Dietro le quinte: “Presidenti di Lega”

Buon pomeriggio cari lettori e lettrici di Progetto X, siamo qui oggi con Paolo Bianchi, Alessandro Terzo e Daniele Collano, rispettivamente i vari presidenti di lega, per capire un po’ meglio come funziona il loro lavoro, innanzitutto vi chiedo, cosa vi ha spinto a diventare presidente di lega? E in cosa consiste il vostro lavoro?

Daniele: Il ruolo che ricopro mi è stato dato dagli admin, una sera mi contattano e mi chiedono se fossi interessato a ricoprire il ruolo di presidente di lega. Potrai immaginare la mia emozione perché io sono un s4 e avere questo riconoscimento vuol dire che sono un utente interessante, un utente che può aiutare il progetto. Il mio lavoro sostanzialmente è quello di verificare che non ci siano conflitti tra le varie società, ad esempio un presidente con due squadre in serie C nello stesso girone per dirne una. Mi occupo di verificare chè gli utenti compilino trello, una piattaforma molto utile a noi per poter avere un quadro più chiaro e rapido delle società. E soprattutto sono un punto di riferimento nel girone di serie C.

Paolo: Personalmente non è stata proprio una scelta: un giorno, durante la S2, mi ha contattato Pironti e mi ha proposto di ricoprire questo ruolo, inizialmente in serie B, perché era necessario mettere un po’ di ordine e gestire alcuni controlli verso le società. Ale sa che a me è sempre piaciuto “organizzare” e quindi mi ci sono buttato a testa bassa. L’avere un ruolo all’interno dell’area organizzativa era una cosa che in parte mi stuzzicava, in parte mi spaventava in termini di tempo da dedicare alla cosa, ma devo dire che questa funzione mi calza a pennello perchè mi consente di intervenire e seguire in lassi di tempo ben definiti, dal giorno x al giorno y. Poi dalla S3 sono diventato presidente di A e, da lì, ho iniziato anche un po’ a coordinare il lavoro dei miei 2 validissimi colleghi.

Alessandro: Come hanno già detto i miei colleghi, fu creata una chat Facebook con me e gli admin. In un primo momento, pensavo avessi fatto qualcosa di sbagliato, ma successivamente mi hanno proposto di ricoprire questo incarico. Personalmente ne sono rimasto molto felice: in primis, perché questo vuol dire che ispiro fiducia e inoltre perché avrei sempre voluto poter dare una mano a gestire un po’ il tutto, essendo un tipo a cui piace l’organizzazione. Il nostro compito è quello di fare in modo che le tre leghe si muovano all’unisono e che tutti i dettagli di tutte le squadre siano sempre a portata degli admin.

Paolo mi ha fornito  un ottimo assist, come strutturare il vostro lavoro, da quello che mi ha detto Paolo, mi è sembrato che sia lui a coordinare il tutto oppure ognuno ha propria iniziativa per la propria lega?

Paolo: Dire che coordino il lavoro delle leghe sarebbe sbagliato perchè ho la fortuna di lavorare con 2 persone veramente affidabili e preparate, e non lo dico come frase fatta ma lo penso realmente. In precedenza diciamo che ho avuto qualche difficoltà in più in questo senso quindi giocoforza ho dovuto un po’ supervisionare il tutto. Ora invece ogni scelta, scadenza, strumento da utilizzare per essere sempre più efficienti viene condiviso tra di noi, in primis, e poi esteso alle leghe. Diciamo che essere coordinati e lavorare all’unisono è sicuramente il mio obiettivo principale per la S5 anche perchè, avendo inserito anche le sanzioni dobbiamo essere noi, in primis, ad essere impeccabili. Per rispondere quindi in toto alla tua domanda diciamo che tutti noi siamo assolutamente liberi di dire la nostra e di proporre. Dopodichè ne discutiamo insieme e se reputiamo l’idea valida la mettiamo in pratica!

Daniele:  Per quanto mi riguarda ascolto tanto i miei colleghi perché loro sono molto più esperti di me. Non fa mai male ascoltare chi è più esperto, però devo dire che il modo in cui viene coordinato è fatto bene. Abbiamo delle scadenze, e degli obiettivi. Nella mia lega che è molto più ampia a livello di squadre, il modo che adottiamo per lavorare e molto utile.

Alessandro: Le tre leghe si muovono all’unisono: abbiamo una chat privata in cui discutiamo sui compiti che ciascuna squadra deve svolgere ed i relativi termini che sono obbligati a rispettare. Inoltre, nel caso in cui qualcuno voglia introdurre qualche novità, la si discute con gli admin ed eventualmente discuterne con i presidenti delle squadre. Tra noi 3 non vi è gerarchia.

Come vi aiutate nel vostro lavoro, mi spiego meglio oltre a Trello, che magari non tutti conoscono, quindi ne approfitto per chiedervi gentilmente di spiegare cos’è,  utilizzate altri mezzi per gestire il vostro lavoro?

Daniele:Trello è una piattaforma dove ogni squadra crea la sua scheda e al suo interno inserisce le informazioni utili richieste. Prima che fossi nominato presidente i vari gironi di C erano tutti uniti, io li ho divisi e inserito i relativi referenti. (Tra l’altro Cari lettori avete una scadenza mi raccomando Ahahah) scherzi a parte devo ammettere che non conoscevo trello e ringrazio Paolo per avermela fatta conoscere. Però per una maggiore spiegazione chiederei a Paolo. Altri mezzi che utilizziamo? Sicuramente il dialogo costante tra di noi. Inoltre aggiungo che per me Trello è di fondamentale importanza, in quanto, solo grazie a questo mezzo riesco a gestire bene le 3 leghe di C. 

Alessandro: Trello è una piattaforma online e mobile molto semplice ed intuitiva da utilizzare. Prima di accettare l’incarico di Presidente della Lega Serie B, non ne ero minimamente a conoscenza. Fu Paolo a farmela conoscere, ed è sicuramente più esperto di me in materia, quindi lascerei a lui i dettagli. Per il momento, oltre alla già citata chat di Facebook per comunicare tra di noi e con i presidenti delle squadre, ci basiamo esclusivamente su Trello.

Paolo:  Partiamo dalla base, sennò  sembriamo dei pazzi! Trello è una piattaforma on line, gratuita nelle sue funzioni base, che viene utilizzata per gestire progetti con metodologia “Agile”. E’ una “Kanban Board” che consente di tenere sott’occhio le varie parti di un progetto, le scadenze, le responsabilità ecc ecc. Quando Alessandro mi ha spiegato un po’ quale sarebbe dovuto essere il mio lavoro in lega ho subito pensato di introdurla come strumento in quanto semplice, fruibile ovunque (esiste anche l’app per i cellulari) e soprattutto ordinata. L’abbiamo sperimentata durante la S2 nella lega di B ed i risultati sono stati ottimi fin da subito quindi è stata via via estesa alle varie leghe. Questo è il cuore pulsante del nostro lavoro.  Ovviamente però tutto va introdotto e fatto digerire a tutti prima di passare ad eventuali step successivi quindi per ora ci siamo fermati a questo. Ovviamente la chat di lega, creata per le 3 serie, è fondamentale per comunicare gli adempimenti alle squadre, le tempistiche di aggiornamento e anche per discuterne. Come detto in risposta alla domanda precedente, anche i presidenti delle squadre sono fondamentali e proattivi nel nostro “lavoro”!Da quest’anno, in aggiunta, stiamo lavorando per gestire un calendario condiviso tra noi 3 sulle date di scadenza delle compilazioni. Lo scopo è sempre lo stesso, essere tempestivi e coordinati nel lavoro che facciamo!

Quali sono i vostri obiettivi per la stagione che sta per iniziare, in qualità di presidente di lega?

Daniele: Per quanto mi riguarda un obiettivo comune penso sia la coordinazione tra noi 3. Questa stagione ci servirà per affiatarci e lavorare in modo tale che ogni decisione sia coordinata. Per quanto riguarda il mio girone mi auguro che tutti i presidenti rispettino le consegne, che ci sia maggiore collaborazione con loro.

Alessandro: L’obiettivo è quello di creare un unico grande organismo tra tutte le squadre, e le sanzioni sono state introdotte proprio per questo motivo. Bisogna responsabilizzare i presidenti di tutte le squadre e fargli capire che sono lì per un motivo, non solo perché “hanno cacciato i soldi”. In questo modo, in poco tempo sarà possibile avere a disposizione tutti i dati necessari per una corretta gestione dell’intero Progetto.

Paolo: Mantenere la poltrona, perchè questi 2 sono fin troppo agguerriti!Scherzi a parte, come detto muoverci in maniera coesa e riuscire a far compilare tutte le sezioni dovute nei tempi corretti. In questo senso spero che tutte le “sanzioni” che abbiamo previsto e di cui abbiamo discusso con gli admin non debbano mai essere usate. Purtroppo è necessario che chi gestisce una squadra capisca che ci sono moltissimi onori nel farlo, ma anche degli oneri  da rispettare per fare in modo che tutto si svolga in trasparenza e correttezza. E se noi presidenti diamo 5 giorni di tempo per una compilazione di 5 minuti (davvero, non per scherzo) pretendere che questo venga fatto mi sembra una cosa più che lecita,

Eh Paolo fai bene a preoccuparti della poltrona, direi di passare a qualcosa di meno serioso, avete qualche aneddoto curioso o divertente da raccontarci?

Daniele: Al momento non ho nessun aneddoto divertente, però con questa squadra sono sicuro che mi divertirò tanto. Però posso dire di aver conosciuto due persone stupende. Li ringrazio per l’aiuto che mi danno.

Alessandro: Il sempre pacatissimo Daniele, in prima linea quando c’è da introdurre sanzioni, che vanno dalla mutilazione di un arto all’impiccagione col filo spinato ahahah

Paolo: Aneddoti divertenti.. fammi pensare..In realtà le cose più divertenti escono generalmente tra di noi proponendo e discutendo sulle cose da fare. Non posso che allinearmi a Terzo, quando c’è stato da discutere delle sanzioni abbiamo dovuto tenere fermo Daniele perchè ha veramente proposto cose folli!

Bene vi ringrazio per la disponibilità e vi lascio l’ultima parola per dire quello che volete

Alessandro: Grazie per lo spazio riservatoci. Concludo augurando a tutti gli utenti una buona stagione, sperando che tutto possano rimanere felici di quanto si stia facendo

Paolo: Grazie Ste. Approfitto di questo spazio per ribadire ancora una volta un concetto per me (per noi) molto importante: seguite le direttive e rispettate le scadenze il più possibile, Sembra una cosa ovvia e scontata, ma vi assicuro che i nostri solleciti non sono fini a se stessi: meglio viene gestita la comunicazione con i presidenti di lega, meglio viene portata agli admin la voce delle squadre e più velocemente vengono mossi gli ingranaggi operativi. Sapere sempre con chi avere a che fare, la lista degli account twitch aggiornata e così via fa perdere a voi 5 minuti a settimana, ma fa risparmiare a tutto il meccanismo moooolto più tempo di quanto pensiate!

Daniele: Grazie per l’intervista, e auguro a tutti una buona stagione. E concludo ringraziando gli admin per l’opportunità e ringrazio Paolo Bianchi e Alessandro Terzo per tutto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento