IL NUOVO CAPO DS!

Cari lettori di PROGETTO X, oggi vogliamo presentarvi una delle nuove figure all’interno del SUPERSTAFF. Il nuovo CAPO DS di Progetto FM, Francesco Benedetti.  Francesco è uno dei quasi “veterani” del progetto, andiamo alla scoperta della sua figura e della sua storia. Grazie mille e buona lettura.

Buon pomeriggio sig. Benedetti. Progetto X ha l’onore d’intervistarla, le chiediamo cordialmente di presentarsi. Chi è Francesco Benedetti al di fuori di Progetto FM?

Salve sig. La Rosa, redazione di Progetto X e cari lettori. Francesco al di fuori del progetto è un normale studente di Giurisprudenza con la passione per il calcio, i videogiochi e le serie Tv. Una persona come tante insomma, che si diverte e cerca di far divertire chi gli sta intorno. E che odia parlare di sé in terza persona. <ride ndr>

Ci parla un po’ del suo giocatore e di come ha conosciuto Progetto FM?

Ho avuto modo di conoscere il Progetto nel gennaio 2018, circa metà S2, grazie ad un amico e da lì è stato subito amore. Al momento dell’iscrizione mi sono presentato come un Pippo Inzaghi più scarso e senza fiuto del gol, ne pago ancora le conseguenze. Sono prevalentemente un uomo d’area, con circa 150 di CA e 160 di PA, in campo però non rendo molto. Sarà colpa del calciatore o colpa di Deidda, a voi la scelta.

Sappiamo che la Lucchese detiene il suo cartellino, ma non tutti sanno che al suo ingresso nel progetto è stato vicinissimo al Torino, di cui adesso è anche Ds e presidente. Perché la trattativa non andò in porto?

In realtà fui un giocatore del Torino, dal mio ingresso nel progetto fino alla fine della S2. Stiamo però parlando di un periodo diverso, in cui molte dinamiche di gioco differivano da quelle attuali, il motivo per cui non sono rimasto in quella squadra deriva proprio da ciò. Durante la S2 le squadre indicavano una preferenza per un giocatore, da qui partiva un draft con il quale le società si assicuravano le prestazioni di un nuovo tesserato. Stava al giocatore o al suo procuratore trovare un accordo economico con la società e nel caso ciò non fosse accaduto il calciatore a fine stagione entrava a far parte degli svincolati e da li poteva scegliere una nuova squadra (regola che oggi non esiste più ndr) . Purtroppo non trovai un accordo col Torino ma ciò non incrinò i rapporti con i vari giocatori, anzi si rafforzarono sempre di più, fino a diventare il loro Ds prima e Presidente dopo.

Ha mai pensato di tornare al Toro come giocatore? O preferisce solo esser parte della dirigenza e cercare la serie A con la sua attuale squadra?

Sinceramente non ci ho mai pensato, al toro siamo messi molto bene in avanti vista la presenza di due punte di altissimo valore come Pennisi e Pascale. Alla Lucchese mi trovo molto bene e finché ne avrò la possibilità mi piacerebbe continuare lì. Ogni ipotesi di mercato verrà concordata con la società ma finché mi sopportano resto più che volentieri. Non ho ambizioni di nazionale maggiore perché sono messicano. E poi vuoi mettere avere come scusante delle tue scarse prestazioni la presenza di Deidda in panchina? O chiedere l’aumento a Gallo ogni giorno? O taggare ovunque Vitale ogni qualvolta la Roma fuffa non vinca?

Che consiglio darebbe ad un nuovo Ds e ad aspiranti tali?

Di non sottovalutare il ruolo e prenderlo alla leggera perché in vari casi la cattiva gestione da parte di un Ds ha portato la squadra a navigare in pessime acque. Studiare la guida generale, controllare le comunicazioni degli admin e di chiedere chiarimenti (in caso di dubbi) a chi ricopre il ruolo da più tempo. A livello tecnico è quello di aggiornare il bilancio ad ogni operazione svolta, in modo da rispettare le scadenze e non arrivare con l’acqua alla gola. E per ultima cosa ma non per importanza, stimolare l’attività dei propri tesserati. Da questa passa la crescita di squadra e del progetto.

Tra le figure del progetto ha ricevuto tanti attestati di stima, uno dei tanti è proprio Andrea Conte che si è dimesso ed ha lasciato a lei il posto da capo Ds. Come ha reagito alla scelta di Conte?

La notizia mi è stata data da Pironti in persona, mi ha spiegato che Andrea ha lasciato il ruolo per motivi di tempo e per dedicarsi maggiormente alla redazione di PG in ambiti extra FM. Mi dispiace visto il nostro legame, ma le necessità erano queste e ci si adatta. La decisione di puntare su di me in questo ruolo mi ha invece riempito d’orgoglio e spero di non far rimpiangere Andrea, al quale auguro un buon lavoro.

Non tutti sanno di cosa si occupa il CAPO DS. Quali saranno le sue mansioni?

Il ruolo di Capo Ds consiste nel gestire l’abilitazione al ruolo di Ds stesso, nell’importunarli <ride ndr>, controllare il loro operato, chiarire eventuali dubbi e aiutarli in caso di problemi. Infine aiutare a far rispettare le scadenze per quanto riguarda i bilanci. In sostanza è un ruolo, come tutti i SuperStaff, volto a snellire l’operato degli admin.

Pensa che il suo ruolo da Ds possa interferire con quello da Capo Ds e/o viceversa?

Penso proprio di no. Anzi, l’aver ricoperto questo ruolo e ricoprirlo tutt’ora la reputo una base molto importante perché mi permette di sapere già dove un nuovo Ds può riscontrare delle difficoltà ed anche come consigliarlo, perché alla fine sono le stesse che ho affrontato io.

Un’ultima domanda. Come può un nuovo Ds iniziare la propria carriera al meglio?

Come dicevo pocanzi, il modo migliore è consultare la guida, in caso di dubbi chiedere a chi ha più esperienza o direttamente a me. Sono qui anche e soprattutto per questo.

Grazie mille per la disponibilità sig. Benedetti. Ci vediamo in campo e buon lavoro.

Grazie a voi per l’intervista e mi raccomando RISPETTATE LE SCADENZE che Pizzuti si arrabbia altrimenti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento