The One-Eyed God Converses: “Il GDR e l’Impegno Sociale, Quattro Chiacchiere con Enrico Emiliani”

Alle volte succedono eventi che sconvolgono il proprio cronoprogramma, e non c’è verso di farlo tornare al proprio posto. Ieri, 1° Giugno 2020, avrei voluto sedermi e buttar giù una recensione accurata di “Into the Dark”, brillante GDR della scuola “Forged in the Dark” edito da SpaceOrange42 (conto di produrla in settimana, tuttavia). Invece mi sono ritrovato nella home di Facebook un post di MS Edizioni, marchio editoriale di Magic Store, che dal 2015 localizza, pubblica e distribuisce GDR, Librigame e GDT di diverso genere e tipologia.

Il post, apertamente schierato contro la scelta del Governo Americano di gettare ulteriore benzina sul fuoco dei riots e delle violenze di questi giorni, scaturite dell’omicidio dell’afroamericano George Floyd, è stato per il sottoscritto un fulmine a ciel sereno. Troppo spesso il mondo nerd si sforza di vivere in una bolla di entertainment puro dove gli eventi ed i temi di attualità non possono e non devono entrare, e troppo spesso molti editori supportano questa visione idilliaca (e poco realistica) dell’hobby, facendo orecchie da mercante a chiunque si impegni per promuovere un gioco più impegnato e scientemente figlio del dibattito odierno.
Il post di MS Edizioni, ignorando (a ragione) le polemiche che vi furono già al tempo dell’annuncio della localizzazione in italiano di SIGMATA, è stato invece una boccata d’aria fresca. Così rinfrancante da spingermi a contattare via Facebook la pagina della Casa Editrice e poi importunare Enrico Emiliani, Project Manager, Editor di Produzione e Responsabile dell’area GDR di MS Edizioni.

Ne è scaturita un’intervista, che ha portato sul tavolo molti interessanti spunti di discussione. Buona lettura!

  • Ciao Enrico, benvenuto su Progetto Gaming e grazie per la tua disponibilità. Vuoi presentarti ai nostri lettori?
    Ciao a voi di Progetto Gaming, sono Enrico Emiliani, Responsabile del catalogo GDR e Librigame dell’editore MS Edizioni. Da diversi anni lavoro nel settore del gioco in scatola e gioco di ruolo ed è un piacere poter rispondere alle vostre domande.
  • MS Edizioni ha messo il PDF di “SIGMATA: THIS SIGNAL KILLS FASCISTS” in “Pay what you want” per tutta la giornata di oggi (NdR: 2 Giugno 2020). Parlami del pensiero dietro questo gesto simbolico: cosa vi ha fatto dire “ecco, facciamo la nostra parte”?
    La decisione è nata veramente per puro caso. Mi sono detto ieri mattina: “Abbiamo uno dei GDR maggiormente impegnati politicamente e non stiamo facendo nulla?”. Non ci sono interessi economici ma solo la consapevolezza di avere tra le mani un libro che descrive perfettamente quello che sta succedendo negli Stati Uniti che, a mio avviso, deve essere di conoscenza a tutti. Sono onesto nel dire che tutto questa situazione mi spaventa veramente tanto. Additare l’antifascismo come terrorismo è tipico di una supremazia bianca che non vede le persone con eguali diritti, e sapere che uno degli uomini più potenti della Terra fa parte di queste simpatiche persone mi mette non poco a disagio.

