Progetto FM for dummies – 5. Abilità potenziale, infortuni e squalifiche

Come ben sanno tutti gli affezionati lettori di Progetto Gaming, a inizio estate del 2017 abbiamo deciso di sfruttare al massimo il potenziale di Football Manager, un videogioco simulativo-manageriale che ricalca fedelmente l’esperienza di un vero allenatore di calcio, per creare Progetto FM, un campionato virtuale, rimuovendo ogni giocatore di Serie A e inserendo, al loro posto, persone “reali”, utenti che non erano giocatori professionisti, ma appassionati di Football Manager o anche semplicemente di calcio, che hanno creato un giocatore che somigliasse il più possibile al vero utente appena iscritto.

Nel corso di questi mesi ci è sembrata una buona idea fare una sorta di “guida” in cui spiegare, in maniera semplice e diretta, sia le meccaniche di gioco che alcuni utili consigli su come vivere al meglio l’esperienza ludica unica che Progetto FM è in grado di offrire. Oggi, con la quinta puntata di questa rubrica, parliamo di abilità potenziale, infortuni e squalifiche.

Con il termine “abilità potenziale” si intende il potenziale che un giocatore potrà raggiungere nel gioco attraverso i normali allenamenti durante gli anni di attività. Dato c he le variabili in gioco sono tante (infortuni, partite giocate, professionalità del giocatore ecc.), non è detto che il giocatore raggiunga per forza il suo massimo potenziale durante la sua carriera: tuttavia, se la PA è troppo bassa, il giocatore potrebbe anche peggiorare negli anni e per questo motivo aumentare la PA è fondamentale per rimanere almeno sempre costanti come giocatori. Il massimo raggiungibile è 200, che nel gioco ha solo Messi.

Tra le variabili in gioco rientrano gli infortuni e le squalifiche: analizziamole in maniera più approfondita.

Nel caso in cui un giocatore si infortuni sia in campo che durante gli allenamenti, la lunghezza dell’infortunio durerà al massimo 2 partite: quindi, se anche il giocatore fosse infortunato per 5-6 settimane, dopo 2 partite saltate gli sarà rimosso l’infortunio. Questa regola vale anche in caso di eventuali partite con la propria Nazionale, se il giocatore è stato convocato. Se il giocatore si fosse infortunato nella prima partita e durante la live se ne giocassero due di seguito, non si potrà rimuovere l’infortunio, ma si dovrà aspettare la fine della live.

Può anche capitare che, per ragioni non legate al valore morale dell’utente, il giocatore sia comunque infelice, per esempio riguardo al proprio contratto o ai minuti giocati: in questo caso tutte le infelicità e preoccupazioni saranno rimosse e l’allenatore dovrà avvisare gli amministratori del problema. Nel caso degli infortuni tutto ciò non è necessario.

Caso diverso quello delle squalifiche, che durano l’effettiva durata della squalifica, anche se questa supera le 2 giornate: se un giocatore fosse stato espulso per quattro giornate, non giocherà effettivamente per quattro partite.

Nella prossima puntata parleremo di ritiro e depotenziamento del giocatore. Seguiteci!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento