#sigiocapoveri 16 ottobre

#Sigiocapoveri: Il regno dei maiali smemorati

Un #sigiocapoveri impegnativo quello di questa settimana, con tantissima carne al fuoco e tanti titoli diversi. In apertura, come di consueto, i giochi offerti da Epic Store, ma IndieGala e Steam non sono stati da meno. Da segnalare le offerte di Sega per il 60° anniversario dalla fondazione.


So bene che molti di voi sono rimasti delusi quando, la settimana scorsa, non si è palesato sui vostri schermi il #Sigiocapoveri. Abbiamo sentito il rumore dei vostri pugni, battuti disperatamente su muri e pavimenti. Ci siamo bagnati con le vostre lacrime ed udito le vostre grida di terrore e disperazione. Ora va tutto bene, il #Sigiocapoveri è qui, e con lui tantissime offerte a costo 0 o quasi. Pronti a gettarvi nei meandri di questa tornata?

Amnesia: A Machine For Pigs

Epic Games Store ( 16/22 Ottobre )

Survival Horror

Seguito dell’acclamatissimo titolo indie Amnesia: The Dark Descent, questo secondo capito ha suscitato reazioni contrastanti da parte dei fan della serie. Survival horror dai tratti profondamente psicologici, a differenza di altri titoli dello stesso filone (ad esempio i vari Resident Evil, od anche Silent Hill, Martian Gothic o Dead Space) qui non si tratta tanto di affrontare mostri esterni quanto i meandri della psiche del protagonista.

L’ambientazione è quella di una Londra oscura e misteriosa di fine XIX Secolo. Saremo nel 1899, per essere precisi. Oswald Mandus, il protagonista della nostra storia, si sveglierà da un profondo sonno per scoprirsi vittima di una terribile amnesia. Scopo del gioco sarà quello di riuscire a ricostruire la nostra storia ed identità, e dare una risposta alle tante domande che affollano la nostra testa. In particolare il perchè di tanti, terribili incubi. Ed il perchè Oswald sia convinto che i figli siano in pericolo

Per ottenere delle risposte, dovremo calarci nei meandri (molto ben realizzati) della psiche e del luogo di lavoro del macellaio. In prima persona. Tra labirinti oscuri, giochi di luce ed una colonna sonora generalmente all’altezza, non mancheranno le occasioni di spavento. Se avete amato Amnesia: The Dark Descent per le sue meccaniche, però, potreste rimanere molto delusi.

Vale la pena scaricarlo?

Amnesia: A Machine For Pigs è stato sviluppato da The Chinese Machine, non da Frictional Games (quest’ultima lo ha solo pubblicato), ed il cambio di mano è evidente. Certo, rimane un gioco interessante per appassionati del genere, ma non aspettatevi nulla di eccezionale. Sento di poterlo consigliare agli appassionati dei survival horror, ma eviterei accuratamente di mettere Amnesia in mano ad un bambino. Sembra superfluo doverlo rimarcare, ma si sa mai.

Link alla pagina del gioco!


Kingdom: New Lands

Epic Games Store ( 16/22 Ottobre )

Strategia / Gestionale / GDR

Anche il secondo gioco della settimana è un sequel. In questo caso parliamo dell’ottimo Kingdom: New Lands, seguito del piacevole Kingdoms, gioco indie dal discreto successo. Mix riuscito di vari generi, troviamo al suo interno elementi di strategia, GDR e gestionali. Nei panni di un novello Re, o Regina, dovremo infatti esplorare nuove e strane terre e creare un fiorente regno. Quanto fiorente? Dipenderà molto dalla nostra abilità come sovrani. Oltre che da un pizzico di fortuna con l’RNG del gioco.

Per quanto l’impianto grafico in pixel art posssa far pensare ad un gioco semplice, Kingdoms: New Lands è un titolo con più di un asso nella manica. Roguelite nella creazione delle mappe e delle zone, richiede una certa pianificazione strategica nella produzione di edifici ed unità. Una base costruita con poca accortezza non reggerà ai pericoli delle oscure notti di gioco. Essenziale il ruolo del sovrano, o sovrana, che sarà l’unica unità in grado di esplorare i dintorni e su cui avremo completo controllo.

Incapaci di combattere noi stessi le orde del male che, generalmente, finiremo per scatenare sulle nostre stesse terre, avremo bisogno di muoverci con cautela. Essere circondati o colpiti dal nemico può costarci le nostre monete, è vero, ma potrebbe anche costarci l’intera partita. Tuttavia non c’è da preoccuparsi: morendo ritorneremo sotto le spoglie di un altro aspirante propietario dell’ennesima isola. Avremo più fortuna al secondo giro?

Vale la pena scaricarlo?

Data la natura mediamente rilassante del titolo, è facile consigliarlo ad un pubblico trasversale: il giocatore casuale troverà una sfida abbordabile e non troppo longeva, mentre difficoltà più elevate ed un impegno maggiore solleticheranno chi cerca una sfida. L’assenza di violenza grafica lo rende adatto anche ad un pubblico di minori, complice la semplicità dei comandi. Basterà, infatti, utilizzare un mouse.

Nota a parte meritano le bassissime richieste di sistema: un processore Dual Core e Windows XP ci permetteranno di eseguire il programma. Lo stesso temo non possa dirsi del client Epic richiesto per avviarlo.

Link alla pagina del gioco!


Defense of Roman Britain

IndieGala

Strategia – Tower Defense

Regalo della nostra italianissima IndieGala, ospite ormai quasi fisso dei nostri #sigiocapoveri, Defense of Roman Britain è un gioco difficile da descrivere. Provate ad immaginare un tower defense il cui aspetto grafico è quel simil-cartonoso à la Settlers 3, ed in cui le unità non hanno ALCUN TIPO di collegamento con i Britanni. Ad esempio mongolfiere ed elefanti. Nella Britannia del II secolo dopo Cristo. Ora aggiungete un’interfaccia piuttosto confusa ed un sistema di progressione non lineare, peggiorato da una traduzione in inglese che sembra fatta da un bambino delle medie.

Bene, chi tra di voi riuscirà a chiudere un occhio su questi difetti più o meno evidenti (o considerabili tali in realtà) potrebbe trovarsi di fronte ad un gioco sorprendentemente divertente. La struttura è quella di un TD classico, in cui la storia è davvero ridotta ai minimi termini. Nella Britannia romana si verificano una serie di insurrezioni ed una legione d’èlite viene mandata dalla Gallia a sedare le rivolte con la forza. Riusciranno i nostri eroi, armati di tipiche Gatling romane, a risolvere il problema?

Vale la pena scaricarlo?

L’unico modo per rispondere alla domanda di cui sopra sarebbe, in effetti, scaricare il gioco e provarlo. Personalmente ammetto di non averne avuto il coraggio, almeno per ora (sono già stato sfidato a farlo), ma non dubito che possa presentare anche degli aspetti positivi. Primo su tutti il fatto di essere gratis.

Link alla pagina del gioco!


Dyna Bomb

IndieGala

Platform

Se il gioco di cui sopra non vi ha convinto, perchè non dare una chance a Dyna Bomb? Simpatico giochino dallo stile retrò, si tratta di un platform molto semplice in cimentarsi nella raccolta di oggetti, gemme e powerup in ben 8 mondi, ognuno composto da 8 livelli (così almeno sono riuscito a capire). Oggetti e livelli nascosti sono sparsi un po’ ovunque, mentre la scelta tra un protagonista maschile od uno femminile non presenta altra differenza che l’estetica.

Il sistema di controllo non è eccezionale, ma è sufficientemente responsivo da permetterci di volteggiare con agilità per i vari livelli. Armati del nostro jetpack ed un lanciagranate (da cui il nome del gioco), affronteremo pericoli abbastanza vari da mantenere vivo il nostro interesse per qualche tempo. Per aggiungere un pizzico di sfida, oltre ai pericoli ambientali avremo contro di noi il fattore tempo, per dare un senso di urgenza al tutto.

Vale la pena scaricarlo?

Onestamente sì. Per quanto si tratti chiaramente di un progetto a budget ridottissimo, e quindi perfettamente in tema col #sigiocapoveri, la sensazione è quella di trovarsi di fronte ad un buon progetto amatoriale. Non avrebbe sfigurato, qualche anno fa, in qualche collezione di giochi a basso costo. Ad oggi è senza dubbio da consigliare ad un pubblico giovane od a chi cerca un passatempo non troppo impegnativo. Trovandolo a disposizione gratis su IndieGala, non c’è motivo per non approfittarne.

Link alla pagina del gioco!


Sonic The Hedgehog 2

Sega (su Steam)

Platform

Il piatto migliore si tiene sempre per ultimo, ed è con Sonic The Hedgehog 2 che ho voluto concludere la nostra rassegna per la settimana. SEGA festeggia il suo 60° compleanno, e lo fa in pompa magna proponendo sconti sensazionali su tutti i suoi titoli. Dai classici per MegaDrive e Master System ai più moderni Company of Heroes e Total War, la potenza di fuoco messa in campo da SEGA è micidiale.

Tra le tante offerte è presente quella del secondo, meraviglioso, capitolo della saga di Sonic, in cui vedremo introdotto il personaggio di Tails. Assieme al nostro nuovo amico c’imbarcheremo in un’avventura ad altissima velocità, per sventare ancora una volta i malvagi piani del sinistro Dr. Robotnik. Sonic 2 è un gioco che non necessita di alcuna presentazione se lo conoscete, e nessuna spiegazione se non lo conoscete. Dovete solo giocarlo, senza sè e senza ma.

L’invito, chiaramente, è quello di gettare uno sguardo anche alle tante altre offerte presenti in questi giorni su Steam e legate alle celebrazioni della ditta giapponese. Da Shenmue a Golden Axe, da Yakuza ad Endless Legend, è quasi impossibile non troviate qualcosa d’interessante.

Vale la pena scaricarlo?

Mettiamola così: se anche avessi parlato solo di questo gioco in questa edizione del #Sigiocapoveri, od in qualsiasi altra incarnazione del #Sigiocapoveri, sarebbe valsa la pena pubblicarlo. Non stiamo parlando di un gioco, ma di un pezzo di storia del nostro sistema d’intrattenimento preferito. Fatevi un favore e cliccate quel link.

Link alla pagina del gioco!


Larga è la foglia, stretta è la via, ed anche per questa settimana nel #Sigiocapoveri ho detto la mia. Nella speranza che abbiate trovato qualcosa che fa al caso vostro, vi rinnovo l’appuntamento settimanale sempre qui su Progetto Gaming, e vi lascio con una domanda: sapreste dire chi è stato il primo testimonial per Sega in Italia?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento