Bonus attività: l’analisi definitiva

In questo momento siamo tutti concentrati sull’inizio di stagione, la tanto agognata S5 sta per iniziare (nel giorno che avevo pronosticato in tempi non sospetti n.d.r.), sono però sempre stato attratto dai numeri che il progetto genera con il sistema dei bonus attività. Ho cercato, prendendo solamente i macro-dati delle squadre di Serie A, B e C in termini di bonus percepiti in S3 e in S4, di capire come la community si muove rispetto ai bonus dividendo prima il totale dei bonus per Serie e poi analizzando le tre aree: Live, Creatività e Condivisione. Spero di non annoiarvi troppo…

I risultati rispecchiano il crescere del progetto, sia in termini di numero di iscritti che di crescita di attività, crescita che ha portato gli admin ad attuare dei correttivi che tutti conosciamo (es: maggiore impiego di utenti superstaff e moderazione del gruppone su tutti).

La composizione totale dei 56 milioni di Euro elargiti dagli Admin in S3 è così ripartita:

In S4 possiamo apprezzare un aumento del 36% pari a quasi 32 milioni in più (di cui 23 milioni attribuibili alla Serie C in ascesa in S4) e si è divisa così:

Cosa succulenta da sottolineare è che la Serie C è riuscita quasi ad uguagliare la Serie B in termini di bonus ma con molte più squadre, infatti, la Serie B conta 22 squadre mentre la C ben 43, con una media bonus per squadra di 1.549k in B, contro di 558k per la C, da questo possiamo ipotizzare che la crescita della Serie C sia ancora embrionale, mi aspetto che esploda in S5.

Come possiamo vedere dal grafico n.3 la Serie A in S3 ha totalizzato tot 34M, mentre in S4 ha sfondato il muro dei 40M, la Serie B dal canto suo ha generato 18M in S3 e ben 24M in S4. Da questo grafico ho escluso volontariamente la Serie C che in S3 ha raccolto solo 3,2M.

Con un incremento dei bonus di A del 14% e ben il 25% per quanto riguarda la B. Un grande successo per le due Serie maggiori, che però non deve far pensare che nelle Serie vi sia distribuzione lineare dell’attività, almeno non nella Serie cadetta.

Se da un lato la Serie A può vantare ben 16 squadre su 20 ad andare sopra il milione sia in S3 che in S4, cosa confermata anche se alziamo l’asticella a sopra i due milioni (9 in S3 squadre e 10 in S4). La Serie B, invece, conta solo 6 in S3 e 12 in S4 sopra il milione, alzando l’asticella a 2M troviamo solamente una squadra in S3 e una in s4 (Cremonese e Frosinone rispettivamente). [grafici 4 e 5]

Proviamo a scendere ancora più a fondo nell’analisi, scorporando adesso i bonus Live, Creatività e Condivisione come riportavo all’inizio dell’articolo. Possiamo notare che sia in S3 che in S4 i bonus Live e Creatività si equivalgono (il bonus Live prevale leggermente in S3 cedendo il passo al bonus Creatività in S4), mentre il fanalino di coda è sempre il bonus condivisione, anche se in S4 possiamo vedere che ha recuperato un po’ di punti percentuale. Evidentemente la nostra community non ha ancora ben compreso la natura e la forza che questo bonus ha, perché a mio avviso è il più semplice da prendere ed è anche quello che permette al Progetto di crescere in maniera spontanea. [Grafici 6 e 7]

Scendendo ancora più nel dettaglio possiamo notare che nella stagione 3 la Serie A ha seguito maggiormente la Live a sfavore della Creatività, mentre la Serie B si è dedicata di più alla seconda tralasciando le Live e molto più sensibilmente le condivisioni.

In S4 la A e la B hanno avuto una inversione di tendenza incrociata, la A ha preferito la Creatività, la B la Live (forse a causa del calendario spezzatino della S4 che ha visto le partite di B sia il sabato che la domenica?), la Serie C, sostanzialmente, in S4 ha equamente distribuito i bonus. La sola Serie A ha fatto pendere l’ago della bilancia verso i bonus live e creatività a discapito del bonus condivisione, staccato di più di 5M rispetto alla Creatività e quasi 4M rispetto alla Live.

Questo studio ha portato alla luce due fatti importanti, a mio avviso, il primo è che la Serie C, che scalpita tanto per la visibilità, deve cercare di rimboccarsi le maniche per competere con gli altri utenti in termini di attività; il secondo è che il bonus condivisione deve essere considerato di più da tutta la community, perché è facile da ottenere e aiuta il progetto che tanto ci fa divertire. Il prossimo articolo verterà sull’andamento delle squadre.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento