Articoli

Ghost in the shell recensione del film

Ghost in the shell recensione a cura di Progetto Gaming

Oggi era il primo giorno di uscita del film Ghost in the shell nelle sale italiane, e Progetto Gaming c’era.
Immancabile quindi la recensione con tanto di voto finale (e nessuno spoiler). La recensione estremamente dettagliata con tanto di spoiler arriverà dopo che il film non sarà più disponibile nelle sale italiane.

Non abbiate timore, questa è una recensione priva di spoiler. Non verranno dati dettagli sulla trama ne si parlerà nello specifico di nessuna scena che non sia stata vista nei trailer di Ghost in the shell.

Il voto di Progetto Gaming

Totale: 7
Grafica: 10
Cast: 9
Soundtrack: 7
Dettagli: 7
Storia: 2

Grafica

La grafica è assolutamente meravigliosa, è perfetta. Presenta la stessa visività del film di animazione del 1995, con in più ovviamente tutti gli effetti speciali del caso. Ho gongolato fin da subito pensando alle potenzialità di questo film e non ne sono rimasto deluso. Per niente. D’altronde non si poteva essere delusi dalla Weta Workshop.

Casting

Il casting era quasi perfetto. Su Scarlett non parleremo più visto che a lungo si è discusso. Parliamo invece di Takeshi “beat” Kitano. Maestro come sempre, talmente figo e talmente giapponese da meritarsi i sottotitoli (l’unico sottotitolato del film) come qualsiasi cosa veramente figa e veramente giapponese.
Pilou Asbæk reduce dal trono di spade come Euron Greyjoy decide che forse i fuciloni gli si addicono di più, ed è un Batou assolutamente favoloso.
Chin Han, dopo essere stato il ministro-grillo sconfitto dalle orde di Kublai Khan nella serie tv Netflix su Marco Polo ha deciso anche lui di darsi alle armi da fuoco, con ottimi risultati. Un Togusa più Togusa di lui non poteva esserci.
E infine Michael Pitt, che dopo aver superato le turbe adolescenziali di Dawson’s Creek ha deciso di dedicarsi alla vita da Cyborg, interpretando Hideo Kuze. Non ho mai pensato a come potesse essere Hideo Kuze sullo schermo, ma a questo punto penso che sarà lui.

Soundtrack

La colonna sonora di un film come Ghost in the shell deve essere all’altezza. E in questo caso lo è stata, soprattutto durante i titoli di coda dove è stata fatta una strizzatina d’occhio non indifferente ai fan, con il coro di voci femminili che tanto ci ha deliziato durante i film di animazione.

Dettagli

La cura dei dettagli mi ha soddisfatto: tantissime scene riprendono alla perfezione quelle del film animato e delle serie animate (forse anche troppe) ma quando vediamo Batou coccolare il suo bassotto o Togusa tirare fuori il revolver Mateba 6 unica sono fuochi d’artificio assicurati. Finalmente un film dove qualcuno usa le armi come si deve, dove una squadra addestrata si comporta come tale e sfrutta in maniera tattica ripari e fuoco di copertura. Mancano i famosi fucili Seburo però.

Storia

La grande delusione del film di Ghost in the shell è la storia.
Se fossi Bruno Barbieri la definirei un mappazzone, se fossi Cracco manderei il responsabile fuori da Hell’s Kictchen, se fossi Bastianich direi che mi ha molto diludendo, e se fossi Canavacciuolo prenderei a ceffoni lo schermo del cinema.

La storia non è altro che un rimescolamento fatto male della serie animata, del film del 1995 e di Ghost in the shell: Arise.

Veramente pare che l’autore abbia fatto quella che mia zia chiama la torta “mischia mischia”.

Ghost in the shell e il costo del cinema

Ultimamente i prezzi del cinema sono aumentati terribilmente.

Per questo bisogna sempre valutare con attenzione se andare al cinema e quali film vedere.

Ghost in the shell va visto al cinema? Si
Va visto due volte al cinema per goderselo al meglio? Non ne sono sicuro.

Prepare for the movie: Ghost in the shell 3

Quanto manca al film di Ghost in the shell:

Ghost in the shell: il giorno della verità

Finalmente oggi è il gran giorno. stasera si va al cinema a vedere Ghost in the shell.
Come dite? Se sono in Hype per questa cosa? Ma nooo, lasciatemi indossare la mia maglietta di ghost in the shell, fatemi prendere il mio portachiavi di ghost in the shell e infine fatemi mettere sulla mensola la action figures del Tachikoma che ho coccolato per tutto il pomeriggio. adesso sono pronto per andare al cinema.
Se nella prima parte di questo articolo abbiamo parlato del mondo di ghost in the shell e nella seconda abbiamo parlato nello specifico dei componenti della sezione 9
in questa terza e ultima parte ci soffermeremo sui grandi antagonisti delle varie saghe (ovviamente senza fare spoiler), e sui temi affrontati.

Il marionettista(Ghost in the shell 1995)


Il progetto 2051 è una I.A. sviluppata per il ministero degli affari esteri. Una volta liberata tuttavia sfugge al controllo dei suoi creatori in quello che viene chiamato “The puppet master incident”. Da allora l’I.A. conosciuta come il Marionettista (o signore dei pupazzi) vaga per la rete fino ad assumere un proprio Ghost.
Il tema qui è chiarissimo: che differenza c’è tra umani e androidi? Gli androidi possono provare sentimenti? Possono essere spaventati, tristi, felici, amichevoli? Gli androidi possono avere coscienza di se e perseverare in un tentativo di autoconservazione? Quanto di questi istinti degli androidi è frutto di una programmazione minuziosa e quanto è stato acquisito naturalmente?
Queste domande hanno ispirato la trilogia di Matrix dei fratelli Wachowsky.

L’uomo che ride(Ghost in the shell: stand alone complex)

L’uomo che ride è un formidabile hacker in grado di rubare i sensi dei cervelli cibernetici. Durante il corso degli anni gli sono stati attribuiti diversi attentati, tutti con lo scopo di screditare le aziende che producono componenti per i cervelli cibernetici, e portare alla luce la verità sulla malattia chiamata sclerosi del cervello cibernetico. Perchè le multinazionali nascondono la verità? Perchè è più conveniente per loro nascondere il fatto che c’è una cura? Perchè le persone che non possono permettersi un diritto fondamentale come le cure per le malattie vengono lasciate a morire?

Undici Individuali(ghost in the shell stand alone complex: the second Gig)

Tutto inizia quando un gruppo di 11 persone prende d’assalto un intero piano di un palazzo, catturando degli ostaggi. Successivamente 11 individui armati di Katana compiono un suicidio rituale sul tetto di un grattacielo. in tutto questo solo un simbolo e delle strane rivendicazioni
Il tema di questa serie è quello degli immigrati. In realtà ancora una volta si dimostra la lungimiranza degli scrittori della serie, dato che oggi come oggi ci ritroviamo a porci le stesse domande che si sono posti i protagonisti della serie più di 10 anni fa, quando è stata pubblicata.

La domanda finale

Dopo tutte queste considerazioni, a poche ore dall’inizio del film, la vera domanda è: Che cosa siamo alla fine? Quanto possiamo definirci “esseri umani” in una società in cui il multimediale e l’efficienza la fanno da padrone? Ogni cosa deve essere per forza intrisa di tecnologia, ogni momento della giornata dobbiamo costantemente essere connessi alla rete, essere pronti a replicare alla mail del capo che ci chiede di svolgere un compito. Chiunque non riesca a stare al passo viene lasciato indietro, sostituito, rottamato. Con questo modo di vivere possiamo ancora definirci esseri umani?

Prepare for the movie: ghost in the shell 2.75

Dietro le quinte del film di Ghost in the shell con Adam Savage!

Tutti voi ricorderete certo Adam Savage nel ruolo di Mithbuster nell’omonima serie tv, e ricorderete anche la sua passione per i costumi, il cosplay e il fai da te. Per il canale youtube Tested Adam è andato dietro alle quinte del film ghost in the shell, in uscita il 30 marzo 2017. Noi di Progetto gaming abbiamo addosso una Hype pazzesca per questo film e non vediamo l’ora che arrivi fine mese per potercelo gustare al cinema. In questo episodio Adam ci mostrerà come la Weta Workshop (casa di effetti speciali che ha lavorato al signore degli anelli e lo hobbit) ha realizzato l’endoscheletro per il personaggio del Maggiore Motoko Kusanagi

Prepare for the movie: ghost in the shell – i primi cinque minuti!

Non potevamo resistere a ghost in the shell

No, non potevamo proprio resistere, non ce la potevamo fare ad arrivare al 30 marzo solo con i trailer. Ed ecco che nel video che state per vedere la bellissima Scarlett Johansson ci introduce ai primi cinque minuti del film ghost in the shell che noi di Progetto Gaming andremo a vedere alla prima!
Inutile dire che ho già la bavetta alla bocca e una scimmia colossale.


Enjoy!

Prepare for the movie: Ghost in the shell 2.5

<

Dietro le quinte del film di Ghost in the shell con Adam Savage!

Tutti voi ricorderete certo Adam Savage nel ruolo di Mithbuster nell’omonima serie tv, e ricorderete anche la sua passione per i costumi, il cosplay e il fai da te. Per il canale youtube Tested Adam è andato dietro alle quinte del film ghost in the shell, in uscita il 30 marzo 2017. Noi di Progetto gaming abbiamo addosso una Hype pazzesca per questo film e non vediamo l’ora che arrivi fine mese per potercelo gustare al cinema. In questo episodio Adam ci mostrerà come la Weta Workshop (casa di effetti speciali che ha lavorato al signore degli anelli e lo hobbit) ha realizzato la tuta termo ottica della protagonista di Ghost in the shell! nota: tutti i diritti del video appartengono ai legittimi proprietari e al canale Tested.

Prepare for the movie: Ghost in the shell 2

Quanto manca al film di Ghost in the shell:

Ghost in the shell: i componenti della Sezione 9 Pubblica Sicurezza

Come già accennato nella prima parte di questo articolo la Sezione 9 Pubblica Sicurezza è composta da un piccolo nucleo di Operativi. Conosciamoli un po’ meglio.

Fonte delle immagini del cast: Kotaku

Tenente Colonnello Daisuke Aramaki

Un capo forte, dal carisma indiscusso e dalle conoscenze pressochè illimitate. Ogni sua parola è legge, e gode della piena fiducia della sua squadra. Lui stesso è estremamente leale verso i suoi uomini. In molte situazioni ha messo in gioco la sua carriera per salvare la sua unità. Nel film verrà interpretato dalla leggenda Takeshi “Beat” Kitano.

Maggiore Motoko Kusanagi

Il personaggio di Motoko è stato rappresentato in differenti maniere, a seconda della storia che la vedeva come protagonista. Nel manga è un ottimo leader ma anche una testa calda che fatica a stare agli ordini, nei film d’animazione è invece molto più ligia al dovere e priva di emozioni. Nella serie animata (la versione che preferisco) Motoko Kusanagi è un incredibile comandante, in grado non solo di farsi rispettare dai suoi uomini ma anche di capirli, e saper essere, se necessario, di stimolo al superamento delle crisi dell’unità. Nel film verrà interpretata da Scarlett Johannson

Batou

Ex ranger delle forze speciali della sezione 1 Batou potrebbe essere paragonato al classico marines dall’aspetto muscoloso e con il taglio a spazzola. Come il maggiore ha un corpo totalmente cibernetizzato, inoltre ha modificato i propri occhi per avere visione notturna e visione termica. Sebbene abbia modi bruschi e sia facilmente irritabile, gli piace scherzare in compagnia. Nel film sarà interpretato da Pilou Asbæk

Togusa

Investigatore della polizia, trasferitosi alla sezione 9. L’unico dell’intero team ad avere un corpo totalmente umano, sebbene con un cervello cibernetico. Utilizza una vecchia pistola di design Italiano: l’autorevolver Mateba 6 Unica. Il suo comportamento prudente è legato al suo passato di investigatore e alla sua famiglia: una moglie e una bambina piccola. Nel film sarà interpretato da Chin Han

Ishikawa

Ishikawa è l’esperto informatico del gruppo. Il suo ruolo nel team è quello di recuperare informazioni e creare antivirus o barriere. Nella vita privata gestisce una sala di Pachinko. Ha servito nelle forze di Autodifesa assieme al Maggiore e a Batou in Sudafrica, per questo è stato uno dei primi ad essere reclutati. Nel film è interpretato da Lasarus Ratuere

Borma

L’esperto di esplosivi della sezione 9. Si sa poco del suo passato, solo che in un certo momento è stato esperto di esplosivi per le forze di autodifesa. come Batou anche Borma è fortemente cibernetizzato, e anche lui ha gli occhi modificati, anche se in maniera diversa da Batou. Solitamente lavora in squadra con Ishikawa, o come spotter per Saito. Nel film è iterpretato da Tawanda ManYimo

Saito

Saito è il tiratore scelto della sezione 9. Pare che abbia solo il braccio e l’occhio sinistro artificiali. L’occhio in particolar modo è stato rimpiazzato con L’hawkeye, un dispositivo dotato di numerose funzionalità utili a un tiratore scelto. Ha conosciuto il Maggiore durante uno scontro a fuoco in Sudafrica, ed è stata proprio il Maggiore, durante uno scontro tra cecchini, a fargli perdere braccio e occhio. Nel film è interpretato da Yutaka Hizumihara

Paz

Di Paz si sa poco e si vocifera molto. pare che fosse coinvolto in certi affari malavitosi prima di entrare nella sezione 9. Il suo ruolo è un po’ quello di Jolly: viene impiegato dove serve. combatte con un coltello a farfalla, cosa che assieme alle sue capacità di recuperare informazioni con metodi poco ortodossi sembra confermare il passato mafioso di Paz. Non ci sono voci di casting riguardo a questo personaggio.

Per oggi è tutto, vi lasciamo con la colonna sonora del trailer: Enjoy the silcence di Ki. tenete duro, mancano solo 15 giorni all’uscita di Ghost In The Shell in Italia.

Anime consigliati: Ghost in the shell S.A.C.

Ci sono infiniti ingredienti che compongono il corpo umano e la sua mente, come tutti i componenti che mi compongono come individuo con la mia personalità. Certo ho una faccia e una voce per distinguermi dagli altri, ma i miei pensieri e le mie memorie sono unici solo a me, e Io porto un senso del mio stesso destino. Ognuna di queste cose è solamente una piccola parte. Io acquisisco informazioni da usare nella mia maniera unica. Tutto questo si mescola per creare una mistura che mi forma e che innalza la mia coscienza.

Dati Tecnici:

Ghost in the shell S.A.C.

Anno: 2002
Episodi: 26
Durata episodio: 30 minuti
Opening: Inner Universe di Origa
Ending: Lithium Flower di Scott Matthews

Ghost in the shell S.A.C.: the second gig

Anno: 2004
Episodi: 26
Durata episodio: 30 minuti
Opening: Rise di Origa,
I do di Ilaria Graziano (ep 26)
Ending: Living inside the shell di Steve Conte,
Christmas in the silent forest, di Ilaria Graziano (ep 26)

Ghost in the shell: S.A.C.: solid state society

Anno: 2006
Episodi: 1
Durata episodio: 30105 minuti
Opening: n/a
Ending: n/a

Trama

Nell’anno 2030 la Sezione 9 Pubblica sicurezza deve affrontare delicati casi di terrorismo, legati prima al fantomatico criminale noto come “L’uomo che ride” e successivamente al gruppo terroristico che si fa chiamare “gli undici individuali”.
L’uomo che ride pretende che venga fatta luce su una particolare malattia di quel tempo, chiamata Sclerosi del cervello cibernetico, che porta alla morte le sue vittime, mentre gli undici individuali rivendicano la libertà e migliori diritti per gli immigrati di Dejima.

Personaggi Principali


(da sinistra verso destra)

Paz

Di Paz si sa poco e si vocifera molto. pare che fosse coinvolto in certi affari malavitosi prima di entrare nella sezione 9. Il suo ruolo è un po’ quello di Jolly: viene impiegato dove serve. combatte con un coltello a farfalla, cosa che assieme alle sue capacità di recuperare informazioni con metodi poco ortodossi sembra confermare il passato mafioso di Paz.

Saito

Saito è il tiratore scelto della sezione 9. Pare che abbia solo il braccio e l’occhio sinistro artificiali. L’occhio in particolar modo è stato rimpiazzato con L’hawkeye, un dispositivo dotato di numerose funzionalità utili a un tiratore scelto. Ha conosciuto il Maggiore durante uno scontro a fuoco in Sudafrica, ed è stata proprio il Maggiore, durante uno scontro tra cecchini, a fargli perdere braccio e occhio.

Batou

Ex ranger delle forze speciali della sezione 1 Batou potrebbe essere paragonato al classico marines dall’aspetto muscoloso e con il taglio a spazzola. Come il maggiore ha un corpo totalmente cibernetizzato, inoltre ha modificato i propri occhi per avere visione notturna e visione termica. Sebbene abbia modi bruschi e sia facilmente irritabile, gli piace scherzare in compagnia.

Maggiore Motoko Kusanagi

Il personaggio di Motoko è stato rappresentato in differenti maniere, a seconda della storia che la vedeva come protagonista. Nel manga è un ottimo leader ma anche una testa calda che fatica a stare agli ordini, nei film d’animazione è invece molto più ligia al dovere e priva di emozioni. Nella serie animata (la versione che preferisco) Motoko Kusanagi è un incredibile comandante, in grado non solo di farsi rispettare dai suoi uomini ma anche di capirli, e saper essere, se necessario, di stimolo al superamento delle crisi dell’unità.

Borma

L’esperto di esplosivi della sezione 9. Si sa poco del suo passato, solo che in un certo momento è stato esperto di esplosivi per le forze di autodifesa. come Batou anche Borma è fortemente cibernetizzato, e anche lui ha gli occhi modificati, anche se in maniera diversa da Batou. Solitamente lavora in squadra con Ishikawa, o come spotter per Saito.

Togusa

della polizia, trasferitosi alla sezione 9. L’unico dell’intero team ad avere un corpo totalmente umano, sebbene con un cervello cibernetico. Utilizza una vecchia pistola di design Italiano: l’autorevolver Mateba 6 Unica. Il suo comportamento prudente è legato al suo passato di investigatore e alla sua famiglia: una moglie e una bambina piccola.

Tenente Colonnello Daisuke Aramaki

Un capo forte, dal carisma indiscusso e dalle conoscenze pressochè illimitate. Ogni sua parola è legge, e gode della piena fiducia della sua squadra. Lui stesso è estremamente leale verso i suoi uomini. In molte situazioni ha messo in gioco la sua carriera per salvare la sua unità.

Ishikawa

Ishikawa è l’esperto informatico del gruppo. Il suo ruolo nel team è quello di recuperare informazioni e creare antivirus o barriere. Nella vita privata gestisce una sala di Pachinko. Ha servito nelle forze di Autodifesa assieme al Maggiore e a Batou in Sudafrica, per questo è stato uno dei primi ad essere reclutati.

Commenti e giudizio

Eeeeee potete bene immaginare cosa sto per dire. Ce l’ho nel cuore da quando l’ho visto, insuperabile, bellissimo, etc etc. E avete perfettamente ragione. Ghost in the shell S.A.C. differisce dal film, di fatto potremmo definirlo un universo parallelo, e anche il comportamento stesso di Motoko e gli altri è completamente diverso.
Mi piace come si sia mantenuto però lo spirito generale di fondo, dando più spazio alle questioni poliziesche e personali rispetto a quelle puramente fantascientifiche. Tra l’altro come ben sapete tra poco esce il film di Ghost in the shell al cinema.
Non potete Capire L’hype.
Voto 11/10

Prepare for the movie: Ghost in the shell 1.5

Dietro le quinte del film di Ghost in the shell con Adam Savage!

Tutti voi ricorderete certo Adam Savage nel ruolo di Mithbuster nell’omonima serie tv, e ricorderete anche la sua passione per i costumi, il cosplay e il fai da te. Per il canale youtube Tested Adam è andato dietro alle quinte del film ghost in the shell, in uscita il 30 marzo 2017.

Noi di Progetto gaming abbiamo addosso una Hype pazzesca per questo film e non vediamo l’ora che arrivi fine mese per potercelo gustare al cinema.

In questo episodio Adam ci mostrerà come la Weta Workshop (casa di effetti speciali che ha lavorato al signore degli anelli e lo hobbit) ha realizzato le facce delle geishe robot del trailer di Ghost in the shell!

nota: tutti i diritti del video appartengono ai legittimi proprietari e al canale Tested.

Prepare for the movie: Ghost in the shell 1

Quanto manca al film di Ghost in the shell:

Ghost in th shell: una passione intramontabile

Sin da quando vidi per caso il primo episodio di “Ghost in the shell: stand alone complex” su mtv nel lontano 1998, sono stato quasi letteralmente ossessionato dal mondo di ghost in the shell.
Mi sono procurato tutti i film e i manga originali e poi via verso un crescendo di hype fino alla notizia:
Ci sarà un film live action, con Scarlett Johansson che interpreterà Motoko Kusanagi.

La notizia di questo casting ha fatto storgere il naso a molti , i quali dubitano delle capacità recitative della Johansson.
Inizialmente temevo anche io, poi ho visto il trailer e non potete immaginare l’hype che mi è salita.

Oltre a Scarlett Johansson che è perfetta per il ruolo di Motoko Kusanagi, nel cast è presente anche Takeshi Kitano nel ruolo di Daisuke Aramaki, e li ogni lamentela viene messa a tacere: un genio della filmografia asiatica, sia come attore, che come regista e produttore, che ha saltato di ruolo in ruolo (dal simpatico vecchietto al ganster al samurai) e che sicuramente riuscirà a rendere magistrale anche questo personaggio.

Ma ora basta parlare del film in se, parliamo un po’ del mondo di Ghost in the Shell.

Ghost in the shell e il futuro

Nel XXI secolo le tecnologie informatiche e biologiche sono a tal punto sviluppate che si pensa di poter fondere umani e macchine. A tal proposito viene teorizzato il concetto di Ghost: Non solamente l’anima che ci differenzia dalle macchine. Il ghost è un qualcosa che tutti i sistemi possono acquisire, superato un certo grado di complessità.
Ad ogni modo il Ghost rimane unico e univoco.

Per far interagire il Ghost (cioè alla fine l’entità persona) con le macchine e le tecnologie di ultima generazione è stato creato quello che viene chiamato un “cervello cibernetico“: il cervello umano viene racchiuso da un guscio e inondato di nanomacchine e impianti che rendono possibile l’interconnessione.

Come è possibile che il nostro cervello cibernetico si connetta al mondo esterno è possibile che qualcuno cerchi, sia con il permesso che non, di connettersi al nostro cervello cibernetico, compiendo quello che viene chiamato Brain Hack, o hacking del cervello cibernetico.

Cosa può comportare un Brain Hack? non solo il pirata informatico potrebbe prendere controllo di tutte le parti cibernetiche del nostro corpo (occhi, braccia, gambe, voce) ma anche modificare il nostro stesso Ghost, creando memorie fasulle o modificando quelle reali.

Religioni e discriminazioni del cyber futuro

Ovviamente cibernetizzarsi anche solo in parte è un processo lungo, complicato e soprattutto costoso.
Per questo motivo molte persone non possono permettersi componenti di ultima generazione. Capiterà spesso, passeggiando per la periferia e i sobborghi, di imbattersi in persone poco abbienti che sono dotate di braccia, gambe o addirittura occhi chiaramente cibernetici.

Vi sono poi coloro che, per motivazioni religiose, rifiutano addirittura di farsi modificare il cervello in cervello cibernetico.

Poi ci sono ovviamente coloro che sono in parte o completamente cibernetici, con i componenti all’ultima moda.
Inutile dire che le persone restano persone quale che sia il mondo in cui le collochi, e quindi ci sono forti discriminazioni verso determinate categorie religiose ed economico-politiche.

Il Giappone e la sezione 9 di Pubblica Sicurezza

Il mondo di Ghost in the shell è un mondo sopravvissuto ad altre due guerre mondiali oltre alle due storicamente esistite. Le alleanze tra stati si sono pesantemente modificate.
Il Giappone è giunto al ruolo di potenza mondiale grazie al “miracolo giapponese”, ovvero uno sciame di nanomacchine in grado di “mangiare” e “digerire” le radiazioni, eliminandole completamente.
Si sa, ogni grande potenza mondiale ha i suoi nemici, per questo motivo è stata creata la Sezione 9 Pubblica sicurezza: un organo indipendente da polizia ed esercito, che fa capo direttamente al primo ministro e a nessun altro. Il capo di questa squadra è Daisuke Aramaki, mentre il comandante in capo alle operazioni è la protagonista del mondo di Ghost in the shell: Motoko Kusanagi.