  • Il vostro gesto è stato un unicum nella community nostrana dei GDR. Che feedback ne avete tratto? Avete ricevuto critiche o accuse di “schieramento”?
    Abbiamo ricevuto accuse di schieramento (che poi schieramento di cosa, in Italia essere fascista è un crimine no?) e qualche commento da simpatizzanti di destra, che chiaramente vedono nell’essere antifascisti il sottotitolo “sono pure comunista” (valli a capire te i collegamenti mentali di certe persone) e quindi si sentono legittimati a buttare benzina sul fuoco alimentando discussioni pressoché inutili. La cosa più importante invece sono feedback di vicinanza e supporto alla nostra iniziativa che è sicuramente un ponte per la vicinanza e il supporto contro i fatti atroci che stanno capitando in America.
  • Veniamo al gioco: “SIGMATA: THIS SIGNAL KILLS FASCISTS” è un GDR cyberpunk ambientato in un’America totalitaria degli anni 80, precisamente nel 1986; un’America che ci sembra vicinissima, come retorica dell’establishment e come violenza nelle strade, a sentire le notizie di questi giorni.  Puoi dirci qualcosa sull’obiettivo dell’autore Chad Walker nello scrivere questo gioco?
    Chad è un militante americano ormai diventato nostro fratello. Anche lui sta regalando il file di Sigmata in inglese in questi giorni. Ha esattamente riportato quello che l’amministrazione Trump sarebbe stata capace di fare, e devo dire che, con i fatti che stanno succedendo, non ha sbagliato di una virgola. La retorica e la violenza presenti in Sigmata sono le stesse che stiamo vedendo in televisione. Neanche a farlo apposta uno dei punti focali del gioco è l’uccisione di una persona durante una manifestazione. Inoltre, per ritornare ad una domanda precedente, Chad ha lavorato nella cyber security di agenzie governative; quindi, a quelli che pensano che antifascista voglia dire di estrema sinistra direi che hanno le idee un pò confuse. 
  • Proprio nel 1984 faceva capolino il “Neuromante” di William Gibson, romanzo seminale della fantascienza cyberpunk. Quanto c’è di quell’estetica e di quella critica sociale in questo gioco, a quasi quarant’anni di distanza?
    Penso che Chad si sia molto ispirato alla letteratura cyberpunk sia in Sigmata, trasportando questa ambientazione in un’America degli anni ‘80, ma soprattutto nel suo GDR Cryptomancer (NdR. Disponibile qui in lingua inglese) che lui considera un gioco fatto dagli hackers per gli hackers… direi perfetto.
  • Le produzioni letterarie (e di GDR) degli ultimi anni sembrano mostrare un’attenzione più spiccata che in passato a temi politico-sociali (penso, ad esempio, al nostrano DuraLande di Asterisco Edizioni). Cosa ha indotto, a tuo avviso, un cambio del paradigma?
    Il cambio, o forse è meglio dire la consapevolezza, è dovuto al fatto che gli autori hanno capito che il libro ma soprattutto il Gioco di Ruolo (parlando del nostro ambiente) sono la piattaforma ideale per parlare di temi politico-sociali che i giochi in scatola sono in grado di affrontare solo in minima parte. Soprattutto, le persone hanno la necessità di esprimere ora più che mai il loro pensiero e sono ben consce dei tempi bui che si prospettano nell’immediato futuro se non viene attuata una presa di posizione chiara. Sono molto amico con Marta e Sara di Asterisco e probabilmente nasceranno tante belle cose nel futuro tra le due realtà a tema di Giochi di Ruolo.

  • Il GDR è un potente strumento di evasione e svago; grazie alla possibilità di entrare in mondi controversi, disumanizzati e distopici può diventare anche uno strumento di riflessione e analisi. Secondo te come si possono coniugare queste due agende? Come si può promuovere la riflessione senza perdere di vista il divertimento delle persone al tavolo di gioco?
    Il divertimento non viene perso di vista e se decidi di giocare a un GDR con temi forti quali Sigmata, Duralande, Dog Eat Dog e tanti tanti altri, sei ben consapevole delle tematiche che dovrai affrontare. Non c’è comunque modo migliore di far capire alle persone certe orribili realtà che ci circondano tramite il gioco, che rende “digeribile” e facilmente assimilabile un boccone troppo amaro che mai riusciresti a ingoiare.
  • Il COVID-19 ha spinto molti editori ad evolvere il loro approccio al mondo online, organizzando maratone di GDR, aprendo server Discord, rafforzando la propria community. Data la grande attualità di SIGMATA e delle tematiche che propone, c’è da aspettarsi una “Maratona GDR” anche da parte di MS Edizioni? In generale quali sono i vostri progetti futuri?
    Direi che il catalogo GDR di MS Edizioni è solamente all’inizio quindi al momento stiamo partecipando a maratone piuttosto che crearle. Ci saranno tante nuove uscite per il 2020-21, che per forza di cose (Covid) sono state posticipate e spalmate durante 18 mesi, quindi il supporto del gioco online sta aiutando molto a tenere vivo l’interesse del pubblico. Comunque si, stiamo utilizzando molto Discord per far giocare a Sigmata e Root Quickstart, in uscita nel mese di Giugno.
  • Molto bene Enrico, ci avviciniamo alla fine di questa intervista. Hai un ultimo pensiero che vuoi rivolgere a chi ti legge e gioca in questi tempi difficili?
    Si, approfittate della possibilità di scaricare gratuitamente Sigmata, leggetelo tutto d’un fiato e capirete qual è il Segnale che vuole trasmettere… Ripetete il Segnale!
Ripeto il Segnale a mia volta, ringraziando ancora MS Edizioni ed Enrico per la disponibilità!
Noi Italiani emergiamo da un periodo buio e destabilizzante, che continua ad inglobare nella sua cappa altre nazioni non troppo lontane da noi. Questo clima di destabilizzazione è stato terreno fertile per far emergere più forti che mai tensioni e disuguaglianze sociali mai sanate.

E’ difficile guardare alle proteste di questi giorni in America senza restare colpiti e turbati, se non indignati.  Dal canto mio ritengo di poter fare la mia parte e,nel mio piccolo, alzare la voce contro ingiustizie e disuguaglianze con gli strumenti che meglio padroneggio, evitando di alimentare inutili discussioni, quasi a voler sfruttare al meglio il proprio Bonus di Competenza in una partita di D&D.

Sperando si raggiunga un domani in cui, insieme, si è cambiato qualcosa.

Link Utili:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento