PROGETTO FM – Bologna: La stagione fino ad ora!

Salve a tutti ragazzi e bentornati sul nostro giornale. Oggi andremo ad analizzare la stagione del Bologna. insieme a me ci saranno il capitano della squadra, Alessandro Terzo, e uno dei presidenti, Lenny Cazzamalli.

Presidente, lei e gli altri componenti della dirigenza avete svolto un mercato che ha attirato le attenzioni di molti addetti ai lavori. In estate sono arrivati due pezzi pregiatissimi del mercato Tuccio e Calchi. Inoltre non vi siete fermati con loro, avete messo a segno anche i colpi Menghetti, Belli, Fazzini (prestito secco) e per ultimo, nel mercato invernale, Popolo dall’affiliata Ravenna. Cosa vi ha portato a fare un mercato così sostanzioso ed importante?

[Cazzammalli]: Per tutta l’estate la società ha lavorato sodo per cercare di rafforzare il più possibile la qualità della rosa sia a livello di scheda sia a livello di attività.
Siamo riusciti a portare a Bologna ottimi ragazzi e soprattutto – cosa non da poco – a confermare il blocco delle passate stagioni.
Questo perché Bologna merita palcoscenici più importanti.
La strada sappiamo essere lunga, ma stiamo già lavorando per S6 per farci trovare ancora più forti ai nastri di partenza.

Siete soddisfatti dell’andamento della squadra fin’ora? Un 8º posto che può trasformarsi con impegno in un posto per l’Europa League. Siete fiduciosi di poter arrivare in Europa?

L’obiettivo di inizio stagione era quello di lottare per l’Europa League, siamo partiti molto bene per poi avere dei problemi.
Più che calo abbiamo avuto risultati altalenanti, ma nonostante tutto siamo ancora in piena corsa. Dobbiamo inseguire Avellino e Progetto Gaming ma sicuramente non molleremo fino a quando la matematica non ci condanna.
Ad oggi festeggiamo la salvezza raggiunta con 15 giornate d’anticipo!

Siete da inizio season una delle squadre più importanti per attività soprattutto in classifica live. Insieme al suo staff ha trasformato una squadra di media attività ad un top team d’attività. Cosa consiglia a chi come voi vuole puntare a migliorare l’attività dei propri singoli?

Consiglierei di creare un gruppo unito e far capire ai ragazzi che si tratta di un gioco. Alla base ci deve essere il divertimento, l’utente deve essere felice di creare un meme, seguire la live o di scherzare con i propri compagni di squadra.
Personalmente la squadra Bologna la considero una seconda famiglia siamo un gruppo vario sia di età sia geograficamente ma abbiamo creato un bel gruppo con il quale si può parlare di tutto.

Grazie Lenny per la sua disponibilità e per la sua gentilezza.

Grazie a voi. Un saluto a tutto il gruppo Bologna.

Passiamo ora con il capitano della squadra, Alessandro Terzo.

Salve Alessandro, lei è diventato il capitano dei rossoblù da inizio stagione. Quale sono le sue sensazioni nel ricoprire questo importante ruolo?

Salve a te, a tutti. E’ un ruolo che non ricopro per la prima volta, essendo stato capitano anche all’Avellino in S3. Però, a differenza di quella volta dove fu la presidenza ad onorarmi, qui sono stati i miei stessi compagni di squadra, e la cosa non può che avere un sapore del tutto particolare, perché ti fa sentire apprezzato stesso all’interno dello spogliatoio, oltre che ovviamente dalla dirigenza. Il ruolo di capitano è importante in un gruppo poiché devi cercare di aiutare nell’attività della squadra, ma la mia fortuna è che di questo il Bologna non ne ha bisogno, poiché quando sono arrivato ho già trovato una squadra molto attiva ma soprattutto delle persone che hanno a cuore il Progetto, a prescindere dai bonus raggiunti a fine stagione, e questa è la cosa più importante per me.

La società nelle due sessioni di mercato ha messo a segno colpi importanti e mirati. Come crede si siano inseriti i nuovi compagni nel gruppo?

I nuovi arrivi sono riusciti a dare nuova linfa alla squadra: nonostante la salvezza arrivata nelle ultime giornate di S4, è arrivata gente del calibro di Tuccio, Amato e Fazzini, due top nei loro ruoli. Inoltre siamo riusciti ad attrarre anche nuove leve come Belli, Calchi e Menghetti, attivissimi già da prima di entrare nello spogliatoio. Sono tutti molto ben voluti e già perfettamente integrati. Anche l’ultimissimo arrivato, Gavril, è un po’ la nostra mascotte: ora è in prestito alla Juve Domo, l’anno prossimo servirà anche il suo contributo! 

Crede che questo gruppo possa puntare ad una qualificazione in Europa League?

Quest’anno le gerarchie sono poco chiare: troviamo delle belle sorprese nelle prime posizioni, come Bari, Torino e Avellino, che hanno preso il posto di altre squadre che adesso stanno faticando un po’, come Napoli e Atalanta. Credo che il Bologna abbia tutte le carte in regola per poter essere dov’è ora fino a fine anno, se riusciamo a tenere alta la concentrazione ma soprattutto se riusciamo a vincere le partite contro le squadre sotto di noi, perché paradossalmente giochiamo meglio contro chi ci precede. Abbiamo il giusto mix di giovani e veterani, prometto ai tifosi che ne vedranno delle belle!

Ringrazio Lenny Cazzamalli ed Alessandro Terzo per l’intervista. Tutto lo staff di Free Kick augura buona fortuna al Bologna per questa ultima parte di stagione!

Scritto da Jacopo Pisasale | Revisionato da Gad Hakimian


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento