La nuova Serie A

Si è stilato il 1 luglio – data in game – il calendario della Serie A, Stagione 5. Le tre squadre promosse dalla Serie B sono Chievo, Avellino e Benevento.

Sono previsti due soli turni infrasettimanali: mercoledì 25 settembre e mercoledì 4 dicembre. Saranno invece quattro le soste in concomitanza con le partite delle nazionali: 8 settembre, 13 ottobre, 17 novembre e 22 marzo 2020. Non è prevista la pausa invernale, si gioca anche domenica 29 dicembre, giornata nella quale Lazio e Benevento saranno impegnate nella Supercoppa Italiana.

Si parte il 10 agosto, con i biancocelesti detentori del titolo chiamati subito ad un’ardua prova contro il Milan, a San Siro. Il campionato si chiude domenica 10 maggio 2020.

Gli incontri ad alta quota sono: Lazio – Cremonese alla 7ª giornata, Progetto Gaming – Cremonese alla 11ª, Progetto Gaming – Lazio alla 13ª.

I derby: Drink Team – Progetto Gaming alla 1ª, Inter – Milan, Torino – Juventus e Sassuolo – Cesena alla 3ª, Avellino – Benevento alla 8ª, Benevento – Napoli alla 11ª, Avellino – Napoli alla 17ª e per finire Cesena – Bologna alla 19ª.

Si stima che la nuova stagione prenderà il via durante la seconda metà di settembre. Tifosi in fibrillazione e aspettative molto alte per tutte le compagini, dal momento che la maggior parte delle squadre ai nastri di partenza si sono rinforzate, e continuano a farlo, in questo mercato estivo. Tanta carne al fuoco, dunque, per quello che potrebbe essere il campionato della massima serie più equilibrato di sempre.

La Rassegna Stampa ‘Gnorante – ep.1

Premessa doverosa: questo è il primo di una serie di articoli a cadenza settimanale in cui parleremo, fra satira e goliardia, del mondo di Progetto Football Manager.
Si ringrazia per l’ispirazione il buon Giobbe Covatta (idolo delle Rassegne di Mai Dire Domenica), ed il mondo giornalistico-parodistico che ci aiuta con la leggerezza a semplificarci la vita.
O a comprenderne con facilità i meccanismi contorti.



IL CORRIERE DELLO SPORC

La prima pagina si apre con una notizia che racchiude sport e cronaca nera:

Squalificato Stefano Santoro, l’autore delle famose “bombe” è stato trovato positivo all’antidoping.
Il fratello Luca Brian ha dichiarato in growl: “E’ un serio professionista e saprà dimostrare la sua colpevolezza”.


Segue quindi l’Editorale: “Droga e Juventus: boom negli abbonamenti?”


BRUTTOSPORT

“La Federazione introduce il Mona-ruolo, rilancio delle quote rosa”
Le istanze del comitato formato dalle donne del progetto Iadicicco, Calcagno, Zanotti, Pizzuti sono state accolte dalla Federazione.

Segue trafiletto di scuse con licenziamento del titolista in tronco: adesso Arnaldo Figoni cerca lavoro.

LA MAZZETTA DELLO SPORT

Focus sul calciomercato, con in prima pagina il Titolo:

“Colpo inaspettato della Lazio: preso Gabriele Marchi”
Valerio Arnone, per non sentirsi inferiore, compra Serafini. Per il bilancio del Vicenza: un rene e le foto hot di Alessandro Pironti.

Gallarato trovato ubriaco, in mezzo ad un mare di figliole, urlante frasi di giubilo.

L’Editoriale di Simone Moricca, Ds della Casertana:
“Ma ‘ndo li pijate tutti sti soldi?”

Segue trafiletto di Mariano Pizzuti:
“Per i bilanci S5 saranno volatili per diabetici”

L’OSSERVATORE ROMANO

In prima pagina la notizia bomba:

“Atti impuri, blasfemia e continuo infrangere di comandamenti: la stagione 4 Costa la Scomunica al Torino”
Lo spogliatoio risponde dichiarando lo scisma e nominando Giacomo Sedda come Antipapa
in conclave.

Intanto, da Milano, il Presidente dell’Inter Alberto De Donatis dichiara laconico:
“Dilettanti”

In allegato il calendario Mariano – raffigurante il revisore vestito da sacerdote che compie il miracolo della moltiplicazione dei fogli excel – edito da Don Francesco Fusco.


IL FALLO QUOTIDIANO

Ombre sull’operato del Direttore Salvatore Campagna:

“Il Giornale MK-Ultra utilizzato per scambiarsi foto compromettenti”
Damiano Mattia si dichiara innocente confermando il detto latino “Excusatio non petita, accusatio manifesta”

Trovato l’autore della rassegna stampa svenuto sulla scrivania per lo sforzo mentale compiuto per la citazione.
Aperta ancora l’ipotesi dell’attentato delle Brigate Rozze.

Solo il tempo ce lo dirà…

Nell’arco di 36 ore, ormai è ufficiale: rinnovo completo in casa Lecce, che appena retrocesso in B ha bisogno di una nuova linfa per tornare al più presto in Serie A. Il nuovo Presidente, Oliver Mayor, è stato abbastanza chiaro con giocatori e dirigenza: “Chi crede di non poter dare più energie per il progetto Lecce lo dica adesso o taccia per sempre”. E così la dirigenza viene completamente sfoltita dalle presenze di mister D’Alessandro, dal DS Pizzuti e Marketing Manager dell’ormai noto “clown” Yuri Monti.

Non solo, a quanto pare la rivoluzione inizierà anche dall’organico della squadra stessa: un’ecatombe di svincolati. Fato Cristian, Aziz Toure, Fabio Manni, Matteo Valente, Andrea D’Errico e Alessandro Battistutta saranno senza squadra e, ben presto, saranno inondati di pesantissimi depotenziamenti. Quindi, il Lecce ha bisogno di comprare e dopo questa rivoluzione in uscita ci sono due tipi di mercato che la nuova proprietà potrebbe attuare.

Nel primo caso si pensa ad un mercato corposo a livello numerico di giocatori, ma allo stesso tempo notevolmente oculato sotto l’aspetto finanziario. Questo per recuperare il numero di giocatori inattivi persi durante la rescissione consensuale del contratto, oltre che per garantire di scambiare giocatori inattivi per giocatori neoiscritti grazie al Bonus Presidenza. Che ci sia un piccolo colpo di fortuna? Che un giocatore nuovo e poco conosciuto attualmente nel progetto possa diventare un potenziale giocatore da 300k per il Lecce? Solo il tempo ce lo dirà…

Per il secondo tipo di mercato, invece si pensa ad un corposo investimento, nei limiti sempre del budget prefissato, ma con interventi mirati. Si può pensare a questo tipo di mercato, perchè sebbene il Lecce abbia una situazione finanziaria non proprio agevolata, potrebbe aver bisogno di una rosa non troppo corta, puntellata magari in ogni reparto da giocatori attivi e che portino bonus. Delle vere e proprie garanzie. Anche in questo caso: solo il tempo ce lo dirà…

Ma una cosa la sappiamo fin da subito. Mayor non vuole perdere tempo e ha intenzione di rendere il progetto Lecce un vero e proprio capolavoro. Ritroviamo però un’altra squadra che è praticamente – o quasi – nella stessa situazione del Lecce, solo che a differenza dei salentini si trova ancora in Serie A. Fino a esattamente 36 ore fa anche la situazione in casa Sassuolo non era delle migliori. Si vociferavano infatti cessioni dei pezzi più pregiati per i neroverdi; chi messo sul mercato perchè ha semplicemente bisogno di nuovi stimoli e chi per fare cassa per un qualcosa di veramente grande e ambizioso. Ma perché passare da Lecce a Sassuolo? Perchè entrambe hanno una persona in comune: Oliver Mayor.

Dopo l’esperienza alla Reggina, il noto terzino dei neroverdi, dopo un assenza inspiegabile è ritornato più determinato che mai. Pronto a rimettersi in gioco, non solo come Presidente ma anche come Amministratore Delegato. Oliver Mayor, infatti, è già da qualche ora ben insediato nella nuova sede di Piazza Risorgimento come Presidente del Sassuolo. Insieme a lui vi troviamo Denis Coghi e Giuseppe Ali Namane. Erano voci di corridoio che poi nel tempo si sono concretizzate sempre di più. L’inserimento nella lista trasferimenti di giocatori cardine del Sassuolo come lo stesso Mayor, Ferrandino e Tuccio faceva già presagire qualcosa. L’idea dell’ex DS Giuseppe Tuccio era abbastanza chiara: vendere a caro prezzo per far costruire la nuova squadra alla nuova dirigenza. Ma perchè vendere proprio loro tre? Semplicemente perchè nell’idea di Mister Agosta c’era quella di abbandonare la causa Sassuolo per problemi privati. Nulla di grave da quel che si dice, ma Agosta stesso non se la sente tutt’ora di rivelarne i motivi.

Già da qualche ora è noto che sarà Antonio Violante alla guida del Sassuolo. Evidentemente scelto dalla nuova dirigenza perchè è parte integrante dell’ambiente, ma non solo: Antonio Violante non è altro che lo stesso allenatore che nella Stagione 1 ha portato l’Udinese alla vittoria del Tricolore, o meglio… per metà! Dato che ha dovuto poi abbandonare per questioni private e lasciando il posto a Giuseppe Tomasello che ha continuato la cavalcata al titolo. Successivamente lo stesso Tuccio ha lasciato la carica di Direttore Sportivo per concentrarsi interamente sul giocatore.

Sebbene non ha voluto rivelarne concretamente i motivi del suo abbandono, Agosta come ha sentito la campanella d’allarme in casa Juventus ha risposto subito presente. Proprio quando, dopo varie mosse ed intrecci, si poteva collegare tutto quanto con un possibile approdo in Puglia come Allenatore del Lecce dove ritroverebbe Mayor come Presidente… ecco che l’ex-Sassuolo diventerà allenatore della Juventus dalla Stagione 5. Ed ora, gli scenari si intricano ancora di più. Può accadere di tutto in un solo e singolo istante. Sassuolo che con la presidenza in comune con il Lecce potrebbe aprire ad una sorta di collaborazione? Nulla a che vedere con un affiliazione, per carità, ma avrebbe comunque del clamoroso. I neroverdi che ora hanno completamente rivoluzionato l’organico daranno inizio ad un nuovo ciclo completamente diverso rispetto alle ultime stagioni?
Dove si accaseranno i vari Tuccio, Ferrandino e Mayor? Chi si aggiudicherà per primo il loro cartellino? Si potrebbe mai ipotizzare un Ferrandino in sponda Torino ma bianconera? Anche perchè, si sa… a Torino ci è già stato, ma al cuor non si comanda…

Tante domande, tantissime incognite. Per il momento solo supposizioni, ragionamenti e possibili previsioni.
È tutto FantaMercato. Dato che è risaputo che il mondo delle trattative, sopratutto su Progetto Gaming, è imprevedibile in ogni singolo momento. Un istante, un minuto o un secondo possono determinare in tutti i modi il finale della prossima Stagione. Ma a tutti questi quesiti, ancora una volta e per l’ultima volta: Solo il tempo ce lo dirà…

Napoli: ecco chi sono gli obiettivi per S5

Il Napoli di mister Ponticelli, da qualche tempo, ha fatto partire una serie di post sulla propria pagina facebook. Post che hanno generato hype tra gli uomini mercato di Progetto Football Manager.

Le indiscrezioni parlano di un doppio colpo a tinte rossonere.

I partenopei, infatti, avrebbero individuato in Manuel Guassone uno dei prossimi tesserati napoletani.

Guassone rientrerebbe in Progetto Football Manager dopo aver scontato un allontanamento da esso per tutta S4.

L’altro colpo interesserebbe lo staff tecnico. I presidenti campani, infatti, vorrebbero affidare la Direzione Sportiva a Fabrizio Lopresto, ex DS del Milan.

Lopresto anche lui finirà di scontare l’inibizione da DS col termine di S4.

Potrebbero aprirsi nuovi scenari anche per il Lopresto calciatore, dato che sembrerebbe forte l’interessamento della Juventus per lui e, come ormai noto a molti, non corra molta stima tra l’esterno milanista e il suo allenatore/presidente.

Sicuramente non sarà una trattativa semplice da portare a termine, motivo per cui staremo a vedere se questo Juventus-Napoli ci entusiasmerà anche in fase di calciomercato.

Conferenza Stampa: Juventus – Fiorentina

Due squadre con una situazione di classifica completamente diverse.

Da un lato la Juventus di mister Terlati cerca di confermare il terzo posto e tenere a distanza il Progetto Gaming dal prossimo posto certo per la Champions League di S5.

Dall’altro c’è la Fiorentina che tenta di rimanere a galla in una spietata lotta salvezza che vede invischiata mezza classifica.

Press Room Allianz Stadium

Arriviamo nella sala stampa dell’Allianz Stadium e partiamo con le domande a mister Torcolini:

Buongiorno mister, come Progetto X avremmo delle domande da farle, ma partiamo dalla preparazione; affronterai una squadra in buona forma e ancora impegnata in ambito europeo e nazionale per un posto in Champions League S5, mentre per voi ogni punto guadagnato è oro nella corsa salvezza. Come intendi approcciarti contro gli uomini di Terlati stasera?

La Juventus è una squadra anni luce avanti a noi. Hanno giocatori attivi e importanti che hanno giocato in competizioni importanti e prestigiose come la Nazionale o la Champions. Sono una delle squadre più forti del campionato, non è facile per noi sopratutto per la posizione e lo svantaggio dell’ultimo posto disponibile per salvarsi. Giocheremo alla morte come sempre sperando in un risultato positivo.

Se hai avuto modo di studiare la Juventus, qual è secondo te il punto debole su cui fare leva e su cosa dovrete prestare attenzione?

Attenzione su tutto. Giocano con le ali, Paudice è un giocatore che “conosco” perché l’ho allenato nel fantasy pg e mi piace molto, è un profilo forte e può crearci problemi. La Juve ha 11 uomini più i sostituti che possono entrare ed essere capaci di mettere in difficoltà chiunque. Dovremo giocare in modo perfetto, spero che le mie tattiche diano effetto positivo, con la Cremonese non è andata come speravo. Con l’Atalanta in ambe le partite sia il 2-1 crashato che il 4-1 registrato ho visto qualche sprazzo del mio calcio. Bisogna essere perfetti e sperare che loro non siano al top.

Hai giustamente fatto notare come i vostri prossimi avversari siano forti in base all’attività che svolgono da più stagioni. Tolto la stella della squadra Marchi, chi è, secondo te, un possibile uomo simbolo per il futuro dei Viola?

Stiamo valutando i profili giusti per la prossima stagione. Stiamo valutando tutto, qualsiasi persona adatta pur di portare bonus in questa squadra. Non voglio gente demotivata, voglio gente che rema dritto come tutti, che sia trainante verso i compagni! Quindi tutti sono sotto la lente, speriamo in risposte positive.

Da tempo, negli ambienti di mercato, si parla di un forte interesse della Lazio e della Cremonese per Marchi. Ha avuto modo di parlare con il giocatore e capire quali siano le sue intenzioni in vista della S5, anche in caso di retrocessione?

Allora io sono arrivato da poco, ho parlato con la società, mi hanno informato che Marchi vuole andare via, lo sappiamo tutti è inutile nascondersi. Non ho parlato direttamente con lui, ci sarà modo e tempo. Ovviamente se dovessi riuscire a convincerlo a rimanere, sarebbe un colpo di mercato ulteriore per noi. In tal caso invece dovesse ribadire la volontà di andare via proveremo a soddisfare le sue richieste. Ma prima dare soldo e dopo vedere cammello come si suol dire. Deve arrivare una proposta in tal caso che ci faccia sorridere sopratutto a noi, perché perdiamo un giocatore importante e nel mercato di ora i giocatori forti e attivi costano.

Ha espresso eventuali preferenze su quali sono le squadre presso cui andare a giocare?

Non posso dirlo. Le questioni di spogliatoio rimangono nello spogliatoio.

Ringraziamo mister Torcolini, dall’Allianz Stadium è tutto.

Italia – Norvegia: storia di tenacia e determinazione

New York, 23 Giugno 1994.

L’afa riempie le case degli italiani, sono le 10 del mattino in Italia e le scuole sono ormai chiuse. I bar sono pieni, per strada non si vede nemmeno un cane. L’Italia è ancora a 0 punti dopo l’inaspettata sconfitta nella prima uscita di USA’94, contro l’Irlanda.

L’Italia di Arrigo Sacchi e la Norvegia di Olsen scendono in campo con i seguenti uomini;

Il direttore di gara è il tedesco Helmut Krug. I 74.000 tifosi sugli spalti non aiutano ad allentare la pressione sulle spalle degli Azzurri.

La gara inizia subito ad alti livelli. Casiraghi fa a sportellate con i rocciosi difensori nordici. Il divin codino inventa calcio. Tutto bello, fino al 21′, quando su un mancato fuorigioco causato da Benarrivo, Leonhardsen si ritrova a tu per tu con Pagliuca che, in uscita disperata, tocca la palla con la mano fuori area. Espulsione per il numero 1 azzurro, ed ecco che Sacchi sorprende tutti: fuori il fantasista, l’uomo amato da tutti, Baggio. Dentro Marchegiani.

Qualcuno pensa sia un suicidio, ma l’Italia cresce minuto dopo minuto con un Casiraghi indemoniato che pressa alto e un impressionante Berti. Finisce il primo tempo con un’Italia convinta, ma sempre sullo 0-0.

Nella ripresa, altra doccia gelata: Baresi, il capitano, si infortuna dopo 4 minuti di gioco del secondo tempo. Allora ecco che esce anche il capitano ed entra un giovane difensore di 24 anni del Parma, Apolloni. Fascia a Paolo Maldini.

Nel frattempo Beppe Signori entra in partita ed inizia a creare seri grattacapi alla difesa norvegese. Poi all’improvviso, al 69′, la forza di volontà degli Azzurri ripaga; cross dalla sinistra, teso, su cui si fiondano i due centrocampisti centrali. Dino Baggio con un’incornata batte il portiere norvegese. Finalmente Italia!

La partita sarà una continua sofferenza, con l’Italia che prova a ripartire, ma ha in campo sia Maldini che Signori infortunati, con Massaro che va a coprire il settore basso di sinistra e Albertini che prova a far rifiatare la squadra recuperando e smistando palloni. Nel finale la Norvegia segna con Reckdal, ma l’arbitro vede un fallo di mano in mischia ed annulla la rete. Ultima uscita di Marchegiani, triplice fischio. L’Italia conquista i suoi primi 3 punti di USA 94 tra grinta e sofferenza.

Speriamo che i ragazzi di De Donatis, nella prossima live, riescano a far loro lo spirito di quella bella e tenace Italia. Italia di Progetto Football Manager che scenderà in campo a Bari con i seguenti uomini:

1 D’ALESSANDRO

2 SEDDA

3 BALLARINI

4 DEL PRETE

5 BONALDI

6 FILIPPONE

7 IADICICCO

8 DE DONATIS (C)

9 GALLARATO

10 DEIDDA

11 SODANO

12 LUPIA

13 CIANCOLINI

14 CONTE

15 ABATE

16 SANTORO

17 SICILIANO

18 AUGUGLIARO

19 BISCEGLIE

20 GALLO

21 CAMPAGNA

22 ARUTA

23 RICCI

Juventus – Torino: più di un derby

La pioggia sembra non voler cessare e Torino è un via vai di tram, automobili e gente vestita di cappotti grigi. Questa è la pioggia che preannuncia la primavera e da quì a qualche settimana scoppierà il caldo.

Già da qualche giorno, il buon Santoro invia video di sfottò a mia moglie per fare in modo che io li veda. Nemmeno il tempo di realizzare lo 0-1 impartito al Progetto Gaming in Europa League (con 90 minuti ancora da giocare), che c’è già il derby.

In casa Torino quest’anno ci aspettavamo che andasse meglio, ci aspettavamo di poterci affermare come realtà solida anche nel gioco, ma per vari motivi ci siamo ritrovati a condurre una prima parte di stagione “sciapita”, senza demeriti e senza onori. Da Gennaio però qualcosa è cambiato.

Magari Sedda è solo un tecnico alla Allegri, un allenatore a diesel, che partono piano e poi si ritrovano con la piena potenza di fuoco sul finale.

Già dalla mattina si parte, lo sfottò in pubblica piazza con la dirigenza juventina è parte del derby. Nei bar e nelle scuole ci si confronta su chi sia la squadra più forte, se la Juventus campione d’Italia oppure il Torino che sta facendo sognare quella parte di città romantica e nostalgica.

In casa Torino si preferisce rimanere con un profilo basso, la tensione c’è e tutti l’avvertono, ma io non posso non godermi un giorno simile.

Io, juventino sfegatato nel fuffa, da quando ho messo piede in questo progetto ho sempre voluto ruolare in un unico modo: contro le squadre blasonate e il tifo mainstream. Sì, perché parliamoci chiaramente, è facile tifare per una grande piazza e grandi squadre come Milan, Juventus, Napoli, Roma o Inter. Ma avete mai pensato cosa significhi portare in alto il blasone di squadre come Torino, Genoa, Sampdoria e tutte quelle squadre che sono additate come “fascia media”? Per me questo è uno stimolo immenso. È lo stimolo che mi ha alimentato fin da S2, quando scelsi di vestire granata e aiutare nel costruire un gruppo con determinati aspetti caratteriali e filosofia di approccio al gioco.

11 Marzo 2019 – ore 20:30.

L’Allianz Stadium è già pieno. Lo spicchio di stadio con i 2.075 tifosi granata tra la tribuna Est e la curva Nord viene sovrastato dai fischi dei bianconeri, che sono ben 39.432. Ma loro sono lì, cantano e sventolano bandiere col toro bendato sopra.

Siamo nello spogliatoio, già tutti carichi. C’è silenzio, il mister spiega le ultime indicazioni, ma alcuni di noi sanno già cosa fare. Guardo i miei compagni, vedo che alcuni fanno avanti e indietro nervosamente, mentre qualcun’altro si è immerso nella sua musica preferita.

“Ok ragazzi, ci siamo. È tempo di uscire” esorta il mister.

Ci disponiamo in fila indiana, davanti a tutti c’è Sedda, stasera capitano in assenza di Pauletto. Si guarda con aria di sfida con Agosta, capitano e fantasista della Juventus fin dalla prima stagione. I più concentrati sembrano essere Frunzio e Deidda, con Gianluca Pusceddu gasato a mille per la tensione che si respira in quel minuscolo tunnel.

20:50, si entra in campo.

Il Derby della Mole ha inizio

Inno della Serie A di rito, sguardi dritti verso la tribuna Ovest, scambio di saluti per le telecamere e poi via verso le proprie posizioni in campo.

Sedda stringe la mano ad Agosta, entrambi sono fieri della fascia che portano al braccio e sanno che sarà battaglia vera.

Noi ci disponiamo con Fagone in porta, davanti a lui ci siamo io, Avogaro, Sedda e Frunzio da sinistra verso destra. A fare da diga a centrocampo Gianluca, con Figoni e Deidda a creare occasioni in mezzo al campo. Davanti a me sulla trequarti c’è Vanali, al lato opposto sulla destra Iadicicco. In attacco il solo Pennisi.

La Juventus si schiera a specchio nell’altra metà campo, con Carrano tra i pali, Bassissi, Amadori, Gallorini e Stranges. In mediana Del Prete, regia affidata ai piedi educati di Pejcic e Agosta. Il mio diretto avversario sarà Paudice, sulla fascia opposta ad occupare Frunzio ci sarà Zirattu. Bicocchi, ex granata, unica punta.

L’arbitro osserva le due squadre, porta il fischietto alla bocca, guarda l’orologio, si parte!

Abbiamo pagato caro due svarioni difensivi del nostro portiere, purtroppo.

Entrambe le squadre hanno lottato alla pari, purtroppo la differenza l’ha fatta Carrano che è riuscito ad ipnotizzare il nostro attacco.


A malincuore mi tocca ammettere che per quest’anno il derby è bianconero, essendo l’andata conclusasi con un 1-1 e questo ritorno con un amarissimo 2-0.

E, lasciatemelo dire, è per partite come queste che non ci stancheremo mai di ruolare! Onore ai rivali gobbi, anche se stamattina un tifoso mi chiedeva dove fosse Piazza Castello…

In Lotta per l’Europa – Analisi 10 Giugno – Parte 2

Nella live del 10 Giugno 2019 sono ripartite le competizioni europee in Progetto FM. Un inizio alquanto incoraggiante soprattutto per le squadre italiane coinvolte nell’Europa League, dove su cinque scontri si sono ottenute cinque vittorie. Se nella prima parte siamo andati ad analizzare le partite di Torino e Progetto Gaming, oltre alla partita in Champions della Lazio, in questa parte verranno messe sotto lente d’ingrandimento le altre partite, che hanno coinvolto Inter, Juventus e Roma.

Feyenoord – Inter 2-5
La partita sicuramente più emozionante del turno di Europa League è stata quella tra la squadra di Rotterdam e quella allenata da Pietro Alaimo. L’alta intensità da ambo le parti ha portato ad uno scontro che ha visto molti errori da parte delle difese e pregevoli gesti tecnici da parte degli attacchi: nei primi 23′ sono state segnate ben quattro reti.

É stata una partita molto combattuta, come testimoniano le statistiche molto simili in Tiri in Porta (6-9) ed in possesso palla (53-47), il numero di chiare occasioni da goal (1-1) e di azioni importanti (2-2). Anche il numero di passaggi è molto simile, con l’Inter che ne porta a termine 341 e il Feyenoord 387. Le due squadre non hanno esitato a spingersi in avanti, anche a discapito di qualche goal subito di troppo. La chiave della partita che spiega un risultato così netto è l’incredibile efficacia dei giocatori nerazzurri sotto porta, tanto da rendere imbarazzante la prestazione del portiere olandese Vermeer, con 5.6 di voto. Sostituzione decisiva quella effettuata tra primo e secondo tempo da parte dell’Inter: l’ingresso di Ciampaglia al posto di Pettignelli ha ampliato il divario tecnico tra le due squadre. Non è un caso che dopo il suo ingresso, l’Inter abbia segnato le due reti che chiudono la partita senza concedere un goal agli avversari. Il premio di migliore in campo appartiene ad Antonio Seminaroti, autore di una splendida doppietta. La qualificazione per l’Inter potrebbe essere al sicuro, grazie ai cinque goal in trasferta che costringerebbero il Feyenoord a segnarne quattro a San Siro.

EXTRA: I padroni di casa presentavano in panchina due svincolati di Progetto FM. Matteo Pesco, ex-Lazio, Udinese e Sampdoria, e Alessandro Girelli, ex-terrore delle difese di A mentre era al Bari e due stagioni fa al Fublet. Se il secondo è stato splendidamente fermo in panchina, il primo ha giocato anche 12 minuti a partita in corso.

Juventus – Bayer Leverkusen 3-0
Anche l’altra squadra di Torino chiude il discorso qualificazione con un netto 3-0 al Bayer Leverkusen, squadra sicuramente meno ostica di quelle affrontate nel girone di Champions League. La partita è nettamente dominata dai bianconeri, che lasciano poco spazio alle punte tedesche.

Il pieno controllo della partita è reso evidente dal gran numero di tiri in porta, che sono undici per i padroni di casa contro i tre degli ospiti. Non proprio una gran bella giornata del portiere del Bayer, che deve ringraziare i due pali se non ha raccolto ulteriori palloni dalla porta. Bisogna tuttavia ammettere che prima dell’ingresso di Luca Santoro, autore di una doppietta, la Juventus non era riuscita a concretizzare le sue tante occasioni avute, segnando solo il goal con Theo Bassissi. Infatti, giornata molto negativa per Carlo Paudice, costretto ad uscire nel secondo tempo. In pieno controllo sono stati i terzini bianconeri: sia il già nominato Bassissi che Mattia Perfetti, hanno messo in subbuglio con le loro accelerazioni la difesa tedesca. Bene anche Igor Pejcic, autore di un assist. Tuttavia, il premio di MOTM va sicuramente a Santoro, che se lo assicura in ventisei minuti di gioco. Curiosamente, a segnare tutte le tre reti dei bianconeri, sono stati giocatori al loro debutto in Europa League: Bassissi ha giocato la prima parte di stagione alla Pro Vercelli, mentre l’uomo partita è stato al Catania.

Roma – Basaksehir 2-0
Per quanto il risultato non le garantisce il passaggio del turno senza troppi rischi, i giallorossi hanno messo un mattone fondamentale per il passaggio del turno. Infatti, nonostante il risultato reciti solo 2-0, il modo in cui è arrivato fa ben sperare per il match di ritorno.

La Roma ha approcciato la partita nel modo corretto, non lasciando nessuno spazio alla squadra turca, autore di un solo tiro nello specchio. D’altro canto, la Roma dovrebbe migliorare la precisione sotto porta: dei 27 complessivi solo 6 sono finiti a bersaglio. La partita fortunatamente si era messa in discesa sin da subito, con il goal di Giacomo Bruni al 13′, e ci ha pensato Flavio Bramucci a chiuderla al 78′. Tuttavia, è difficile capire il livello della Roma: la difesa si è comportata in maniera assolutamente solida, mentre l’attacco ha evidenti problemi in ambito europeo, visto che né Riccardo Atudosie né Paolo Leanza hanno inciso sulla gara in qualche misura. Servirà ritrovarli al meglio per poter pensare di andare ulteriormente avanti, anche se a Roma potrebbero fare qualche ragionamento di più: meglio dedicarsi completamente al campionato di Serie B, dove attualmente stai in zona playoff e più ti piazzi meglio più hai possibilità di passare, oppure sacrificare qualcosina per provare ad andare fino in fondo nella Coppa, senza la certezza però di riuscirci? In ogni caso, si può dire che la Roma, nonostante gli impegni del campionato cadetto, abbia onorato al proprio meglio la competizione. Ed è facile che entri nella top 16 della Europa League.

Diamo i numeri

Ritorniamo a parlare del Calciomercato PG.

Drink Team: la squadra del patron Ballarini decide di confermare i propri ragazzi, non muovendosi sul mercato.
Voto: S.v.

Fublet: per i bianco-verdi un mercato mirato: è arrivato il terzino Dimartino, dall’Entella, mentre in uscita ha saluto Maffei, direzione Siena. Solo il tempo potrà dirci se sarà bastato questo acquisto per raggiungere una salvezza tranquilla.
Voto:7

Fiorentina: La squadra toscana, che soffre in fondo alla classifica della massima serie, decide di fare un mercato sotto traccia con giocatori poco conosciuti alla platea: campagna acquisti non delle migliori per cercare una salvezza che già prima dell’inizio del calciomercato sembrava molto complicata.
Voto:5

Genoa: Il mercato dei liguri è ottimo: in entrata da registrare gli arrivi di Crippa e Gallo, il primo dal PG, in cambio di Pironti, e il secondo dalla Lucchese. In uscita saluta temporaneamente Di Stefano, che si aggrega in prestito alla Casertana per sei mesi, mentre fa il percorso inverso Guidotti.
Ottima anche la cessione di Aperio, al PG di mister Casalati, per un prezzo faraonico.
Voto:6.5

Inter: La squadra di mister Alaimo non apporta modifiche alla propria rosa, confermando tutti i giocatori, che proveranno a lottare nuovamente per un posto in Europa.
Voto:S.v.

Juventus: Mercato sontuoso da parte della vecchia signora che si garantisce le prestazioni di Bicocchi, nello scambio con Bisceglie, e di Zirattu, dal Milan.
Salutano invece Lucatelli, accasatosi all’Akragas, Ceraolo, direzione Ferrara, e Vincenzo Della Morte, che si unisce allo Spezia ad un ottimo prezzo.
Voto:8

Lazio: La squadra capitolina decide di puntellare la rosa con un unico colpo: quello di Provenzano dal Bologna, che torna alla corte di Michelini dopo appena sei mesi.
Voto:6

Milan: mercato non molto comprensibile quello effettuato dai rossoneri: il presidente Giamberduca cede i suoi migliori giocatori ad un prezzo basso, unica eccezione Zirattu, mentre in entrata gli unici colpi degni di nota sono quelli di Di Gaetano e Giamberduca.
Gli acquisti di Franceschino, giocatore inattivo da un lungo periodo, e Godino, giocatore poco attivo, non hanno molto senso per una squadra in lotta salvezza.
Voto:4.5

Lecce: la squadra salentina decide di non rafforzarsi ma di indebolirsi in ottica futura: le cessioni di mister D’Alessandro e del DS Pizzuti, al Piacenza, andranno ad indebolire notevolmente la rosa del prossimo anno. In entrata gli arrivi dei soli Fato, giocatore neo-iscritto, dal Campobasso e Pellegrino, dalla Sambenedettese, rischiano di complicare la lotta per la salvezza.
Voto: 5

Viaggio d’andata della Serie A: le statistiche

Il girone d’andata della Serie A è finito da qualche giornata e le squadre hanno avuto anche il tempo di vedere inseriti i loro nuovi acquisti in rosa. Per chi non si ricordasse la classifica, ecco qui un breve recap della situazione alla 19^ giornata: Lazio e Cremonese controllano agilmente la serie A, con i biancocelesti che diventano campioni d’Inverno. Dietro di loro il buco, con l’Atalanta prima degli altri a -13 dai lombardi, seguita a sei punti di distanza dal Napoli e poi dietro 12 squadre rinchiuse in 9 punti, fino al Cesena 16°. In lotta salvezza, Sampdoria salva grazie alla vittoria nel derby, con Genoa, Milan e Fiorentina in zona rossa.

Confronto con la S3: calo delle genovesi, Cremonese come la Lazio

Come era prevedibile, incremento della Lazio di 12 punti rispetto all’anno scorso, da 40 a 52. Difficile fare meglio per la squadra di Michelini, ed infatti non è la squadra ad aver avuto il miglioramento più evidente. Il Napoli di Salvatore Ponticelli ha acquisito un +20, passando dai 10 punti con cui ha concluso l’anno scorso ai 30 di quest’anno. Anche il Bologna, sotto la guida di Mario Torsello, ha acquisito un +10, da 18 a 28. Miglioramento anche per Crotone(+4) e Atalanta(+7). Sono ben due le squadre invece stabili: Lecce, che conferma i 23 punti, che sale dal 15° al 13°, e Drink Team fermo a 26, dal 12° a 9°.

Con due squadre che hanno monopolizzato il campionato come Lazio e Cremonese, sono tante le squadre ad aver perso punti rispetto alla S3: i più sorprendenti riguardano le due genovesi. Tra le due, è la Sampdoria ad averne perso di più, con un -15, mentre il Genoa ha perso 11 punti. 12 punti invece per la Juventus, con i bianconeri che però perdono solo 5 posizioni. Calo anche per il Progetto Gaming, con un passivo di 9 punti. I peggiori in questo sono Milan, con 19 punti in meno rispetto alla S3, e di Fiorentina, con un -17.
Calo anche per Torino(-6), Sassuolo(-4), Inter(-8) e Bari(-5).

Neopromosse che si comportano in media meglio dell’anno scorso, grazie soprattutto alla Cremonese che in confronto alla Lazio della S3 ottiene un +9, ma anche il Fublet ottiene un +1 rispetto al Lecce. Solo il Cesena fa peggio della sua consorte: il Livorno aveva ottenuto tre punti in più a questo punto del campionato.

Se nella scorsa stagione si sono segnate 570 reti, viene confermata la tendenza già vista nella Serie B: 662 sono i goal segnati dalle 20 società, per una media di 33 reti a società. Alle medie mai viste di Lazio e Cremonese, con una media di 4 reti a testa, fanno da contraltare i pessimi attacchi di Milan e Sampdoria, peggiori perfino dell’ultimo attacco della S3, il Palermo con 21 goal. La difesa migliore, premio condiviso dalle due squadre in testa al campionato con 19 reti, è peggiore di ben tre difese della S3, tra cui la stessa Lazio. Indubbiamente, però, a qualche rete subita in più, ci sono state molte reti fatte in più. L’attacco migliore è della Cremonese, con 74 e solo 3 reti in più dei leader, che ha il 176% del valore dell’attacco della Juventus di S3, miglior attacco al giro di boa.

Altre statistiche

Lazio che per segnare di più ha sacrificato anche il possesso palla: se l’anno scorso vantava il 56% partite, quest’anno non raggiunge nemmeno il 51%, uscendo così dalla top 8. Classifica del possesso che vede il Progetto Gaming tenere tanto la palla, con il 56% di possesso. L’Atalanta è la squadra che porta a termine la percentuale di passaggi, con 81%, rispetto al 82%. È leggermente meno il numero: 8266 rispetto ai 8427 dello scorso anno. Il numero di passaggi tuttavia si è abbassato notevolmente: nessuna squadra supera i 10000 passaggi completati tra quelle che sono in top 8 per percentuale.

Il Crotone è la squadra più fallosa del campionato: sono ben 272 i falli fischiati, di cui un circa un quinto si sono tramutati in ammonizioni. In questa speciale classifica, troviamo anche Milan con 254 e poi Lazio e Cremonese a 248, tutte con circa 50 ammonizioni a testa. La squadra che ha rimediato più espulsioni è il Bari, con la bellezza di 6 cartellini rossi sventolati: in un gioco che tende ad espellere il giocatore dopo espulsione o infortunio grave, questo rappresenta un grave handicap.

Sono tre le squadre con la percentuale più alta di contrasti vinti: Atalanta, Torino e Sampdoria, con il 89%. Di queste, quella che ne ha fatti di più è la squadra granata, con i suoi 381. Il dato statistico rivela anche come la squadra di Pellegrino prediliga la difesa posizionale: i bergamaschi infatti hanno portato a termine meno di 300 contrasti, facendo fallo solo 157 volte.

Statistiche individuali

Partiamo dai portieri: l’ex Cremonese Mattia Mele è il portiere che ha subito meno reti tra coloro che hanno giocato almeno dieci partite (escludendo da questa classifica l’altro portiere grigiorosso, Mariangeli). Costarella è invece il portiere con più reti inviolate, grazie anche al fatto di essere titolare inamovibile: 6 clean sheet su 19 possibili, uno in più di Mele (su 10 possibili), Ianzano del Drink Team (su 11 possibili), e Petruccelli dell’Atalanta (su 14 possibili).
Il portiere che blocca più tiri è Carmelo Camerino, ben 71 sono finiti tra le sue braccia. La top 5 di questa classifica vede Petruccelli, Lupia del Fublet, Picchi del Cesena e Carrano della Juventus, tutti compresi tra 50 e 60 prese.
Comunale dell’Inter, invece, è colui che esegue più respinte, ben 54. In questa top 5 ritroviamo Camerino, Lupia e Picchi, mentre la chiude Fagone del Torino, con 33.

Se Gallarato della Lazio è il capocannoniere alla 19^ giornata con 21 reti, e Marchi della Fiorentina e Pattarozzi della Lazio sono gli assist-men con 10 passaggi decisivi, il maggior numero di passaggi decisivi fatti da un giocatore è di un altro top 3 del Pallone d’Oro: Campagna della Lazio ha eseguito ben 49 passaggi chiave per l’azione, staccando di 11 il suo principale inseguitore, il compagno di squadra Marcheggiani, che tuttavia ha fatto due assist in più(7 a 5).

Il premio di motorino in campo è di Giovanni Esposito: il senegalese ha infatti percorso una media di 13,33 km a partita, per un totale di 183 km percorsi nelle sue 15 presenze. Altri corridori sono Broccolo del Napoli, con 13,24 km a partita, e Falzone della Lazio, con 13,20 km a partita. Da notare come Marchi abbia percorso ben 221 km in questa prima parte di stagione, complice anche la sola partita saltata. I due nazionali di Ballarini compaiono anche nel podio della classifica dei dribbling a partita. Se il fiorentino ha la bellezza di 2,83 ed è mattatore assoluto, il giocatore di Serafini si piazza terzo con 2,03 dribbling a partita. In mezzo, Gega del Drink Team, con il risultato di 2,39, che dei tre è l’unico a non aver fatto assist.