Conferenza post-partita Livorno: mister Aloi

Siamo qui con Alfredo Aloi, mister, da qualche settimana, di un Livorno sempre più sull’orlo del baratro: la serie C sembra ormai ad un passo.

D: Buonasera mister, oggi per voi una sconfitta amara, cos’è successo?
A: Abbiamo affrontato un avversario davvero tosto come la Salernitana, che lotta per i play-off, in casa loro e abbiamo, come da pronostico, perso. Il risultato però non mi soddisfa per niente, un 4 a 0 che è forse un po’ bugiardo: la sconfitta ci stava, ma senza uno scarto così ampio. Sicuramente meritavamo di segnare almeno un goal.

D: La corsa verso la salvezza si complica non poco: hai idee per risollevare la squadra?
A: Le probabilità di salvezza della squadra tendono sempre di più ad avvicinarsi allo 0 e lo spettro della Serie C inizia ad aleggiare nell’aria. Ovviamente il morale non è alle stelle e la cosa migliore da fare adesso è scendere in campo e divertirsi, senza pressioni, giocando ed essendo consapevoli che, ormai, non c’è praticamente più nulla da perdere.

D: Chi sono i giocatori più importanti nel tuo progetto?
A: La mia filosofia non prevede che ci siano giocatori con più importanza degli altri. Certo, ovviamente ci sono alcuni giocatori che possono essere più decisivi e che hanno una marcia in più, ad esempio Pitoni che ha segnato 16 goal in stagione, ma tutti possono dare una mano e dire la propria a questi livelli.

D: Grazie mister, ti lasciamo tornare negli spogliatoi.
A: Grazie a voi!

Articolo di Davyd Andryiesh

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento