PROGETTO FM – Torino, Fiorentina e Perugia: Lady Angela a tutto tondo

Non poteva esserci una stagione 6 del Progetto Gaming senza la Lady del (video)gioco che tutti amiamo. Angela Iadicicco è entusiasta per questa nuova annata, ma bisogna ricordare che poco più di un anno fa non viveva un rapporto proprio ottimale con il Progetto: “Appena lasciai la presidenza del Vicenza mi senti svuotata e demotivata. Per fortuna subito mi buttai ad intraprendere una nuova avventura con la Fiorentina, e riuscì a trovare le giuste motivazioni, nonostante le moltissime difficoltà incontrare in questo cammino, e che son sicura troverò ancora, ma l’importante è crederci sempre”. Ributtarsi dunque nella mischia da dirigente ha contribuito a far risbocciare l’amore nel gioco. La retrocessione in C della Fiorentina sembrava interrompere le mire espansionistiche della Lady e di Daniele Pusceddu, costringendo i due a cedere il Pescara. Ma qualcosa è cambiato repentinamente: “Dopo qualche settimana, i viola sono stati ripescati per la B. Io e Pusceddu decidemmo di acquisire una nuova società da affiliare e abbiamo scelto il Perugia. Ci ha spinto la voglia di voler metterci ancora in gioco, non solo con la Fiorentina. Vogliamo creare un gruppo solido e compatto, dove ci si possa divertire”.

Un gruppo che sta ottenendo risultati in questo primo scorcio di S6 (4-0 all’Akragas ed eliminazione della Triestina in Coppa Italia), grazie anche ai movimenti estivi: “In campionato è arrivata la prima vittoria, ma è ancora presto per valutare il tutto. Io e Simone Tave abbiamo fatto un buon mercato, basandoci sulle scelte del mister Paride. E sono sicura che saprà sfruttare bene la rosa, ho piena fiducia in lui nonostante sia alla prima esperienza da allenatore, ma è una persona molto preparata. Con il prezioso aiuto di Daniele, tutti noi dello staff stiamo facendo un ottimo lavoro anche in ottica “spogliatoio”, che è una cosa importantissima. Voglio riportare la Fiorentina dove merita, sarà un percorso lungo e tosto ma il mio obiettivo è questo.”. Molte ambizioni anche con il Perugia: “Mi sta già dando soddisfazioni, la mia intenzione era quella di costruire un bel gruppo, e ci stiamo riuscendo, abbiamo 14 giocatori, ora dobbiamo mantenere questo ritmo, e tra noi dello staff, io, Pusceddu, Simone Tave e Claudio Però, c’è una bellissima intesa, cosa molto importante per costruire qualcosa di solido”.

Ma la Lady è anche, se non soprattutto, una delle punte di diamante del Torino e della Nazionale. Quest’anno ci saranno gli Europei, la Iadicicco sembra essere certa del posto ma comunque vuole rimanere umile: “Spero che il mister venga riconfermato. È in gamba, ha costruito un bellissimo gruppo. Spero di esserci, da parte mia metterò tutto l’impegno possibile per poter arrivare all’Europeo. So che la strada è tosta e c’è molta competizione, quindi dovrò metterci il 200%. Se poi l’Europeo dovesse arrivare spero di poter regalare, assieme ai miei compagni, questo titolo ai tifosi italiani e al mister”. Anche il Torino ha grandi ambizioni: “Voglio dare una grossa mano ai granata, in campo, con la Champions League, e nello spogliatoio. Spero di poter far meglio dell’anno scorso, regalando quello che merita questo Torino”.

Una carriera avviatissima da giocatrice e presidente. Ma quale ruolo dà più stimoli? “Sono due ruoli abbastanza differenti. Da presidente oltre ad avere tu stessa stimoli, devi anche trasmettere stimoli alla squadra. Come giocatrice lo stimolo lo trovi in gruppo, ti viene trasmesso, e nello spogliatoio del Torino è difficile non lo trovarlo. A me ad esempio piace molto ruolare sul mio giocatore e insieme ai miei compagni. Poi essere importante per il Torino è già uno stimolo. Poi sentire il tuo nome in live, con tanti complimenti, soprattutto da Alberto De Donatis, è uno stimolo in più”. Un passaggio anche sulla crescita del Progetto Gaming: “Sta crescendo anno dopo anno. Gli utenti sono aumentati mesi dopo mesi, così come i ruoli ricoprenti all’interno del Superstaff sono aumentati, perché per funzionare bene c’è bisogno di una squadra che dia una mano, gli admin non possono fare da soli tutto, e per fortuna si sono circondati di persone in grado di aiutarli e gestire il tutto. Per crescere ci vuole impegno e passione, e Filippo, Alessandro, De Donatis all’epoca quando era admin, Fulco, Sedda, sono riusciti a creare qualcosa di meraviglioso, che viene alimentato ogni giorno”.

 Ma la domanda che si pongono tutti è: Lady Angela preferirebbe la promozione con la Fiorentina, quella con il Perugia o un gol in finale di Champions League? “Per le prime due è un obiettivo che intendo realizzare se non a breve tempo, a lungo termine. Quindi se non è questa stagione, sarà la prossima, con la speranza di ottenere le due promozioni con il gruppo che c’è ora, e con lo staff che c’è ora.

La terza è più un sogno, quel sogno che hai sin da bambino, segnare il gol decisivo in finale di Champions, è qualcosa che ti emoziona persino solo a parlarne. Ma io sono una persona a cui piace far gruppo, quindi magari la possiamo vincere pure con un gol di Andrea Conte”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento