Torino FC

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non sapendo ne leggere ne scrivere, come tutti nella presidenza granata, gli è difficile fare una descrizione su se stesso. Non sapendo nemmeno contare, è quindi adattissimo come DS.

 

 

Esordisce come ds nel Livorno fresco di promozione in serie B. Il forte legame di amicizia e l’ottimo legame lavorativo con mister Claudio Franco porta alla promozione al primo tentativo in serie A, dopo la lotteria dei playoff in cui sono stati sconfitti Spal e Fublet. Sostituito dopo qualche giornata da Alessandro De Meo, dopo poco tempo trova una nuova sistemazione ad Udine, dove viene chiamato per risollevare i friulani, passati dallo scudetto alla lotta per non retrocedere in Serie C. Qui prova a mettersi in mostra mettendo a segno il colpaccio calderone, ma i conflitti in sede di mercato con l’altro ds lo spingono a mettersi da parte fino alla chiamata del Torino, che decide di scommettere su di lui in prospettiva futura, quando l’attuale ds si farà da parte a seguito dell’introduzione del mono ruolo. A Torino viene accolto, come già successo a Livorno e Udine, come uno di famiglia e si mette da subito al lavoro per ripagare la fiducia della società, muovendosi per soddisfate ogni desiderio del mister.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MAIN SPONSOR
 

 

 

 

 

 

 

SPONSOR TECNICO

 

 

 

 

 

 

 

Torino