Sorteggio Champions League: è davvero un disatro preannunciato?

Durante la live di mercoledì 6 novembre le urne hanno svelato il destino europeo delle quattro italiane qualificate alla prossima UEFA Champions League targata Progetto Football Manager.
Le fasce erano così composte:
Prima fascia – Atletico Madrid, Bayern Monaco, CSKA Mosca, Lazio, Liverpool, Manchester City, Paris Saint Germain, Real Madrid;
Seconda fascia – Arsenal, Barcelona, Borussia Dortmund, Dinamo Kiev, Manchester United, Monaco, Porto, Shaktar Donetsk;
Terza fascia – Ajax, Basilea, Borussia Mönchengladbach, Club Bruges, Salisburgo, PSV Eindhoven, Schalke 04, Valencia;
Quarta fascia – Bate Borisov, Cremonese, Crotone, Galatasaray, Nizza, Progetto Gaming, Rostov, Viktoria Plzen.

A rappresentare il tricolore ci sono Lazio, Cremonese, Progetto Gaming e Crotone. Per i biancocelesti il sorteggio sulla carta era alleggerito dal vantaggio – conquistato sul campo tramite la vittoria della scorsa Serie A – di far parte delle squadre di prima fascia. Montagna all’orizzonte molto più ripida da scalare per le altre tre compagini, complice l’impostazione originaria del nostro server che prevede un coefficiente UEFA di partenza praticamente nullo per le squadre del Progetto (la Lazio, infatti, senza il bonus di vincitrice del campionato italiano sarebbe risultata solamente in terza fascia). I presupposti erano dunque quelli di un sorteggio complicato per i colori azzurri.

Di seguito il risultato delle urne:


GRUPPO A
È il Progetto Gaming la prima italiana ad uscire dalle sfere di Montecarlo. La prima fetta di squadre le riserva i vicecampioni in carica dell’Atletico Madrid; Colchoneros che l’anno scorso aveva già assaggiato il Progetto imponendosi in entrambi i confronti con la Sampdoria. Le fa compagnia l’Arsenal in quello che – considerando la seconda fascia – non è di certo un sorteggio troppo benevolo per i cremaschi. Chiudono il girone gli olandesi dell’Ajax e anche in questo caso si poteva pescare meglio.
Sebbene ad un primo impatto i nomi delle avversarie possano risultare altisonanti e quasi proibitivi, è doveroso analizzarli dal punto di vista storico di FM; l’Atletico rimane comunque la favorita numero uno del girone, ma l’Arsenal la reputiamo un gradino sotto. Gunners che nella scorsa edizione dell’Europa League ebbero la meglio sull’Inter soltanto dopo la lotteria dei rigori e, al turno successivo, vennero eliminati dal Torino di Sedda con un risultato complessivo di 4-3.
Ora non dovrebbe scandalizzarsi nessuno se asseriamo che il PG di oggi, rosa che ha goduto di succulenti potenziamenti, è superiore all’Inter della scorsa annata o allo stesso Torino (che allora lo eliminò dalla competizione europea cadetta). Considerando poi che l’Ajax ha certamente tre o quattro talenti niente male, ma nel complesso rappresenta una minaccia inferiore anche agli stessi inglesi, ecco che il raggiungimento degli ottavi non sembra più così impossibile.
Di certo questo gruppo non sarà una passeggiata, ma gli uomini di Casalati hanno tutte le carte in regola per superarlo.

GRUPPO B
Partito sulle ali dell’entusiasmo grazie al bottino pieno di nove punti conquistato in questo inizio di campionato, il Crotone si affaccia all’Europa che conta con aspettative ancora più alte di quanto gli stessi rossoblu potessero preventivare. Ardori che però potrebbero essere stati smorzati dall’abbinamento con una delle combinazioni più letali tra prima e seconda urna: PSG – Barcelona. Aggiungiamoci il Borussia Mönchengladbach e troviamo, grazie anche alla stessa presenza del Crotone, il girone più ostico di questa Champions.
Curioso come i campioni di Francia si siano rinforzati con diversi volti della Serie A, ingaggiando Paquetá, Bernardeschi e Mertens; lo stesso hanno fatto i blaugrana e spiccano ancora di più i loro neo-acquisti, Lorenzo Insigne e Mauro Icardi.
Singolare anche che il Crotone abbia già affrontato Messi & Co. in un’amichevole estiva disputatasi all’Ezio Scida, terminata col risultato di 1-1.
Inutile sottolineare ulteriormente l’impresa che i ragazzi di D’Auria sono chiamati a compiere se vogliono superare questo primo grande scoglio.
D’altro canto però, analizzando meglio la rosa dei tedeschi, non è così straordinaria come ci si possa aspettare; il Crotone è piuttosto avanti a loro e ci stupiremmo se non dovesse piazzarsi quanto meno al terzo posto.

GRUPPO F
Il girone della Cremonese Markappa. Per i vicecampioni italiani un’altra coppia di alto livello, ovvero Bayern Monaco e Manchester United, condita da un PSV che comunque rispetto alle altre terze fasce non appare così irresistibile.
La valutazione dei due top team di questo gruppo tende ad essere leggermente inferiore rispetto alle concorrenti dei crotonesi. Bavaresi che, seppur in maniera rocambolesca, subirono una sconfitta interna ad opera del PG nella fase a gironi della scorsa edizione. Il Bayern dispone chiaramente di un potenziale offensivo invidiabile, ma nelle retrovie tolto l’austriaco Alaba la squadra risulta parecchio statica, soprattutto dando uno sguardo ai loro centrali; è qui che la Cremonese, squadra capace di giocare un calcio veloce in verticale, deve concentrare i suoi sforzi per provare ad imporsi sui campioni di Germania.
Il valore dello United può essere considerato simile; nel caso degli inglesi, la mancanza di un terzino destro di qualità e una coppia di centrali non formidabile lasciano spiragli di qualificazione ai grigiorossi, i quali dovranno sicuramente puntare al bottino pieno nel doppio confronto col PSV Eindhoven.

GIRONE H
Chiude il sorteggio e la rassegna delle italiane il gruppo H della Lazio. Situazione diversa rispetto alle connazionali per i biancocelesti, i quali si ritrovano raggruppati con Monaco, Schalke 04 e Rostov.
Tuttavia il Monaco potrebbe rappresentare uno specchietto per le allodole e sui transalpini non bisogna lasciarsi ingannare: è una semifinalista della scorsa edizione, capace di sconfiggere il Barcelona per 4-1 e di eliminare Real Madrid e Tottenham, prima di fermarsi di fronte all’Atletico. Anche lo Schalke è una squadra solida che può riservare una trasferta complicata alle aquile. I russi del Rostov, invece, sono probabilmente il miglior pick della quarta fascia.
Ad ogni modo la Lazio è sicuramente la favorita del girone ed è l’unica italiana che può considerarsi tale e quindi sorridere dopo il sorteggio; d’altronde classificarsi nella prima fascia è una situazione piuttosto favorevole, anche se le possibili insidie erano comunque dietro l’angolo.

Dando un rapido sguardo agli altri gruppi, a nostro avviso le compagini che passeranno il turno potranno essere le seguenti: Porto – CSKA Mosca, Liverpool – Borussia Dortmund, Real Madrid – Dinamo Kiev, Manchester City – Valencia.
In conclusione, ecco il nostro pronostico per le italiane:
Atletico Madrid – Progetto Gaming, Bayern Monaco – Cremonese, PSG – Barcelona, Lazio – Monaco, sperando che anche il Crotone possa sovvertire i valori iniziali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento