Rangers: non gli eroi che meritiamo…

…ma quelli di cui abbiamo bisogno

Buongiorno care lettrici e cari lettori di Progetto X, oggi abbiamo deciso di puntare i riflettori su un team di giocatori che fa un lavoro difficile ma fondamentale per il corretto svolgimento del nostro campionato, oggi con noi ci sono i Ranger del Progetto: Donato Sodano, Alessandro de Meo, Alessio Gega e Veronica De Pasquale!

Buongiorno ragazzi, vorrei che vi presentaste

Donato: sono Donato Sodano sono un giocatore del Genoa (dalla stagione 1), sin dalla stagione 2 presidente del Cuneo e da quest’anno pure DS.

Nella vita reale sono un O.s.s ho 34 anni sposato con due figli e nel tempo libero mi diverto a fare l’allenatore di calcio (esordienti).

Alessandro: Fuori dal progetto sono uno studente che ha appena finito il 4° anno del liceo delle scienze applicate, ama giocare ai videogames e tormentare Salvatore Campagna. Nel progetto invece sono una promettente punta della Cremonese Markappa, faccio parte della dirigenza del Brescia e dell’affiliata San Marino. Infine, da due mesi a questa parte sono diventato SuperStaff in qualità di Ranger.

Veronica: Mi chiamo Veronica De Pasquale, ho 20 anni e sono siciliana, sono nel progetto da circa un anno e da poco sono anche ranger, poiché mi fa piacere sentirmi più parte di questo progetto e dare una mano.

Alessio: Salve, io sono Alessio Gega, ala destra del Drink Team dalla prima stagione e uno dei ranger del progetto.

Donato Sodano tu sei il membro storico dei ranger? Da quanto lo sei? E’ un lavoro che facevano gli admin? Quando si è reso necessario l’istituzione dei Ranger?

D: Sono Ranger dalla stagione scorsa, anche se avevo già provato a fare dei controlli nella stagione 2.

Era un lavoro che facevano gli admin saltuariamente e la voglia di provare era nata da uno “sfogo” in live di Alessandro Pironti, a proposito di varie lamentele che aveva ricevuto riguardo questo argomento. Dal momento la situazione era poco chiara (anche io avevo rischiato un depotenziamento per una inattività presunta) mi proposi a Filippo per dare una mano.

Poi dalla stagione successiva si ripropose il problema e quando gli admin proposero un compenso per svolgere quest’attività, annunciai la mia candidatura con la voglia di dare una mano e di migliorare la mia scheda.

Esattamente in cosa consiste il vostro lavoro?

D: Il lavoro del ranger è di prelevare le liste dei giocatori per ogni squadra su Fm e controllare se essi effettuino almeno un commento al mese, perché in passato gente che si disinteressava del progetto risultata determinante (avendo un’ottima scheda) in campo a discapito di persone molto attive ma con una scheda inferiore.

Una volta che un giocatore viene dichiarato inattivo per quel mese perde 10 punti su un attributo sulle mentali e 10 punti sul potenziale (PA). Perdita che se perpetrata nel tempo determina una perdita di 10 PUNTI al mese.

In caso di ritorno in attività (il ranger deve farlo presente) egli recupera 10 punti al mese di attività.

ADM: Il nostro lavoro, essendo questo un GDR che si basa tutto sull’attività, consiste nel verificare l’attività mensile di ogni singolo utente del progetto e stilare una lista di coloro i quali non hanno commentato/postato nulla nell’arco di tempo che andiamo a controllare. Questo permetterà poi a Filippo di depotenziare i loro attributi mentali.

V: Il nostro lavoro consiste nell’accertare l’attività dei membri all’interno dei vari campionati, in modo tale da garantire alla squadra membri attivi e un buon funzionamento dell’iniziativa; in concreto dobbiamo “skimmare” il gruppo attraverso la ricerca e “acchiappare” i commenti dei giocatori delle varie squadre, che testimoniano l’attività di questi

AG: Il nostro lavoro consiste semplicemente nel controllare ogni giocatore del progetto se abbia commentato o meno in uno specifico mese. Come già dovreste sapere, i giocatori che non hanno commentato in un intero mese passano nello status di “inattivo” e verranno depotenziati dagli admin.

I Rangers nell’interpretazione di Mariano Rizzuti

Come si diventa ranger?

D: La necessità di trovare altri ranger è nata dal fatto che controllare 2200 nomi iniziava a diventare faticoso per il tempo a disposizione che ho e aprendo anche alla Serie C ho capito che dovevo trovare un aiuto.

A chi si propone di diventare Ranger chiedo se hanno il computer (fare il ranger sul telefono sarebbe sicuramente più difficile) e soprattutto se sanno usare i filtri di fb, non si deve avere obbligatoriamente il gioco perché le liste le passo io. Una volta che ho i nomi li giro agli admin chiedendo un loro parere e poi decido. Sicuramente quello di cui c’è bisogno è impegno e costanza.

ADM: Per caso! Basti pensare che hanno scelto me! (ride n.d.R.) No, scherzi a parte, prima di tutto bisogna essere super attivi perché altrimenti sarebbe quasi paradossale non credete? Sicuramente altri aspetti essenziali sono affidabilità e puntualità. Infine, una buona raccomandazione non fa sicuramente male, vero Campagna?

V: Io mi sono rivolta a Donato incuriosita, quando ha fatto un appello perché necessitava una mano per questi controlli.

Come siete organizzati, vi dividete i campionati? Non siete sommersi dalle notifiche dei gruppi squadra?

D: Per rendere il lavoro più “leggero” ci siamo organizzati così: Alessio Gega controlla la serie A, io la B, Veronica la c/c e metà C/B, Alessandro la c/a e metà del girone b.

Alla fine della loro verifica mi passano le liste e io le carico sul programma (che Giacomo Sedda mi ha aiutato a fare) e infine controllo che gli admin modifichino le schede correttamente. Le notifiche, di certo, non mancano (ride n.d.R.) ma ci si fa l’abitudine dopo un po’

ADM: Sì, ci siamo divisi per campionati e io controllo la maggior parte delle squadre militanti nella serie C. Per quanto riguarda le notifiche invece no, basta disattivarle dall’impostazioni del gruppo e poi se devo essere sincero a volte mi diverto a vedere alcuni meme postati nei gruppi squadra.

V: Al momento sì, ci siamo divisi i compiti, Alessio controlla la serie A, Donato la serie B e io e Alessandro la serie C che è continuamente in evoluzione. Per quanto riguarda le notifiche, ho imparato a gestirle e a silenziarle perché son davvero troppe.

AG: Come organizzazione, ognuno si prende cura di un certo campionato, io per esempio controllo la Serie A e una squadra di Serie C per certi motivi. Personalmente le notifiche dei gruppi una volta “silenziati” non danno molto fastidio, visto anche che noi dobbiamo controllare questo gruppi soltanto 1 volta ogni fine mese.

Alessandro de Meo, Veronica De Pasquale, Alessio Gega come e quando siete diventati ranger?

ADM: Sono diventato ufficialmente un Ranger circa tre mesi fa, ma in realtà svolgo questo tipo di controllo, in modo più approfondito per tutti i giocatori della Cremonese (so quanti post fanno, quanti ne condividono e quante volte vanno al cesso in un mese). Non a caso la Cremonese sarà tra le squadre che prenderà più bonus attività tra tutte le squadre, tutto grazie alla lungimiranza di Campagna che tra i primi ha capito l’importanza di poter monitorare costantemente l’attività della propria rosa. Ora voi vi chiederete come mai mi paga così poco per svolgere questi resoconti?

V:Non ricordo il giorno preciso ma per puro caso, come dicevo prima, avevo voglia di sentirmi integrata e dare una mano e poi diciamocelo, qualcosa in più nello stipendio non fa mai male!

AG: Sono diventato ranger verso dicembre 2018, Donato, il capo-ranger, aveva postato un post nel gruppo principale dove diceva di voler reclutare persone e io mi sono proposto. Dopo una serie di test sono diventato uno dei primi ranger a supporto di Donato.

Siete voi, in primis, a scontrarvi con il classico “Benvenuto!”, cosa spinge, secondo voi, gli utenti a tenersi attivi solo con il commentino, hanno capito lo spirito del progetto?

D: A me, sinceramente, non dà fastidio chi fa il “solo” commento mensile, perché penso che ognuno debba seguire il progetto in base alle proprie voglie e al proprio tempo, è corretto che ci sia la regola del commento mensile ma non tutti siamo portati a essere attivi sui social.

Io ad esempio nella prima stagione ero interessato solo alcuni aspetti del progetto, pian piano mi sono appassionato a tutte le dinamiche.

I vari “benvenuto”, “daje”, “ciao” o simboli per me sta a dire che il progetto mi interessa e voglio esserci, il come non mi interessa.

ADM: Secondo me, la “colpa” non è neanche Dei ragazzi che si tengono attivi solamente in questo modo in sé, secondo me la “colpa” è dei dirigenti delle squadre che non riescono a far passare appieno lo spirito del progetto e coinvolgere i propri ragazzi.

V: A mio parere per alcuni è semplicemente un meccanismo ormai automatizzato, giusto per farsi ben vedere dagli admin, però credo che nella massa dei commenti di benvenuto ci sia anche una percentuale di utenti realmente interessata a veder crescere il progetto.

Tra chi accoglie i nuovi utenti, c’è chi è più ferrato e chi lo fa solo per i bonus, ad ogni modo, commentino o meno, stanno contribuendo al progetto e quindi ben venga!

Siete mai stati intervistati a proposito del vostro compito? O il lavoro sporco è sempre sottotraccia, una vita da mediano docet?

D: Non siamo mai stati intervistati, specialmente gli altri ragazzi sono molto poco citati, ma fanno un gran lavoro ogni mese e li ringrazio per tutto quello che fanno, per la disponibilità nel sopportare le mie pressioni e i miei modi, senza di loro tutto sarebbe più difficile.

ADM: No, mai. Bah più che un mediano la figura del Ranger la rivedo più in Batman. Non l’eroe che meritiamo ma quello di cui abbiamo bisogno.

V: No, questa è la prima volta. È un lavoro sporco, sì, però ci vediamo riconosciuto tutto, riceviamo diversi elogi e ringraziamenti, alcune squadre fanno addirittura dei post dove raccolgono tutti i membri per agevolarci nel nostro lavoro. Per quanto svolgiamo a mio parere una funzione di Panopticon, non possiamo lamentarci!

AG: Intervistato come ranger mai, agiamo sempre in ombra, qualche volta allenatori o presidenti sono confusi su perché io sia nei loro gruppi squadra. Quindi si, siamo il “mediano” per eccellenza!

Chi è il più veloce a svolgere il lavoro mensile?

D: Il più veloce? Alessio e Alessandro sono i più puntuali, Veronica devo starci più dietro ma preziosa anche lei.

ADM: Dovreste chiederlo a Donato, è lui che coordina tutto.

V: Non saprei, andiamo quasi sempre allo stesso ritmo, giorno più, giorno meno. Donato direbbe che non sono io (infatti lo ha detto n.d.R.)

AG: Dipende sempre dal tempo libero di tutti, ma quasi sempre è Donato quello che ha pronto tutto, forse lo aiuta anche la grande esperienza che possiede.

L’aneddoto più divertente che vi è capitato? C’è mai stato qualcuno che ha fatto ricorso sapendo di mentire?

D: Gli aneddoti più divertenti? Io e Alessio abbiamo due croci che facciamo sempre fatica a trovare (io Davenport, lui Trovato) puntualmente li mettiamo inattivi…

Furbi no, non ci sono mai stati, magari non avevano capito il “modo” in cui si risulta inattivi ma non mi hanno mai dato l l’impressione che volessero fregarmi.

Concludo ringraziando anche gli admin per la loro pazienza, visto che in certi momenti sono stato pretenzioso e li ringrazio anche di avermi dato fiducia affidandomi questo compito.

ADM: Personalmente no, anche perché è Donato che si occupa dei ricorsi.

V: Non saprei, non mi viene in mente nulla, a parte i nomi strani che non riuscivo a trovare di tanto in tanto (vd. Profili fake).

AG: Quasi ogni mese un giocatore mi risulta inattivo, ma quando Donato fa un veloce recap di sicurezza, lui ha commentato. È l’unico giocatore che mi dà “problemi” e questo succede quasi ogni mese, ma davvero, non saprei dirvi il perché.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento