Progetto FM – Alla scoperta di Giangioman

Oggi siamo qui a bere un thè caldo con una persona che, almeno nel fantastico mondo di FM, non ha certo bisogno di presentazioni: Gianluca Petrazzuolo, noto anche come Giangioman. Allora Gianluca, per cominciare: Come mai la scelta di entrare nel Progetto? Cosa credi di poter dare, e al contempo ricevere, da questa umile community?

Fondamentalmente mi ha convinto lo spirito dietro al progetto, l’entusiasmo. Mi sembra di stare in una grande famiglia dove tutti si aiutano. Il fatto che ci siano numerosi raduni in svariate zone d’Italia è un pregevolissimo plus. Ho avuto poi il piacere di conoscere e chiacchierare personalmente con Ale e Filippo, con i quali ho raggiunto degli ottimi accordi. Da parte mia, spero di dare al Progetto tutto il supporto possibile e soprattutto ulteriore visibilità, perché se la merita tutta. D’altra parte invece spero di ricevere una mano nel fare conoscere la nostra community legata appunto al mondo di FM.

Parli di accordi, ma che tipo di accordo avete raggiunto con Ale e Fil?

Semplice collaborazione, nulla di strano o eccezionale. Collaboriamo io Giangioman e loro Progetto Gaming.

Sei uno dei più noti esperti riguardo Football Manager. Credi che la tua esperienza nel Progetto si fermerà al semplice giocatore, o un giorno vorrai dimostrare le tue capacità anche come presidente e/o allenatore?

Credo che mio malgrado dovrò limitarmi a fare il giocatore, ci sono tantissimi eventi da gestire e organizzare, dovrò già dividermi in 1000 così. Non credo avrei il tempo materiale di gestire una squadra.

Passiamo alla tua scelta: cosa ti ha portato a scegliere il Piacenza, fra le decine di squadre che sicuramente ti avranno scritto? Si potrebbe pensare tu lo abbia fatto così da facilitare il tuo approdo al Pg, la squadra più rappresentativa del Progetto intero

Effettivamente è così, ho parlato a lungo con Ale e mi ha convinto a firmare per lui. Intravedo un gran bel futuro all’orizzonte.

Per quanto riguarda il gioco in sé, invece, hai in serbo qualche novità per il futuro, anche alla luce anche della nuova collaborazione?

Eh su questo mi spiace, ma non posso fare spoiler al momento. El Senor Pironti ha minacciato di tagliarmi il dito medio se mi lascio sfuggire qualcosa, e quello purtroppo mi serve tantissimo.

Torniamo al Progetto: in base alla tua esperienza, cosa pensi possa essere migliorato e cosa invece ti ha colpito di più del Progetto?

Quello che mi ha colpito particolarmente del Progetto è appunto il vedere tantissime persone che si divertono, la nascita di piccoli fan club, regole precise e studiate al millimetro. Non saprei davvero che migliorie apportare, ma so che c’è gente che ci pensa giorno per giorno. Mi piacerebbe vedere delle migliorie su FM, invece. Quest’anno ci sono state alcune pecche che mi hanno fatto storcere il naso, e che sicuramente avrete notato anche voi; il VAR che non funziona benissimo, la possibilità di gestire diversamente spogliatoio e conferenze stampa… tutte piccolezze, che potrebbero essere rese più efficienti.

Ultima domanda: per moltissimo tempo nel Progetto si è fatto un gran parlare di tattiche buggate, come ad esempio quelle appartenenti alla famigerata famiglia Beowulf (scherzosamente chiamata “letteratura inglese”). Personalmente, che idea hai in merito?

Fondamentalmente sono del parere che non esistano tattiche buggate al 100%. Sicuramente ci sono tattiche con una elevata predisposizione a “rompere il gioco”. Sono d’accordo però con il regolamento che vieta di usarle, meglio tagliare la testa al toro. Per quanto riguarda l’offline, beh, le usano in molti, ma lì c’è poco da dirgli; è pur sempre un gioco, ed è giusto che ognuno giochi come preferisce.

Grazie mille Gianluca, alla prossima e… buon game

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento