Articoli

Milan; meriti ancora questo inferno?

Ore di fuoco quelle che avvolgono il Milan in questi giorni.

Di qualche ora fa la notizia secondo cui Fabio Bicocchi, il DS incaricato dagli admin di ricostruire e compattare un gruppo sfasciato dagli effetti di “Serveropoli“, abbia lasciato il suo ruolo di comune accordo con la presidenza ad una manciata di giornate dall’apertura del mercato invernale S4.

Finora il mercato del Milan, gestito dal presidente/allenatore Giamberduca e supportato da Bicocchi, ha generato un profitto di €2.050.000,00, grazie alle cessioni di Zirattu alla Juventus €3.000.000,00 e di Massessi al Progetto Gaming per 2.000.000,00. Con un re-investimento nel mercato di €2.950.00,00 per l’acquisto di Giamberduca giocatore, Godino e Di Gaetano. Da non dimenticare il prestito al Locri di Bonanno, personalità forte ed ex capitano del Milan fino ad S3.

Si vocifera di parte dello spogliatoio spaccato e che non abbia preso bene le dimissioni di Bicocchi, con alcuni elementi importanti della squadra che indichino l’attuale dirigenza rossonera di mancanza di rispetto per il lavoro svolto dal Direttore Sportivo ravennate.

Qualcuno lamenta la tossicità del clima presente a Milanello, con alcuni giocatori che potrebbero covare l’idea di lasciare l’ombra della Madonnina per accasarsi in squadre più tranquille e che vivano il gioco come tale e non con pesantezza.

L’impressione che si ha dall’esterno è di un atteggiamento da “sergente di ferro” del patron Giamberduca, che per riportare il Milan dove merita non si fa scrupoli di inemicarsi qualche colonna portante della squadra.

Considerando però che un insieme di persone non è sempre considerabile una “squadra” e che se su 20 giocatori passa la voglia di giocare a 15, la strada intrapresa è palesemente errata. Un giocatore scontento, che non crea contenuti di sua spontanea iniziativa, ci mette un attimo ad inattivarsi, crollare nelle mentali e di conseguenza diventare un “fantasma” in campo. Senza contare che sul lungo termine potrebbe aumentare il divario con le società “sane” che accumulano stagione dopo stagione premi attività dalle classifiche live e dai bonus attività di fine stagione.

Quello che in molti non capiscono è lo spirito su cui si fondano le società “modello”. Squadre come Torino, Genoa, Napoli, Lazio, Cremonese sono dirigenze nate dalla complicità dei suoi componenti. Pensiamo ad esempio all’affinità delle coppie Di Stefano-De Donatis, Sedda-Deidda, Michelini-Pattarozzi, Campagna-Guillaro, Ponticelli-Roberti-De Michele. Sono tutte persone che una volta conosciutesi in gioco hanno cercato di fare un passo in più non per vincere ad ogni costo, ma per allargare l’esperienza del divertimento, cementando le fondamenta delle dirigenze sulla leggerezza della filosofia di gioco.

Ognuno di noi ha già i suoi problemi nella vita, da chi non arriva a fine mese, a chi combatte con disabilità che ci condizionano il quotidiano, a chi è appena uscito per miracolo da un percorso che avrebbe potuto portarlo ad una dipartita prematura. Ma il Progetto Football Manager serve a questo; a divertirci, svagarci, farci interpretare un ruolo che amiamo e che ci appassiona. Se la passione viene meno, allora, avremmo perso. Avremmo perso perché saremmo stati capaci di inondare con superbia ed egoismo un gruppo che si basa sul gioco di squadra e il piacere di vincere di gruppo.

Giovanni Esposito: il Cesena nel cuore ma il futuro ancora incerto

Per parlare del magic moment del Cesena e del mercato che verrà, abbiamo intervistato uno dei protagonisti della cavalcata dei romagnoli dalla serie B ai piani alti della massima serie, Giovanni Esposito.

Giornalista: “Ciao Giovanni e grazie per il tempo concessoci. Come ti stai trovando a Cesena?”.
Esposito: “Grazie a voi, è sempre un piacere sedermi qui. Cesena è diventata la mia seconda casa e attualmente sono fiero di farne parte. Serafini mi ha dato quel piglio in più per risollevare il mio umore e fare di me il calciatore che sono adesso. Abbiamo fatto una bella cavalcata in B e attualmente stiamo facendo bene in A dove tutti ci danno per spacciati. Questi due anni sono stati intensi e mi hanno regalato emozioni che difficilmente riuscirò a trovare altrove”.
Giornalista: “Iniziamo con la promozione storica in serie A: non eravate tra le candidate eppure dopo un incredibile  recupero siete arrivati a giocarvi la serie A ai playoff, che si sono chiusi con la vittoria in finale contro il favorito Chievo. Ti va di raccontarci come hai vissuto emotivamente questa cavalcata?”.
Esposito: “Guarda, è stata una promozione sofferta. Il punto si è avuto con l’arrivo di Arrigo che ha macinato gol e di conseguenza punti. Ricordo che a poche giornate dalla fine facemmo un patto spogliatoio che ha retto e anche tanto. La cosa che ricorderò con piacere sono le lacrime che abbiamo versato alla fine di quella bellissima finale. Tante emozioni”.
Giornalista: “E ora la serie A. Eravate dati per spacciati ma avete smentito tutti macinando bel gioco e risultati fino ad arrivare ad assaporare l’aria di alta classifica. Come state vivendo questo momento?”.
Esposito: “Siamo fiduciosi. Ovviamente non ci montiamo la testa perché il campionato è lunghissimo ma sappiamo di poter fare bene. Stiamo vivendo un momento quasi magico oserei dire, ma il calcio è strano, lo sappiamo tutti! Spero di lasciare un buon ricordo nella mia Cesena”.
Giornalista: “A proposito di mercato, sei stato inserito nella lista trasferimenti per la prossima stagione, come mai questa decisione?”.
Esposito: “Guarda, è stata una scelta maturata con il tempo. Dopo due anni sento la necessità di provare qualcosa di nuovo  e rimettermi in gioco con altri ambienti. Devo ringraziare Cafarella che sta trattando la cosa con la massima trasparenza nei miei confronti. È difficile attualmente trovare un DS che ti avvisi giorno dopo giorno delle squadre che hanno chiesto informazioni per te”.
Giornalista: “Che ne pensi della Juventus? Sarebbe una destinazione gradita in caso venisse formulata un’offerta per te?”.
Esposito: “La Juventus è certamente una potenza del campionato e merita la mia profonda stima ed il mio totale rispetto. Ad oggi non penso ci siano interessamenti per la mia figura e non me la sento di esprimere una preferenza fino a che avrò un quadro più chiaro di chi ha fatto richiesta per me”.
Giornalista: “Parlaci del tuo rapporto con Ciampaglia, Croatti e la città di Pisa”.
Esposito: “Un napoletano in una terra ignota. La compagine pisana è spuntata veramente dal nulla e sono stato veramente contento di accettare l’incarico offertomi dal presidente Croatti. Lui e mister Ciampaglia sono persone aperte al dialogo e che lavorano 24h al giorno alla causa pisana. Sono convinto che prima o poi riusciremo a portare il Pisa ai livelli che merita”.
Giornalista: “Come vedi il Napoli di quest’anno? Ti piacerebbe tornare ad indossare la maglia della squadra della tua città un giorno?”.
Esposito: “Il Napoli ha veramente cominciato con il piede giusto. Lo scorso anno ricordo che ha fatto fatica a restare in A, ma fortunatamente con gli innesti giusti è riuscito a costruire una corazzata solida. Li ho lasciato molti amici tra cui il capitano De Michele e il mister Ponticelli con il quale mi sono riavvicinato da poco. Beh, chiedere ad un napoletano se vuole tornare a vestire quella maglia è come chiedere a qualcuno se vorrebbe passare una notte con la Leotta (accenna un saluto a Diletta Leotta N.D.R.).
Giornalista: “Cosa vorresti dire ai tifosi del Cesena?”.
Esposito: “Voglio ringraziarli per tutte le emozioni che mi stanno regalando e voglio rassicurarli perché sono in ottime mani. La dirigenza sta facendo un lavoro eccezionale e sono sicuro che riuscirà a fare bene nelle prossime  stagioni. Non voglio lasciarli a bocca asciutta questa stagione e lotterò per portare un risultato a casa”.
Giornalista: “Ancora grazie per la tua cortese disponibilità, ti faccio un grandissimo in bocca al lupo per il futuro”.
Esposito: “Grazie a voi ragazzi”.

Per un pugno di dollari: i tre protagonisti del Draft (1/3)

Nella live di lunedì sono stati ufficializzate le destinazioni dei calciatori acquistati dalle società via Draft. Le cifre sono state abbastanza alte, e IlCarro ha deciso di presentarvi i tre giocatori più pagati.
Il primo intervistato è Nicholas Lussana, nuovo giocatore del Napoli.

Benvenuto Nicholas, come hai scoperto il Progetto?

Nicholas: Inizialmente me ne parlò William Cioè, non avendo molto tempo per il momento ho lasciato stare finché Pisati mi ha convinto definitivamente ad entrare a far parte di questa avventura!

Tu sei un nuovo giocatore del Napoli, ottimo team di serie A, come ti stai trovando? L’accoglienza è stata buona?

Nicholas: L’accoglienza è state davvero buona, i compagni sono calorosi e il mister sembra dimostrare fiducia in tutto il team, anche un bergamasco può sentirsi a casa a Napoli nelle giuste condizioni. Non mi aspettavo la Serie A subito ma meglio così, sono pronto a dimostrare il mio valore.

Sono davvero delle belle parole, trovare un ambiente pronto ad accogliere così un neoiscritto è davvero una fortuna. E cosa ti ha colpito di più del Napoli?

Nicholas: Per ora mi ha colpito il modo del Mister di affrontare le partite, sembra avere sempre chiaro cosa fare in ogni situazione e la vittoria per 2-1 sulla Juve lo conferma.

Tu non solo sei il più pagato al Draft, ma sei anche nella massima serie. Questo è più uno stimolo a dare il 100% o un po’ ti mette in difficoltà?

Nicholas: Sicuramente il cammino sarà più difficile, essere uno dei giocatori pagati riempie di orgoglio, mentre essere già nella massima serie potrebbe fornirmi gli stimoli che cercavo.

E come ti è sembrata la community? Disponibile ad aiutarti?

Nicholas: Molto disponibile, per ogni cosa! Sopratutto certi membri.

Il Progetto è così: una grande famiglia. Sai come funzionano i bonus? Te la senti di spiegarlo ai neoiscritti che leggeranno questo articolo?

Nicholas: Bisogna dare la propria disponibilità a seguire le live, creare contenuti, condividere sulla propria pagina, decidere con che intensità farlo ed essere coerenti col contratto. A fine stagione poi si possono investire i punti per migliorarsi.

Perfetto. Un’ultima cosa: hai un messaggio da lasciare agli altri utenti?

Nicholas: Non prendete mai le cose troppo sul serio, lasciate spazio sempre alla stupidità e alle risate nella vostra vita!

IlCarro: Grazie mille! È stato un piacere intervistarti!

Nicholas: Grazie mille a voi!

STORIA DI PAREGGIO BEFFARDO: SASSUOLO-ATALANTA 3-3.

Un pareggio beffa quello di ieri del Sassuolo in casa contro la Dea. Un 3-3 che non serve a nessuno e che, a dirla tutta, non ha dato nemmeno troppo spettacolo.

Il sassuolo si presenta con una panchina cortissima e senza il portiere titolare (sono ben 4 le assenze in casa neroverde) ma prova a fare la partita anche se alla prima occasione l’atalanta passa con gol di Sansone (grande prova per lui).

Senza perdersi d’animo il Sassuolo si ributta in avanti affidandosi ad un Comunale in forma super e in meno di 5 minuti ribalta la partita. Al 10 minuto gran cross di Comunale ed eurogol di Salce che al volo la piazza nel sette. 3 minuti dopo altro fantastico cross in mezzo dell’ala sassolese e fallo ingenuo in area su La Monica, rigore! L’arbitro Pironti va a riveder tutto al var e conferma il penalty. Lo stesso La Monica dal dischetto non sbaglia.

Dopo 15 minuti di fuoco la partita torna su ritmi normali, i nerazzurri cercano di fare la partita ma la difesa di casa regge senza troppi problemi e la partita scivola via fino all’intervallo.

Secondo tempo

Al rientro in campo, però, il Sassuolo non c’è: partenza sprint per la Dea e gol del 2-2 che arriva immediatamente con un altro colpo di testa di Sansone. Il pareggio non serve a nessuno e la partita si accende ma senza troppe occasioni da una parte e dall’altra. Al minuto 89 grande lancio di Coghi per Ternullo che da solo davanti al portiere proprio non può sbagliare e porta in vantaggio la squadra di casa. Nemmeno il tempo di festeggiare a la Dea pareggia ma Pironti annulla tutto per fuorigioco. I tifosi sono in visibilio e la partita sembra finire li. Nulla di più sbagliato: agli sgoccioli dei minuti di recupero lancio disperato in area del Sassuolo, i difensori neroverdi sono già negli spogliatoi e Hay, tutto solo a 2 metri dalla porta non può far altro che siglare il definitivo 3-3.

I giocatori di casa provano a protestare con l’arbitro per un possibile fuorigioco che però non c’è: Hay era dietro la linea della palla quando è stato servito dal compagno.

Le parole del mister a caldo

Mister Agosta a fine partita prende con filosofia il pareggio beffa finale: ”Nonostante il pareggio avversario arrivato a tempo scaduto sono abbastanza soddisfatto della prestazione. Avevamo ben 3 titolari infortunati ma siamo riusciti a tenere testa ad un’ottima squadra, e questo pareggio deve essere un punto di partenza verso risultati maggiori. #Forzasasol sempre!”

Archiviato questo match, la prossima battaglia (e che battaglia) sarà contro il Torino.

Michele Cavaliere

Il Carro intervista Pietro Alaimo

Oggi, IlCarro, è andato nel Centro Sportivo Suning per intervistare il nuovissimo allenatore del Biscione Pietro Alaimo.

IlCarro: Salve Pietro,
Per iniziare l’intervista, ci parli velocemente di chi è Pietro Alaimo al di fuori dal progetto.

Salve a tutti! Al di fuori del progetto rimango un ragazzo appassionatissimo di Football Manager e di calcio in generale. Vivo con passione e con annessa ansia le partite della mia squadra del cuore, ma penso che potrei seguire volentieri anche una partita di un campionato sconosciuto.

IlCarro: Come è venuto a conoscenza di questo Progetto?

Sono venuto a conoscenza del Progetto grazie ad alcuni ragazzi che mi seguono su YouTube. Ci ho messo un po’ a decidere ma alla fine, grazie anche ai loro continui messaggi, ho dato una possibilità al Progetto e devo dire che non ho rimpianti della scelta. Grazie Anto, Luca, Christian, Andrea e Gabri.

IlCarro: Cosa o chi l’ha convinta ad andare in una piazza così complicata?

Se non è complicato non mi piace. Ho iniziato con una SPAL che veniva da tante sconfitte consecutive; ho allenato poi l’Akragas in C con la medesima situazione, questa scelta è stata fatta principalmente col cuore. C’erano anche altre offerte molto interessanti e colgo l’occasione per ringraziare le persone che hanno pensato a me come loro allenatore. Ma bisogna dar soprattutto merito a Ciampaglia, è soprattutto grazie a lui se oggi sono qui.

IlCarro: Lei arriva in un Inter con problemi seri di risultati e uno spogliatoio non molto compatto. È convinto di avere le capacità per cambiare tutto ciò?

Bisogna vedere prima di tutto come si comporterà la squadra nelle prime partite. Oggi ho avuto modo di conoscere alcuni elementi e mi sembra un gruppo unito con grande voglia di dare una svolta alla stagione. La situazione non mi sembra poi così tragica: il campionato è appena iniziato e ci sono ancora tanti punti a disposizione. Di problemi con lo spogliatoio non ne sono a conoscenza ma, se anche ci fossero, non devono essere elemento di scusa o di mancanza di risultati.

IlCarro: Quali sono – se ci sono – i giocatori con cui ha legato maggiormente in queste prime ore?

Ne conosco diversi: Ciampaglia, Cusumano e Marchese. Diciamo che con loro è stato più facile ma anche gli altri giocatori sono stati subito cortesi.

IlCarro: Ha intenzione di continuare con i suoi moduli già testati ai tempi dell’Akragas oppure ha intenzione di cambiare del tutto la sua visione di calcio per adattarsi alla nuova squadra?

Naturalmente mi adatterò a quello che offrirà l’Inter. Nei prossimi giorni parlerò coi giocatori e con la dirigenza e studieremo insieme un modulo adatto sin da subito per la squadra. Non mi sembra il caso di sperimentare in una situazione del genere.

IlCarro: Ci sono dei giocatori cardini per la sua visione del gioco o non esistono gerarchie in questa Inter?

Ci deve essere voglia di Inter. Questa è la cosa più importante. Poi chiaramente abbiamo il capitano, il vice, il veterano ma prima viene l’Inter.

IlCarro: Quali sono i suoi obbiettivi nel breve e nel lungo termine?

Prima di tutto la squadra deve ritrovare la fiducia nei propri mezzi. Siamo l’Inter, una squadra che che ha scritto pagine importanti di questo sport. Quindi anche i giocatori devono essere consapevoli di poter e dover far meglio. Poi vedremo, la stagione come ho detto prima è appena iniziata.

IlCarro: Lei arriva a Milano dopo due avventure terminate anticipatamente, nonostante due ottimi inizi con entrambe le società.
Malgrado ciò lei ha continuato a stupire tutti, e rimane ancora uno dei migliori allenatori sul mercato.
Come mai tutta questa ammirazione verso la sua persona?

Con la SPAL abbiamo iniziato alla grande con un bel gruppo e con Bisceglie. Poi purtroppo ci siamo fatti prendere dallo sconforto: il mercato ci ha sicuramente penalizzato ed alla fine il Presidente è stato costretto a mandarmi via. Con l’Akragas è stata una lunga e bella avventura: abbiamo vinto la C quando nessuno se lo aspettava. Forse è stato quel risultato ad averci montato troppo la testa e ci siamo posti un obiettivo difficile per la serie B. I risultati negativi sembravano non aver fine e per rispetto di quel bellissimo gruppo ho deciso di fare un passo indietro.
Son contento che le persone abbiano fiducia nelle mie capacità. Apprezzare un allenatore che non è mai stato in A ed ha ottenuto più sconfitte che vittorie è sicuramente particolare ma piacevole.

IlCarro: Prenderà esempio dal precedente allenatore seguendo il suo precedente Progetto oppure punterà su un gioco completamente diverso?

Guarderò sicuramente le precedenti partite dell’Inter e cercherò di capire e valutare cosa bisogna modificare. Ho parlato di modifica, non di rivoluzione. La squadra per ora non ha bisogno di altri scossoni.

IlCarro: Ci sono dei giocatori che vorrebbe portare all’Inter o è soddisfatto del gruppo attuale?

Il gruppo attuale è di altissimo livello! Ma è palese che siamo in pochi, abbiamo la rosa corta -anzi cortissima-, quindi cercheremo sicuramente di muoverci sul mercato. Lo faremo con attenzione ma siamo obbligati a farlo. Vorrei portare i migliori talenti all’Inter, ne ho qualcuno in mente ma non posso fare nomi.

IlCarro: Ora, descriva velocemente i 5 membri più vicini a lei attualmente nel Progetto.

Sono tutti ragazzi con i quali mi sento praticamente ogni giorno su Telegram. Aggiungerei un altro membro del Progetto Raffaele -nuovo allenatore della Fiorentina, N.d.R-, che ho avuto modo di conoscere dal vivo insieme ad Andrea e Christian. Sono ragazzi in gamba, simpatici e non Juventini.

IlCarro: Grazie mille per la disponibilità e buona fortuna alla sua Inter, vuole lasciare un ultimo messaggio al gruppo?

Grazie, speriamo di poter regalare delle emozioni importanti al nostro pubblico che ci segue sempre nonostante i cattivi risultati. L’Inter, c’è solo l’Inter. AMALA

Notizia bomba: hanno acquistato la Juve!

Notizia bomba nel pomeriggio primaverile dalla sede di Crema: la Juventus PG ha una presidenza!

Direttamente da Torino sono giunti, con una valigia carica di contanti, Alessandro Gallorini, Marika Calcagno, Luca Amadori, Luca Brian Santoro e Simone Bonaldi, presentandosi come i nuovi presidenti della società Bianconera.

Nelle prossime ore ci dicono che indicheranno il nuovo allenatore della società, dopo le improvvise dimissioni di mister Trovato.

Stay tuned…


Alessandro Pironti per Progetto X

Intervista al Nuovo Mister Viola.

Oggi Lo Spezzino vuole far conoscere al “grande pubblico” il nuovo allenatore Viola Raffele De Giosa, che guiderà la Fiorentina verso una difficile e utopistica salvezza. La Fiorentina è rimasta “vedova” dopo l’addio del precedente allenatore, Gabriele Cocco, certamente non aiutato dalla Dea bendata e capace di racimolare in 7 giornate un triste bottino di 0 punti.

Salve Raffaele, per iniziare le volevo fare 2 domande veloci: chi è Raffaele De Giosa al di fuori del progetto? E come è venuto a conoscenza di questo Progetto?

Salve Gabriele, attualmente sto studiando come giornalista sportivo per entrare a far parte del mondo del calcio che, fin da quando avevo 4 anni, è stata la più grande passione della mia vita. Ho anche un lavoro come fattorino per far sì che possa pagare tutto ciò di cui ho bisogno in perfetta autonomia.
Sono venuto a conoscenza del Progetto tramite consiglio di amici.

Lei, fino ad adesso, è sembrato un personaggio abbastanza esterno al Progetto. Ha iniziato nel Bari, dal quale poi è stato svincolato. E’ tornato e attualmente milita al Cesena. Cosa l’ha convinta a ritornare nuovamente attivo nel Progetto?

Ho saputo che serviva un allenatore alla Fiorentina che portasse un po’ d’aria nuova all’interno della squadra. Adoro le sfide, sono il pane quotidiano di cui mi nutro costantemente e ho pensato che fosse un qualcosa che potesse portare benefici a me e al club.

Che ne pensa del precedente allenatore? Seguirà le sue idee oppure ripartirà da zero?

Penso che il lavoro di ogni allenatore sia una storia a sé, non conosco la sua situazione e quindi non me la sento di giudicarlo. Preferisco parlare di quello che c’è ora e del futuro, che sono le cose più importanti. Ho le mie idee e ho subito dato un’occhiata alla squadra, decidendo di adottare dei cambiamenti significativi nel modulo e nei ruoli dei giocatori

Quali moduli secondo lei possono dare un’importante svolta tattica alla Fiorentina? Prenderà spunto da allenatori di caratura Mondiale o ha sempre avuto una sua idea di calcio?

Abbiamo una grande forza offensiva e sono dell’idea che vada sfruttata appieno. Il nostro modulo primario sarà il 4-3-3 e in caso ci servisse più spinta in avanti basterà avanzare un centrocampista sulla trequarti e diventerà automaticamente un 4-2-3-1.
Mi piace molto il bel gioco, provo grande ammirazione verso il lavoro di Guardiola e il concetto primario da cui egli stesso si è basato: il calcio totale dell’Olanda di Crujff. Perciò proverò ad ottenere: sia risultati importanti sia un impostazione di gioco bella da vedere.

Secondo lei ci sono già tutti i mezzi per questa idea di gioco? O ci sono reparti da rimaneggiare?

L’idea di gioco del “tiki taka” è molto difficile da applicare, servono giocatori con determinate caratteristiche. Io penso che in questa squadra ci sia molto talento, ma prima che un allenatore applichi al 100% la sua filosofia calcistica serve costruire un ambiente armonioso in modo tale che tutti possano lavorare in totale tranquillità. Ho bisogno, prima di tutto, di guadagnarmi il rispetto di ogni singolo giocatore e il modo migliore per farlo è quello di condurli alla vittoria ogni lunedì e mercoledì.

Quali sono i suoi obbiettivi nel breve e nel lungo termine?

Nel breve termine sicuramente la salvezza, anche se io non mi accontento. Nel lungo termine, invece, costruire una famiglia e andare tutti insieme in Europa. So che potrei essere considerato un pazzo nel dire una cosa del genere vista la posizione e il numero di punti in classifica, ma per la forza individuale e corale della squadra non meritiamo per nessun motivo il piazzamento attuale.

Se dovesse dare una percentuale, quante speranze ha la Fiorentina attualmente di salvarsi?

Dico 99,9% perché di certo nella vita non esiste niente. Lascio quello 0,1% un po’ per scaramanzia, nonostante sia pronto a mettere la mano sul fuoco che a fine anno questo piazzamento sarà solo un brutto ricordo di giorni andati.

Nella prossima partita la sua squadra avrà un incontro difficilissimo, affrontando la squadra forse più compatta del progetto. Come ha intenzione di arginare questo ostacolo?

È dura non lo nascondo, ma nel calcio fa la differenza la motivazione e noi ne abbiamo da vendere. Abbiamo bisogno della presenza di tutti. Dobbiamo andare oltre l’ostacolo perché solo lì c’è un risultato importante. Sono convinto che la mia squadra dimostrerà a tutti fin da subito che quell’ultimo posto non ci appartiene.

Come è stato accolto dal gruppo? Ha legato particolarmente con qualcuno?

Mi hanno accolto tutti benissimo, posso capire eventuali scetticismi vista la mia esperienza ma voglio dimostrare a tutti che ci si può fidare di me.
In particolare ringrazio Gabriele Marchi, mio ex allenatore al Bari e ora un punto fermo della mia Fiorentina, per avermi dato questa possibilità di dimostrare di che pasta sono fatto. Non lo deluderò.

Visto che è da poche ore allenatore ci sono dei giocatori che già conosceva? Se si li descriva.

Conosco solo Gabriele Marchi per il momento, tuttavia, posso dire di avere a disposizione una splendida squadra. Sarà difficile per me fare delle scelte partita per partita considerando la forza individuale di ogni giocatore.

Grazie mille per la disponibilità e buona fortuna alla sua Fiore, vuole lasciare un messaggio al gruppo?

Le cose da dire sono veramente poche, i ragazzi sono perfettamente cosa devono fare e cosa è richiesto loro. L’unica cosa che mi sento di dirgli è di restare uniti perché la stagione è ancora lunga e ci aspettano tante dure prove che singolarmente non potremo mai superare, ma collettivamente possiamo insegnare calcio.
Ora è arrivato il momento di mettersi sotto con il lavoro.
FORZA FIORENTINA!!!

Gabriele Marchi.

Lazio: staffetta in attacco

Con l’avvicinarsi dell’inizio della stagione 4, il calciomercato ci ha regalato delle autentiche chicche.

Trasferimenti importanti, soprattutto in casa Lazio, di cui oggi parleremo.

La Lazio, gestita ottimamente dal duo sanremese Michelini/Pattarozzi (rispettivamente allenatore e DS), ha sopreso un po’ tutti durante la stagione 3, ritagliandosi il ruolo di anti-Juventus fino ad una manciata di giornate dalla fine del campionato, vinto poi proprio dai ragazzi di D’Anteo e Gallorini.

Sfruttando l’ottima programmazione, hanno messo a segno dei colpi importanti come l’ingaggio del regista Salvatore Campagna e del portiere Ivano Di Giacobbe, chiudendo, ad oggi, con un attivo di oltre 2 milioni di euro.

Lazio, appunto, figlia di programmazione e lungimiranza.

Parliamo ad esempio dell’acquisto, con largo anticipo, di Federico Gallarato. Comprato durante la stagione 3, Gallarato è stato acquistato per 1 milione e 700 mila euro e la cessione di Matteo Montanari all’Inter.

Il che ci porta ad una domanda; come schiererà in campo tutti questi top player mister Michelini? Vediamo insieme le schede del parco attaccanti della Lazio.

Di Gloria: giocatore dalla velocità media, corporatura esile che potrebbe soffrire contro le difese rocciose, ma autentico finalizzatore. In un attacco a due, dove per compagno di reparto ha qualcuno in grado di fare a sportellate lasciandogli un minimo di spazio in cui agire, potrebbe diventare devastante. Lasciarlo da solo in mezzo all’area equivarrebbe a giocare in 10 contro 11 se dovesse essere marcato a uomo fisso.

Gallarato: fisico e tanta testa. L’attaccante torinese è un autentico tanker lì davanti. Freddezza massima anche per lui, come Di Gloria, ha un 16 in finalizzazione che potrebbe far ben sperare i tifosi laziali. L’intuito alto e la capacità di farsi trovare smarcato sopperiscono alla bassa velocità atletica. Lui non ha bisogno di muoversi, lui si fa trovare al posto giusto ben prima che gli arrivi la palla. A differenza del compagno di reparto Di Gloria, difficilmente si farà trovare in fuorigioco durante il possesso palla della Lazio. Molto determinato, non crediamo che possa essere un attaccante svogliato e che tenda ad isolarsi dal gioco.

Pattarozzi: fisico importante, con i suoi 185 centimetri per 72 chili di stazza, il giocatore sicuramente più carismatico in attacco della Lazio. Ha una progressione che i suoi compagni non hanno, sopperendo così alla vena realizzativa inferiore rispetto ai suoi colleghi. Ci aspettiamo diventi il primo creatore di gioco in attacco, grazie alla qualità tecnica e nei passaggi superiore a quella di Gallarato e Di Gloria. Molto probabilmente, se la Lazio dovesse ritrovarsi contro dei difensori in grado di arginare la fisicità di Gallarato, mister Michelini impiegherà lui per sfruttare la velocità palla a terra senza perdere troppo in centimetri, aumentando così le probabilità di creare occasioni da gol.

Non credo che li vedremo mai tutti e tre contemporaneamente in campo, anche perché la Lazio ha sette giocatori, tra centrocampo e trequarti, da dover impiegare oltre a dover giocare ogni tre giorni per i vari impegni tra campionato, Champions League e Coppa Italia. Possibile quindi un cambio di modulo che vada dal 4321 della scorsa stagione ad un 4312 che sfrutti a pieno la qualità di palleggio del centrocampo laziale e il saper giocare di Di Gloria e Pattarozzi alle spalle di Gallarato.

Ciampaglia: tra Inter e Pisa, sempre in nerazzurro.

Giocatore di prima generazione, punto di riferimento dell’Inter sia in campo che in panchina. Ma chi è, nella realtà, Luca Ciampaglia?

Salve a tutti, mi chiamo Luca Ciampaglia, ho 18 anni appena compiuti. Sono un ragazzo molto timido e riservato , nella vita oltre andare a scuola, amo passare il sabato e la domenica a vedere il calcio.

Come sei venuto a conoscenza di Diventa un calciatore su Football manager?

Avevo appena conosciuto Filippo Ballarini su Youtube, spesso annunciava un grande progetto. All’ inizio non pensavo che facesse sul serio, avevo paura ad iscrivermi; lo faccio o non lo faccio? Poi ho detto si dai, vediamo come va.

Qual è stata la tua prima squadra e chi ricordi del tuo primo gruppo di gioco?

L’Inter e mi sorprendo ancora che dopo quattro anni sia ancora quì.

In questi quattro anni, oltre lo scudetto in stagione 2, quali sono stati i momenti più bassi della squadra, a tuo avviso?

Il momenti più brutto all’Inter è stato l’addio di Marchese come allenatore. Ci rimasi malissimo, un grande allenatore che, oltre i suoi danni, ha fatto delle grandissime cose come saper mantenere la rosa attiva e sappiamo tutti che non lo è, quest’anno infatti son stato allenatore per sei mesi… beh è stata molto dura mantenere una squadra attiva come la sapeva mantenere Cristian.

Eppure all’interno dello spogliatoio ci sono alcuni elementi della redazione de IlCarro che conoscono bene le basi del gioco. Secondo te potrebbero fare di più per aiutare gli altri a seguire costantemente il progetto?

Certo, ci vorrebbe un tutor per ogni squadra per spiegar ogni singolo passo ai giocatori, soprattutto di Serie C.

Avete mai affrontato l’argomento nello spogliatoio o in dirigenza?

Diciamo che all’Inter è stato pensato poche volte, per quanto riguarda il Pisa, che alleno, è molto dura. Cerco di far capire a ogni giocatore come funziona il progetto, ma ahimè è difficile.

Chi descriveresti come uomo simbolo del Pisa? Il leader intorno cui costruire un progetto a lungo termine.

Come giocatori vedo molto bene Locatelli e Meddadri. Con il Pisa ho grande voglia di lavorare e riscattarmi, sopratutto con 2 grandi persone come Croatti ed Esposito.

Qual è, invece, il futuro della panchina interista? Si vocifera già di un possibile successore?

Essendo in dirigenza Inter (a breve sarò il numero 2 dell’Inter) per il momento è Giglio l’allenatore, spesso gli do consigli su tattiche e robe varie.

Penso tu abbia letto le recenti dichiarazioni di Valentino, vostro tesserato. Come valuti le sue parole? C’è qualcosa che ti sentiresti di consigliargli?

Mi è piaciuta l’intervista, fino a quando non ho letto certe parole, poteva risparmiarle per non crear flame, gli ho detto anche in privato che magari era meglio chiudere l’argomento. Anche perché è un amico che sento quasi sempre su Discord e dispiace si sia esposto così.

Quali sono le ragioni dietro la cessione di Altomare? Sembrava aveste progetti importanti per lui, dato anche l’acquisto importante nella scorsa stagione. Come mai ha chiesto la cessione?

Diciamo che abbiamo avuto problemi con i bonus dei giocatori. Ci sono stati problemi con i contratti, un piccolo impiccio che ha portato a tanti problemi societari. Per un errore dell’ ex DS ed ex allenatore (prima di me) non è stato comunicato a ogni giocatore il suo contratto e l’ex allenatore non ha comunicato che alzavano i bonus da medio ad alto.

Chi reputi, per te, un punto di riferimento del gioco e un elemento indispensabile per divertirti e condividere la tua avventura in Progetto Fm?

Cristian Marchese in primis; un compagno di mille avventure. Lo reputo un grande amico al di fuori del progetto, ci tengo molto a lui e spero di incontrarlo un giorno. Stesso discorso per Calcagno, Cusumano, Valentino, Croatti, Giglio e Schiattareggia che considero dei veri e propri amici.