, Resident Evil 3, Wolfenstein Youngblood. I test sono stati effettuati usando una configurazione con il nuovissimo AMD Ryzen 5900X, 16gb DDR4-3200MHz, Scheda Madre X570, Windows 10 Pro x64 e AMD Smart Access Memory attivo. Guardiamo i grafici.

Benchmark QHD Radeon vs GeForce
Benchmark 4K Radeon vs GeForce

Si nota chiaramente che le Radeon RX 6000 risulterebbero superiori o pari merito con le rivali NVIDIA in quasi tutti i giochi, ma bisogna anche dire che non è tutto oro quel che luccica. Il dubbio che i test non siano proprio imparziali c’è (pure bello grosso), lo sfruttamento della tecnologia Smart Access Memory ha sicuramente influito sui risultati.

Inoltre, rimane la grande incognita Ray Tracing: AMD ha assicurato che, grazie al Ray Accelerator, la serie RX 60000 supporterà questa tecnologia di rendering, tuttavia non si sono ancora viste prove sul campo. Non è stata data alcuna notizia nemmeno sull’implementazione di una tecnologia simile al DLSS (Deep Learning Super Sampling), una tecnica di rendering basata sull’intelligenza artificiale creata da NVIDIA per migliorare le prestazioni nei giochi.

Non ci resta che aspettare il 18 novembre per ammirare l’epica battaglia combattuta a suon di benchmark tra AMD e NVIDIA. Noi di Progetto Gaming con la rubrica #HardwaresAssemble ci saremo, e voi?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento