Articoli

Football Manager: TOP e FLOP 14° GIORNATA

TOP SQUADRE

DRINK TEAM (VOTO 9)

Una schiacciasassi, che riesce nell’impresa di segnare 6 gol ad una delle squadre più ordinate ed equilibrate del tutto il campionato. Il Genoa che si presentava alla Jagermeister Stadium con buoni propositi, parte molto forte, ma poi viene travolta da una marea arancio-nera che non da scampo a nessuno. 3 punti pesanti e ancora primo posto in classifica.

SASSUOLO (VOTO 8)

Non affronta una delle squadre più temibili del campionato, ma gestisce in maniera perfetta quasi tutta la partita. Dico quasi, perché se non fosse stato per l’errore dal dischetto di Scriboni, probabilmente staremmo parlando di un altro match. Bravi ad approfittare del momento di confusione degli avversari e trafiggere il Bologna con 4 gol.

JUVENTUS (VOTO 8)

Un 4-2 contro i rivali di sempre che sta comunque un po’ stretto. I bianconeri domino per tutta la partita, regalando sprazzi di gran calcio soprattutto sulla fascia destra dominata dalla fantasiosa ala Caschetto. I gol subiti arrivano solamente da errori individuali e da un orgoglio neroazzurro che però non basta per fermare una Juventus in un momento di forma strabiliante.

FLOP SQUADRE

CROTONE (VOTO 5.5)

Buttata via una grande opportunità per rimanere incollati al primo posto e far pressione al Drink Team. Peccato che il Crotone sottovaluti un Fublet che si presenta inizialmente con una formazione molto ardita e poco ortodossa. La squadra allenata dal mister Rino Panino inizia anche bene, finendo il primo tempo in vantaggio per 1-0. Ma nella ripresa, dopo il rigore sbagliato, o meglio parato da Carfì, il Crotone si disunisce e il Fublet, con un cambio tattico drastico, riesce a trovare il meritato pareggio e rischia addirittura di portare a casa anche la prima vittoria. Sfortunatamente dopo il rosso rifilato a Pappalardo, la partita si concluderà con un 1-1.

INTER (VOTO 5)

Mezzo voto in più per quello spizzico di orgoglio che trasforma un massacro in una semplice sconfitta. I neroazzurri hanno il merito di sfruttare quasi tutte le occasioni che gli si presentano davanti. Peccato per quella traversa di Cusumano, che poteva regalare un beffardo vantaggio.  Ma alla fine sconfitta meritatissima, e sesta partita senza vittorie. Mister Crippa dovrà lavorare molto in vista della caldissima sfida in casa contro Progetto Gaming, e come ben sappiamo San Siro non perdona i perdenti.

GENOA (VOTO 4.5)

Il Genoa continua a dichiarare che la squadra pensa solo a salvarsi, ma fare anche dei punticini o almeno delle prestazioni decenti contro avversari di prima fascia sarebbe comunque un buon punto di partenza. Anzi, l’inizio dei grifoni è ottimo, con un immediato vantaggio su un’azione da calcio di punizione. Tuttavia dopo il gol segnato, la squadra pensa solo a difendersi, e in pochissimi minuti il risultato viene ribaltato. Il Genoa quindi è costretto a far uscire la testa e portarsi in avanti per cercare il gol del pareggio, che sorprendentemente pochi minuti dopo arriva su un calcio di rigore. Ma il mister Di Stefano non impara dai suoi errori, e la squadra si rimette totalmente sulla difensiva, per poi così subire altri 4 gol.

Disfatta totale, se no per quelle 3 reti che danno almeno fiducia al reparto offensivo.

 

TOP CALCIATORI

MOSCA (VOTO 8, DRINK TEAM)

Prima tripletta stagione e tanti applausi. Segna in qualsiasi maniera, di tap-in, di testa e da fuori area. Giocatore completo, che da il meglio di sé quando gioca affianco ad altri due attaccanti come fulcro di gioco. La concorrenza in avanti è tantissima, visto che sia Trivisani, Cavaliere e Urbano posso ricoprire quel ruolo più che dignitosamente. Vedremo se mister Scudetto troverà una soluzione per tutti quanti.

CASCHETTO (VOTO 8, JUVENTUS)

13 presenze, ma solo 7 dal primo minuto. Caschetto non è mai stato certo della sua titolarità, ma dopo questa sublime prestazione, abbellita da 3 assist decisivi, il mister farà meno fatica a schierarlo anche ad inizio partita. Salta per 3 volte il suo marcatore e pennella 3 cross che gli attaccanti devono solo spingere in rete. Miglior match della sua carriera.

D’AURIA (VOTO 8, DRINK TEAM)

Altro giocatore del Drink Team ,ma era impossibile non inserirne due in questa speciale classifica. A differenza del suo compagno Mosca, D’Auria si mette a servizio della squadra, regalando 3 assist ai 3 bomber lì davanti.  Partita impeccabile, dove prende in mano le chiavi del centrocampo, trasformandosi in un Verratti-bis.

CARFI’ (VOTO 7.5, FUBLET)

Per la prima volta troviamo un giocatore del Fublet nei top della settimana. Il portierone biancoverde è decisivo in varie occasioni, soprattutto quando al 55° minuto l’arbitro concede un rigore a favore del Crotone e Carfì con un balzo felino riesce a deviare il pallone quel tanto che basta per farlo andare sul palo e salvare la porta della squadra. Da quel momento in poi il Fublet si sveglia e riuscirà a trovare il gol del pareggio.

 

FLOP GIOCATORI

 

MORINO (VOTO 5, BOLOGNA)

Giocatore molto bilanciato che raramente commette degli errori, ma contro il Sassuolo è stata proprio la sua giornata no. La maggior parte dei gol subiti arriva dalla sua fascia, che difende in malo modo.  Il mister visto le difficoltà è addirittura costretto a farlo uscire a inizio secondo tempo per cercare di bloccare le scorribande offensive del Sassuolo. Sicuramente si tratta solo di una brutta giornata, e siamo certi di rivederlo in forma per lo scontro salvezza contro il Fublet.

DI GIULIO (VOTO 4.5, INTER)

Non vede una palla. Questo può essere il riassunto della partita di Di Giulio contro la Juventus. Probabilmente si sognerà la notte i dribbling di Caschetto, visto che viene superato costantemente ogni volta che l’ala destra bianconera prende il pallone tra i piedi. A differenza del mister del Bologna Bonanno, l’allenatore in seconda dell’Inter decide di tenerlo in campo per tutti 90 minuti, e probabilmente commette un errore madornale.

GAMBA (VOTO 4)

Finalmente aveva ottenuto la titolarità in porta e tutti ci aspettavamo una prestazione di alto livello, soprattutto contro una squadra offensiva come il Drink Team. Tuttavia Gamba, forse per la troppa pressione, combina delle papere colossali che costano carissimo al Genoa. Il terzo gol subito su colpo di testa di Mosca è imperdonabile, visto che il tiro era sia lento che telefonato. Speriamo che si riprenda in fretta e che Di Stefano gli dia una seconda chance.

Football Manager: TOP e FLOP 12°/13° GIORNATA

TOP SQUADRE

SAMPDORIA (VOTO 8)

Per la seconda volta in questo campionato, i blucerchiati ottengo due vittorie consecutive che le consentono di uscire dalle zone basse della classifica e posizionarsi in un dignitoso nono posto. Peccato che nessuno si sia accorto di questo straordinario momento di forma degli uomini di Di Matteo, che spesso vengono sottovalutati o peggio ancora ignorati da stampa e avversari. Vedremo se supereranno il loro record di vittorie consecutive contro un temibile Chievo, o rimarranno nuovamente nell’anonimato della Serie A.

MILAN (VOTO 7.5)

Finalmente il diavolo si è svegliato.  Dopo la sorprendente vittoria per 6-1 contro l’Inter, i rossoneri non erano stati più capaci di vincere, ottenendo 4 miseri punti in 6 partite. Non si è ancora capito quali siano stati i motivi di questo risveglio, ma l’importante ora è continuare su questa strada. Inoltre altre buone notizie arrivano dal fronte allenatore. Dalle prossime partite sarà il giovane ma affidabile Gabriele Marchi a guidare il Milan.

GENOA (VOTO 7)

In ballottaggio con Crotone e Juventus per entrare nei top della settimana. Ma alla fine l’ha spuntata il Genoa di Di Stefano. Contro l’Inter, avversario sempre molto rognoso, finisce con un pareggio combattuto, ottenuto sia grazie alla grande prestazione di Lazzaro, doppietta personale, e sia dallo spirito di sacrificio della squadra, che ha dovuto giocare gli ultimi minuti in 10. Nella seconda partita, contro una Lazio affamata di punti, gli uomini di Di Stefano sono riusciti ad ottenere la vittoria solo nei minuti di recupero, dopo un match comunque dominato per lunghi tratti. Quindi un Grifone che ancora una volta ha dimostrato tutta la sua grinta e determinazione a non mollare mai.

 

FLOP SQUADRE

BOLOGNA (VOTO 5)

Inserita nei flop più per i risultati che per il gioco espresso. Infatti nelle due partite giocate dagli uomini di Bonanno, tutti i gol subiti sono arrivati o per errori individuali o per espulsioni che hanno messo in difficoltà gli altri compagni di reparto. Contro il Chievo, si è dovuto lottare in 9 per portare a casa un punticino, e contro il Palermo, gli errori difensivi di Mami e di Frazzoni sono stati invece determinanti per la sconfitta. Un vero peccato perché ora la zona retrocessione è più vicina che mai.

LAZIO (4.5)

Ha avuto due grosse possibilità di risalire la china e uscire da quel pantano della zona retrocessione, ma come spesso gli è capitato in questa stagione, non ha sfruttato a dovere queste enormi occasioni. Nella prima partita della giornata affrontava in casa un Fublet ultimo in classifica con il morale completamente a terra, ma addirittura i biancocelesti sono stati momentaneamente in svantaggio per poi recuperare con il gol di Cristian Giuli. Negli ultimi minuti del match hanno anche avuto la fortuna di giocare con l’uomo in più, ma non l’hanno ovviamente sfruttato. Nella seconda giornata in trasferta contro il Genoa, invece si stava portando a casa un punto importante, ma una completa amnesia difensiva ha regalato solo ad un gol subito al 92° minuto e 0 punti.

FIORENTINA (4)

Un completo disastro, sia dal punto di vista dei risultati che del gioco. La difesa è da rivedere assolutamente, perché subire 7 gol in due partite e diventare la squadra che ha incassato più gol in tutto il campionato (30), superando addirittura il Torino (29), è qualcosa di imperdonabile. Il mister Rosi dovrà lavorare molto su questo aspetto per cercare di ridurre le amnesie difensive e iniziare a giocare magari più coperti e bilanciati, perché con questo passo, le zone buie e pericolose della Seria si avvicinano sempre di più.

 

TOP GIOCATORI

ROSI (VOTO 8, AS ROMA)

Gol e assist per la fantasiosa ala sinistra della Roma. Uno dei pochi giocatori che è riuscito sia a segnare e soprattutto a fa segnare i suoi compagni in tutte le due partite giocate. Peccato per la sconfitta contro la Sampdoria, se no anche la Roma poteva essere presente in questa speciale classifica. Fin dall’inizio della stagione, Rosi continua ad essere il giocatore più decisivo della squadra e del campionato. Possibile una sua convocazione nei prossimi europei u21?

CERAOLO (VOTO 7.5, PC UDINESE)

Terza tripletta stagionale che lo porta al primo posto nella classifica dei capicannonieri, con 13 presenze e 12 gol.  Prestazione superba contro l’Atalanta, che ha permesso all’Udinese di ottenere 3 punti pesantissimi e di agganciare momentaneamente in classifica il Drink Team. Tuttavia, una grossa pecca del bomber Ceraolo è la costanza. 9 dei sui 12 gol sono arrivati in sole 3 partite, e come è accaduto nell’ultimo match control il Chievo, la sua prestazione è stato nettamente sotto le aspettative, rimanendo fuori dal tabellino dei marcatori. Se iniziasse a segnare con più regolarità, l’Udinese farebbe di certo un salto di qualità incredibile.

LOPRESTO (7.5 PC, MILAN)

È lui che porta avanti la baracca chiamata Milan. Sì è vero, la squadra rossonera è stata inserita nei top squadre della settimana, ma il gioco continua a rimanere stagnante. Fortuna che Lopresto con colpi di genio e di fortuna (ricordiamo l’errore di Di Pietrantonio in Milan-Torino), è riuscito a far risollevare momentaneamente un diavolo che non vinceva dall’ultimo derby. Speriamo che anche i suoi compagni seguano il suo esempio.

 

FLOP GIOCATORI

PEZZULLO (VOTO 5, PT NAPOLI)

Un solo vero errore contro l’Inter, ma anche nel resto della partita non riesce dare fiducia e tranquillità alla propria linea difensiva. Alla fine della giornata ne subirà 6 di gol, 3 contro i neroazzurri e altri 3 contro la Juventus. Fortunatamente, il Napoli sa come segnare e in qualche modo riescono ad ottenere almeno una vittoria che li fa rimanere nella parte medio-alta della classifica.

DI PIETRANTONIO (VOTO 5.5, PT TORINO)

L’errore contro il Milan è imperdonabile, regala letteralmente la palla a Lopresto che a porta vuota può tranquillamente segnare il gol partita. In linea teorica quel pallone doveva arrivare al suo compagno De Luca, peccato che fosse girato di spalle.  Comunque per il resto non combina disastri, anzi nel match precedente contro Progetto Gaming, è riuscito a mantenere la porta imbattuta. Un pasticcio che quindi potrebbe addirittura far bene al portiere Di Pietrantonio.

MAMI (VOTO 4.5, DC BOLOGNA)

Se nei top troviamo esclusivamente attaccanti e ali esterne, nei flop troviamo portieri e difensori. Come già menzionato nel paragrafo dedicato al Bologna, Mami combina un pasticcio difensivo che porta al gol Vandini, punta centrale del Palermo. Al 63° minuto il mister è pure costretto a sostituirlo perché distrutto mentalmente dal suo errore precedente. Speriamo che riesca a riprendersi in fretta.

 

Football Manager: TOP e FLOP 11°/12° GIORNATA

TOP SQUADRE

TORINO

La più grande sorpresa dell’ultima live. Fino a due giornate i fa i granata avevano segnato solamente 11 gol, lunedì in due partite ne hanno segnati ben 9. Non sappiamo bene quali sono stati i cambi tattici che hanno portato a questa svolta offensiva, ma di quello che siamo certi è che ora il Torino con questi 6 punti, si è portata pe la prima volta fuori dalla zona retrocessione e guarda il futuro con ottimismo.

 

DRINK TEAM

Due partite due vittorie e punteggio pieno. Visto così sembra una macchina perfetta, pronta alla prima fuga stagionale. Ma quello che è mancato alla squadra di Scudetto è sicuramente il gioco. Tutte le due reti decisive sono arrivate negli ultimi minuti in partite per nulla spettacolari. Tra l’altro contro il Palermo, i tre punti sono stati guadagnati con un rigore alquanto dubbio.  Si ritrova quindi nei top solo per il risultato finale, ma c’è molto sui cui lavorare.

 

UDINESE

Dopo una partenza a rilento (2 sconfitte e un pareggio), l’Udinese ha finalmente una sua identità. Una squadra che gioca con cuore e grinta senza mai regalare niente all’avversario. Lo dimostra l’ultima partita contro la Roma, dove dopo 70 minuti di sofferenza, approfitta dell’uomo in più e segna con un contropiede perfetto, giostrato da Cavaliere e Rotelli e finalizzato da Ceraolo. Sicuramente è la prima contendente per il titolo dopo il Drink Team.

 

NAPOLI

Dopo il Torino, i partenopei sono la sorpresa più lieta. Fin dall’inizio del campionato tutti ci aspettavamo un gran calcio da parte di Ponticelli, che però non ha mai mostrato in campo, ma solo durante le varie conferenze stampa ed interviste. Ma finalmente qualcosa si è sbloccato, e quello che il mister ha sempre espresso a parole è stato realizzato anche durante le partite.

Contro il Genoa è stato disputato un match quasi perfetto, contro una squadra che si presentava come capolista a pari punti con Drink Team. La conferma è arrivata nel derby del cuore contro Progetto Gaming, con un roboante 3-0 senza discussioni. Vedremo se confermerà questo stato di forma anche nelle prossime giornate.

 

FLOP SQUADRE

GENOA

Da una squadra in grado di ottenere 8 risultati utili consecutivi attraverso un gioco pragmatico e strutturato, ci si aspettava molto di più. Tuttavia, dopo la sconfitta immeritata contro Progetto Gaming, o almeno secondo il pensiero dell’allenatore Di Stefano, qualcosa si è spezzato ed il Genoa non ha più mostrato quella grinta che lo distingueva. 1 punto in 3 partite e 3 posizioni perse in classifica.

 

PROGETTO GAMING

Dopo le incredibili vittorie contro Fublet e soprattutto Genoa, Progetto Gaming sembrava aver trovato finalmente una sua idea di gioco. Ma dopo le ultime due giornate, sono in molto a pensare che sia stata solo fortuna. Bisogna però ammettere che contro la Fiorentina la partita è sempre rimasta molto equilibrata fino alla doppia espulsione che ha portato la squadra di Pironti a giocare in 9 per quasi 20 minuti.

La troppa aggressività e la poca lucidità sono sicuramente i punti deboli di una rosa che ha comunque il potenziale per mettere gli avversari in difficoltà. Speriamo che l’allenatore sia in grado rialzare i propri giocatori e uscire da una situazione decisamente allarmante.

CHIEVO

Dopo un inizio spumeggiante dove la squadra aveva ottenuto due vittorie consecutive, il Chievo sembra aver smarrito la retta via. Contro il Drink Team, i giallo-blu hanno pensato solo a difendersi, senza però ottenere nemmeno un punto. Invece contro il Crotone, è stato un completo disastro. Dopo il momentaneo vantaggio di Giunti, c’è stato un crollo disarmante. 5 gol subiti in poco meno di 60 minuti, che hanno portato ad una sconfitta inevitabile.

BOLOGNA

Una squadra che fin dall’inizio del campionato non riesce ad uscire dalle zone basse di classifica. Ogni giornata si trova sempre a dover lottare per non cadere nelle ultime tre posizioni che significano serie B. E con queste due sconfitte consecutive la situazione non poteva di certo migliorare. 17° posto a pari punti con la Lazio 18°. Se la mentalità non cambia, la classifica potrà solo peggiorare.

 

TOP GIOCATORI

PETTIGNELLI (PC Torino)

Miglior giocatore della live senza nessun dubbio. Tripletta alla Sampdoria e poi gol che apre le marcature contro la Fiorentina. È incredibile pensando che prima di queste due giornate, aveva segnato solamente un gol.  Al Torino mancava un vero bomber e forse finalmente lo hanno trovato. Vedremo se sarà in grado di confermare il suo stato di forma anche settimana prossima a Crema contro il Progetto Gaming.

DI GENNARO (PC Torino)

Altro giocatore del Torino nella classifica dei top della settimana.  E come il suo collega di reparto Pettignelli, segna una tripletta decisiva.  Due bomber che se continuano ad avere questa voglia di giocare e combattere potranno togliersi grandi soddisfazioni.

Volpes (DC Drink Team)

Unico difensore in questa speciale classifica, grazie anche alla grande organizzazione difensiva del Drink Team. Volpes, comandante della linea arretrata, gestisce perfettamente gli attacchi degli avversari senza concedere nemmeno un tiro in porta. 0 gol subiti e 6 punti guadagnati, meglio di così.

Rotelli (TC Udinese)

Sempre il migliore in campo in tutte le partite giocate durante il lunedì di campionato. Un motivo sufficiente per inserirlo nella classica dei top della giornata. Contro il Milan assoluto protagonista con gol e assisti decisivi, invece contro una Roma che ha messo in seria difficoltà l’Udinese, ha servito il passaggio decisivo a Ceraolo.  Un lunedì perfetto.

 

FLOP GIOCATORI

CALINI (DC Progetto Gaming)

Se si subiscono 7 gol in 2 partite qualcosa è andato storto nel reparto difensivo. Calini commette troppi errori e paga un po’ per tutti. 5.6 e 6.3 i voti nelle due partite giocate e perse. La nota positiva è che è rimasto in campo per tutti i 90 minuti in entrambi match, a differenza di alcuni dei suoi compagni di squadra.

 

SCRIBONI (PC Bologna)

Se la classica de top e dei flop fosse iniziata fin da inizio campionato, Scriboni sicuramente sarebbe stato spesso tra i migliori della giornata, ma questa volta si trova mestamente tra i peggiori. 0 gol, poche occasioni e due sconfitte. Bisogna anche ammettere che nella partita contro l’Atalanta è stato messo fuori ruolo, facendolo giocare dietro le punte, pur avendo un stile di gioco che si ispira ad Inzaghi. Speriamo che dalle prossime partite l’allenatore lo posizioni nel ruolo più adatto a lui.

 

DE LUCA (PC Chievo)

Altro attaccante tra i flop sempre per il solito motivo: 0 gol segnati. Inoltre contro il Crotone è stato pure sostituito a fine primo tempo per la sua poca grinta. Non sappiamo quali siano state le ragioni per questo terribile stato di forma, ma se continua così rischia di perdere la maglia da titolare.

Football Manager: 10° Giornata di Serie A

Ecco in dettaglio tutte le emozionanti partite della decima giornata del campionato di Serie A targato Progetto Gaming.

BOLOGNA-ROMA 1-2

Nell’anticipo della 10° giornata, si affrontano due squadra che stanno attraversando un terribile periodo di forma. Sia Bologna che Roma non vincono da due partite consecutive e hanno assolutamente bisogno di punti per risalire la classifica.

Partono fortissimo i giallorossi che dopo soltanto 2 minuti di gioco si ritrovano in vantaggio con il solito Riccardo Serafini (4 gol in campionato) che con un facile tocco, segna il gol del 1-0 dopo una fantastica azione personale di Alessandro Rosi.

Bologna completamente frastornato dal gol preso a freddo, non riesce a reagire e addirittura pochi attimi dopo, De Lucia difensore centrale della Roma, segue perfettamente l’azione dei suoi compagni e con un colpo di testa preciso supera il portiere Scala.

La reazione dei padroni di casa è tardiva e il gol arriverà solamente nel tempo di recupero del secondo tempo. Cross preciso di Ricciardi e Mastronardi non deve fare altro che spingere il pallone in rete.

 Gol di Serafini

CROTONE-ATALANTA 0-0

Allo stadio Ezio Scida le emozioni si contano sulle dita di una mano, e il solo Crotone cerca di regalare qualche spunto interessante con veloci azioni offensive. Tuttavia, il match si concluderà con un 0-0 che comunque accontenta un po’ tutti.

 

DRINK TEAM-CHIEVO 1-0

Una delle partite più attese della giornata. Scontro ad alta quota tra due squadre che giocano un calcio completamente diverso. Drink Team più propenso all’attacco e Chievo invece più attendista e contropiedista. Ne nasce un match per nulla spettacolare, con i padroni di casa che controllano il gioco ma non riescono ad essere mai pericolosi.  La partita si sbloccherà solamente nei minuti finali, dove su ribattuta da calcio d’angolo, Cappello mette in area un pallone teso e preciso che Mosca con un bellissimo colpo di testa trafigge il portiere avversario. Drink Team vince e rimane primo in classifica.

INTER-SASSUOLO 1-1

Inter e Sassuolo sono due delle le squadre più motivate di questo campionato, ma per ora i risultati non sono dalla loro parte. Una vittoria potrebbe rilanciarli e avvicinarli alle zone nobili della classifica.

È l’Inter che parte meglio, probabilmente grazie alla spinta dei propri tifosi, che dopo 7 minuti il bomber neroazzurro Gallarato segna il suo nono gol stagionale in campionato. Ma non tarda ad arrivare la reazione del Sassuolo che inizia a portarsi pericolosamente in avanti. Al 70° finalmente i nero-verdi riescono a trovare il gol del pareggio con una classica azione tra i due senatori della squadra. Vichi prende palla e serve un pallone filtrante al suo compagno Tuccio che con un tiro preciso dal limite dell’aria supera il portiere Oliverio.

 

JUVENTUS-FUBLET 4-2

L’esordio di mister Crippa sulla panchina dell’Inter (sconfitta per 6-1 contro il Milan) poteva essere di monito per i futuri allenatori. Tuttavia, Riccardo Serafini neo-allenatore del Fublet non impara dagli errori dei propri colleghi e viene travolto da una super Juventus, che fino ad ora aveva segnato solamente 14 gol in campionato.

Vanno in rete 6 marcatori diversi, contando anche quelli del Fublet. Apre le danze Baglivo, e rispondono Marino, Santoro e Pizzo. Dopo 31 minuti siamo già sul 4-0. Fortunatamente Serafini reagisce e la sua squadra riesce almeno a segnare 2 gol che rendono la sconfitta meno amara.

 

LAZIO-PALERMO 2-0

I biancocelesti hanno assoluto bisogno di punti. La zona retrocessione è ad un passo e le dirette concorrenti stanno piano piano racimolando punti pesanti.

All’Olimpico sarà un domino Lazio con Cicerone in splendida forma che segnerà una doppietta. Palermo sottotono che risparmi le forze per le future partite, pensando anche alla sua tranquilla posizione in classifica.

 

NAPOLI-GENOA 2-1

Ecco un’altra partita dalle grandi aspettative. Napoli che sta risalendo la classifica dopo le recenti vittorie, e Genoa furibonda e pronta al riscatto dopo la sconfitta-beffa contro Progetto Gaming.

Come ci si aspettava match cattivissimo dove fiaccano ammonizioni (a fine partita saranno 11), ma anche se il gioco viene continuamente fermato, lo spettacolo offerto dalle due squadre è di altissimi livello. La partita si sbloccherà al 26° con un rigore realizzato da Venuso.

Napoli con le ali dell’entusiasmo continua a ad attaccare e Brucolo direttamente su punizioni, beffa un colpevole Petrucelli. 2-0 per i padroni di casa. Genoa cerca di reagire ma il gol che poteva riaprire il match arriverà solo nei minuti di recupero con il solito e infermabile Cominoli. Da segnalare l’errore madornale che ha portato al gol del 2-1 del nuovo acquisto Bonofiglio.

Gol di Cominoli dopo l’errore di Bonofiglio

PROGETTO GAMING-FIORENTINA 1-4

Partita che poteva risultare molto combattuta ma rovinata dalla esagerata aggressiva e fallosità di alcuni giocatori di Progetto Gaming. Per l’appunto, i padroni di casa termineranno il match addirittura in 9 uomini dopo le espulsioni di Bertuzzi (autore anche del gol) e Parisi. Fiorentina approfitta saggiamente dei due uomini in più e nei 15 minuti finali segna due pesanti gol con Andrenucci e Sottini. Precedentemente erano andati a segno con Mariotti e Pelosini.

 

SAMPDORIA-TORINO 3-5

Senza ombra di dubbio la partita più spettacolare della 10° giornata. Entrambe le squadre hanno un assoluto bisogno di punti, i granata penultimi devo vincere per cercare di uscire il più velocemente possibile dalla zona retrocessione. Dall’altra parte i blucerchiati sono stufi di un’anonima posizione nella parte bassa della classifica.

Torino parte fortissimo e in poco più di un quarto d’ora già si trova sul 2-0 con i gol Pettignelli e Morelli. Nessuno però si aspettava una reazione così furiosa dei padroni di casa che dopo il secondo gol subito iniziano ad assediare l’area di rigore degli avversari. E tra il 22° e 24° segnano i gol che riportano il risultato in parità, prima con Congedo con un assist di 40 metri di Fusaro e poi su rigore trasformato da Siciliano.

Ma la partita non finisce qua, prima c’è una botta e risposta tra i bomber delle due squadra, con il gol al 33° di Pettignelli e poi al 46° il gol di Congedo.

Tuttavia, da questo momento in poi i blucerchiati finiscono la benzina. Probabilmente lo sforzo per recuperare i due gol di scarto è stato pesante e le energie sono finite. I granata ovviamente ne approfittano e vanno a segno per ben due volte regalando la tripletta a Pettignelli e il primo gol a De Luca.

 

UDINESE-MILAN 2-0

Posticipo serale dove si affrontano due squadre che arrivano da periodi di forma completamente diversi. Udinese finalmente ha trovata la sua identità e continua a macinare gioco e soprattutto punti. Invece il Milan dopo lo storico 6-1 rifilato all’Inter, non è stato più capace di vincere nemmeno una partita.

Questi periodi di forma differenti si notano subito in campo, con i bianco-neri che dominano completamente il match. La partita si concluderà con un 2-0 firmato da Croatti (neo-acquisto dell’Udinese) e Rotelli. Il risultato poteva essere molto più ampio, pensando anche che i rossoneri hanno tirato in porta una volta sola.