PROGETTO FM – Pappalardo: “Ho promesso la salvezza, e la raggiungeremo insieme.”

Oggi Free Kick propone un faccia a faccia del tutto interessante.
L’inviato Palladino viene accolto da uno dei membri più bravi e professionali di Progetto Gaming.

Buonasera ad un uomo che sto amando giorno dopo giorno e che si è sacrificato inesorabilmente per la causa.
Un uomo che ha risollevato e migliorato le sorti di diverse squadre e che interpreta il ruolo come pochi.
Ho il piacere, ladies and gentlemen, di presentarvi FrancescoFrappoPappalardo.
Salve Sir, non inizio con una domanda ma voglio che lei lanci uno dei suoi messaggi di apertura.

Ciao a tutti amiconi di Free Kick, è un onore essere qui e più in particolare lo è esserlo per il motivo per cui ci sono!

Perfetto, non abbiamo capito una ceppa ma è così che ci piace.
Dunque signor Frappo, dopo diverse esperienze significative è approdato al Milan.
Cosa significa per lei questa scelta, pur sapendo annessi e connessi inerenti Casa Milan?

Facciamo a gara a chi si fa capire di meno?
Beh gli annessi e connessi sono il motivo principale che mi ha portato qui.
Il DS è una delle figure di maggiori responsabilità nel Progetto e vedere una situazione come quella che si viveva al Milan faceva male al cuore di chiunque tiene al Progetto, nella sua unità. A maggior ragione, se pensi che il Milan, nella vita reale, è una delle squadre preferite di tantissimi utenti del Progetto, non era giusto per queste persone vederla toccare il fondo. Vedevo la mia squadra – l’Empoli – e il clima magnifico che avevamo instaurato, e ho pensato che un clima così bello fosse un diritto inalienabile per chiunque viva questa community. Così mi sono messo in gioco e ho provato a portare la mia positività a Milano. Ecco cosa significa per me questa scelta, sfida e responsabilità!

Molto bene. Qualcosa si muove in panchina: è solo lo schienale. Ricordiamo che il vecchio manto erboso di tipo sintetico è stato sostituito da una moquette.
Tornando a noi, tutto ciò le fa onore. Può spiegarci il suo segreto?

Se lo schienale si muove, forse dovrei cazziare Staniscia, che caspita lo tengo a fare un falegname in squadra se non aggiusta nemmeno le panchine?
Il mio segreto sta nell’aver capito che tutto questo è un gioco, nel saper giocare e nel coinvolgere altre persone nel gioco. Tutto il resto viene da se.

Lei è un uomo dalle mille risorse.
Intanto qui dal suo appartamento c’è una bellissima vista. Siamo circondati dalle dune, duna meno un quarto circa.
Ricordiamo anche che lei è riuscito a portare calciatori dall’alto profilo ed è riuscito a coccolare quelli già in squadra, ma se dovesse scegliere il suo miglior colpo invernale, su chi ricadrebbe la scelta?

Beh, con lo stipendio da DS non ti ci paghi l’attico a San Francisco, mi dispiace se il mio appartamento la sta disturbando e la prossima volta allieterò la sua vista con dei bellissimi poster; anche perché io stesso ho difficoltà a trovare poster-ggio.
Questa è una domanda abbastanza stronza, i miei calciatori hanno tutti qualcosa di speciale e li scelgo abbastanza attentamente, quindi potenzialmente son tutti colpi, ma la persona più bella che sto conoscendo grazie al fatto di averla acquistata è sicuramente Denis Coghi, grandissima persona, disponibilissimo nonostante un lavoro, una figlia e una figura professionale decisamente di rilievo al Sassuolo!

Intanto do un occhiata al meteo. Il primo di Aprile promette un cielo sgombro e filetti di merluzzo e ricordiamo che il canale di Venezia sarà visibile solo su Digitale Terrestre PG.
Lei ha avuto anche potere decisionale sulla scelta del nuovo tecnico, dopo la dipartita di Giamberduca. Che mezagio lancia al suo nuovo allenatore?

Sono felicissimo della mia scelta, perché se l’intervista fosse stata fatta quando ancora la decisione non era stata presa, alla domanda: “chi vedrebbe meglio su quella panchina?” Avrei detto “Palladino, l’unico in grado di buttare così tanti kitammuort da coprire gli scricchiolii della panchina”
Il mezagio che gli lancio è che non vedo l’ora di giocare con lui! Inoltre vorrei dargli un enorme in bocca al lupo, fino ad ora ha avuto ottimi risultati e spero li ripeta sempre (non proprio tutti però eh).

Torniamo Serì o Kantè, due grandi giocatori.
Eludo la sua superstizione e le chiedo: dove vede il Milan tra sei mesi? Ha più o meno un idea sullo scenario che troverà?

Posso dire con certezza che tra sei mesi il Milan sarà una squadra del campionato di Progetto Gaming, il più grande campionato online di Football Manager al mondo!
Ah volevi sapere cose meno ovvie? Beh, io credo nella salvezza, sono venuto qui promettendola ai miei tesserati e la raggiungeremo insieme. Spero di raggiungerla anche in campionato oltre che a livello sanitario.

Perfetto. Credo che la cosa possa finire qui.
Mi chiude l’intervista con un freestyle.txt dedicato alla sua squadra?

Vorrei esordire, bella raga!
Guarda il Milan come svaga,
Palla e il giro palla guarda il gioco come vaga,
Entro qui adesso, mi sa che ci salviamo altrimenti un po' perplesso ma vi giuro fa lo stesso!
Insegnagli sto lancio,
Esattamente come io da buon ds poi sistemo il mio bilancio!
Impostagli tutti gli allenamenti, frà non farli andare lenti, prima che poi ci sorpassano altrimenti!

Scritto da Pierpaolo Palladino | Revisionato da Gad Hakimian | Grafica di Kevin Ricchiuto

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento