FM Sound #1: Alberto De Donatis


Di Valerio Cicchinelli. Grafica a cura di Simone Bonaldi


Il calcio è un sport universale. Quest’affermazione per quanto possa sembrare troppo netta, ha in se più di un fondo di verità. Aldilà dei numeri e della grandezza di questo fenomeno sportivo infatti, c’è tutto un affresco di storie ed episodi che vanno a legarsi con le varie fasi della vita della società e delle persone in generale. Dalle tradizioni orali dei nostri nonni, vecchi tifosi ancora legati ad una visione romantica del gioco, agli eventi politici legati a doppio filo con i delicati equilibri internazionali, tanti sono gli aneddoti che è possibile ritrovare nella cultura di massa, che nutre e si nutre di quelle che sono le emozioni e le vicende espresse da questa attività sportiva. Tra i tanti campi interconnessi con questa è innegabile come la musica occupi una grande fetta della scena. Ogni squadra ha il suo inno, ogni competizione la sua sigla, ogni tifoseria la sua canzone e ogni giocatore il suo coro. Tanti i momenti accompagnati da una colonna sonora che diventa simbolo e impalcatura di un ricordo indelebile. Pensiamo a ” Seven Nation Army ” dei Whitestripes per esempio, trasformatasi da canzone simbolo di certo Alternative/Rock a vera e propria mania dopo la vittoria dei mondiali del 2006. Oppure alla bellissima ” Grazie Roma ” di Antonello Venditti, scritta da un cantautore innamorato del calcio e della propria squadra, la Roma per l’appunto, capace così di legare ancora di più una tifoseria forte ed orgogliosa come quella romanista. E ancora gli show per gli eventi più grandi, l’inno della champions, i brividi allo stadio quando sentiamo un coro cantato da 40000 anime unite da una sola passione. Insomma la musica, che è già elemento fondamentale della nostra comunicazione, è decisamente legata a doppio filo con il calcio e le sue storie. Per questo motivo abbiamo deciso di aprire questa rubrica dove andremo ad intervistare gli elementi del campionato di FM proponendo loro di raccontarci attraverso le loro preferenze musicali, opinioni e sensazioni legati ad un giocatore, una partita o all’anima stessa del progetto. Un nuovo e inedito punto di vista dunque, attraversato da note e liriche che potranno dirci qualcosa di più su come viviamo questa passione e su quanto sia forte il legame tra musica e pallone.

Per l’occasione abbiamo deciso di invitare a questa prima intervista uno dei volti più noti del nostro progetto, la persona che ad ogni live ci dona perle su perle con la sua ironia, le sue espressioni e anche con la sua cultura. Stiamo parlando ovviamente di Alberto De Donatis, admin di Progetto Gaming e già Ct della Nazionale Italiana, capitano e Ds del Genoa e Ds del Crema. De Donatis ha più e più volte dimostrato il suo grande amore per la musica e dato il ruolo abbiamo pensato che fosse giusto partire proprio con lui per quella che speriamo possa divenire una rubrica di confronto, scambio e divertimento. Nell’intervista effettueremo sia delle domande relative al progetto, le domande in FM, sia sulla vita privata, quelle AM.  Mettetevi dunque comodi, si parte con la intervista di FM SOUND.


AM ( Amplitude Modulation ): la vita privata.

Buonasera Sig. De Donatis, “Progetto X”  innanzitutto la ringraziamo per averci concesso quest’intervista. Sappiamo della sua grande passione e ci è sembrato naturale cominciare questo percorso partendo proprio da lei e dal suo punto di vista. Prima di passare però alle domande specifiche le chiederei di raccontarci il suo amore per la musica, quella che sente più adatta a se e le band che hanno influito maggiormente sulla sua crescita personale.

Buonasera Progetto X, che piacere! Il mio amore per la musica, eh, quanto tempo avete? Sono cresciuto ascoltando un po’ passivamente Queen e Michael Jackson e un po’ di britpop, causa sorella maggiore. Negli anni del liceo ho cominciato a virare verso un approccio più personale, ma è stato il primo anno di università ad aprirmi le orecchie. Avevo tanto tempo a disposizione, ero per la maggior parte del tempo solo e con finalmente una buona connessione internet. Ricordo ancora adesso il momento in cui ho ascoltato per la prima volta, a luci spente, ” Interstellar Overdrive ” dei Pink Floyd: mi ha trapassato il cervello. Da lì i gusti si sono ampliati ed evoluti; dovessi indicare due generi preferiti andrei sul post-punk/new wave di Joy Division, The Cure e simili da un lato, e sull’alternative rock anni 90 dall’altro. Band che hanno influito ce ne sono parecchie: HIM e Queen agli inizi, Pink Floyd in maniera enorme, Beatles a carrettate, ancora Joy Division, vissuti come una malattia, Cure, Oasis, Smashing Pumpkins come una bella passione, David Bowie a corrente alternata, Nirvana e Pearl Jam per testa e cuore, Ministri da fanboy. Chi mi ha portato a suonare la batteria invece sono stati probabilmente i System of a Down.

Volendo parlare di lei nella vita di ogni giorno, cosa può dirci circa la sua professione? Qual è il lavoro di Alberto e quale canzone pensa possa descrivere il ruolo e il suo impiego?

La mia professione? Insegnante di inglese. Cerco sempre di infilare citazioni di canzoni o di far rapportare i ragazzi ad una musica che, nella quasi totalità dei casi, è percepita come “vecchia” o “troppo difficile”. Per descrivere il mio lavoro userei “A Day in the Life” dei Beatles: la straordinarietà della vita quotidiana, elevata a livelli lirici e musicali incredibili.

A proposito di scuola, ci interesserebbe il suo punto di vista circa lo stato della stessa, la sua condizione e la colonna sonora che potrebbe raccontare al meglio l’attuale condizione di questo elemento culturale così fondamentale per la società.

Lo stato della scuola non è positivo. Servirebbero più risorse, e si parla di tagli. Servirebbe più chiarezza, e aumenta la burocrazia. Ultimamente sono rimasto scottato e decisamente amareggiato dalla mancanza di etica e di responsabilità di alcuni miei colleghi. Non sono un ottimista di mio, ma per alla scuola dedico “Day of the Lords” dei Joy Division: “There’s no room for the weak, where will it end?”.

Ultimamente sappiamo che è stato alle prese con un trasloco e con la sistemazione di una nuova casa. Conoscendo la fatica e l’impegno che questo comporta, qual è, se c’è stata, la musica che ha accompagnato questo spostamento e con quali brani identificherebbe le due abitazioni, sia quella nuova che quella vecchia?

Che bellissima domanda, non ci avevo pensato. C’è stata tanta musica in questa piccola casa sul mare in questi 6 anni, e spero ce ne sarà altrettanta in quella nuova in collina, vicini permettendo. Ci sono stati momenti bellissimi e pagine terribili che mi rimarranno per sempre cucite addosso. Direi “Here is the House” dei Depeche Mode per quella che sto per lasciare e “Brand New Start” degli Alter Bridge per quella nuova.

Capitolo vita privata: senza voler essere indiscreti ciò che ci intriga sapere è se c’è un autore che sente più vicino a quella che è la sua storia personale. L’artista insomma che attraverso le sue liriche e i suoi testi riesce sempre a farle ritrovare un paragone o ricordo rispetto a quello che è il suo presente.

Come tutti ho la sensazione che delle volte le canzoni parlino proprio a te, che siano state scritte spiandoti dal buco della serratura. Nei periodi più bui ho avuto un legame fortissimo con Ian Curtis dei Joy Division e Roger Waters dei Pink Floyd. Ma se dovessi scegliere una canzone che mi centri perfettamente, “Release” dei Pearl Jam. Parla del rapporto di Eddie Vedder con suo padre, figura fondamentale che non c’è più. Quando al loro concerto dell’anno scorso, hanno aperto proprio con quella canzone, sono scoppiato in un pianto a dirotto. “Dear Dad, can you see me now? I am myself, like you somehow”.

Cercando qualche informazione in più su di lei, abbiamo scoperto dei trascorsi radiofonici avuti qualche tempo fa. Sappiamo anche che questa rappresenta una sua grande passione. Nell’ambito di quest’ultima come è arrivato a fare questa esperienza e come si poneva Alberto De Donatis verso i propri ascoltatori?

La radio si. In realtà era la prima volta che mi cimentavo con questo medium. Avevo già presentato manifestazioni qui nel Ponente ligure, soprattutto di stampo musicale, ma il coinvolgimento diretto, cieco ma profondissimo, della radiofonia mi ha conquistato. Progetto Gaming aveva intenzione di aprire una collaborazione con la webradio ” RadioSpeed “, e così Filippo Ballarini mi ha proposto la cosa, questo prima che diventassi admin di Progetto FM nel Maggio 2018. Sarà per la musica, sarà per la voce magari, non saprei. In ogni caso mi sono molto divertito ;era bello sapere che diverse persone da tutta Italia si ritagliavano un piccolo spazio per ascoltare me, i miei ospiti o le mie scelte musicali. Intimo, ma splendido.

C’è un brano legato alla sua squadra del cuore, un inno o comunque qualcosa che le riporta alla mente dei bei ricordi relativi al calcio giocato ?

Sono interista, quindi i bei ricordi scarseggiano! Scherzi a parte, sarebbe facile citare gli inni della squadra. E allora vi dico “You Get What You Give” dei New Radicals; oltre al titolo che racchiude bene l’essenza dell’Inter, mi riporta alla mente al 1998, a Ronaldo, a quell’Inter adolescente, piena di sogni e amarezze.

FM ( Frequency Modulation ): Le domande sul progetto!

Passiamo al progetto FM dunque. La prima cosa che mi viene da chiederle è di assegnare un testo o una citazione, ovviamente corredata della relativa musica, al rapporto che ha con il suo compagno di live, ovvero Filippo Scudetto Ballarini.

Mamma mia, dovrei assegnargli qualcosa di orribile, visto che Fil è musicalmente un unno! In realtà in live ci troviamo bene. Così come mi trovavo bene con Ale ( Alessandro Pironti , ndr. ), e sono felice di assegnargli “The Pretender” dei Foo Fighters. Non che lui faccia finta, ma in fondo quando andiamo in live un po’ di cinema lo dobbiamo fare. E in ogni caso ha scelto lui questa traccia come protagonista della sua umiliazione canora al TwitchCon di Berlino!

Se dovessi io chiederle di esprimere attraverso uno strumentale o un accompagnamento orchestrale quello che per lei rappresenta tutto il progetto gaming ed FM, quale sarebbe la sua risposta e quale sensazione in particolare le restituisce la partecipazione della community.

Un misto tra ” Comfortably Numb ” dei Pink Floyd e ” Tubthumping ” dei Chumbawamba. Ovvero, costruzione di qualcosa di semplice, ma potente ed emotivo, mischiato con un casino inverecondo. Proviamo a mixarle insieme! Anzi no vi prego, non fatelo.

Ct della Nazionale, DS del Crema, Ds e capitano del Genova. Per ognuno di questi ruoli ci può suggerire una canzone o un album che le viene in mente pensando ad ogni singola esperienza e ruolo da lei assunto ?

Ci proviamo!

Ct della Nazionale: ” Stairway to Heaven ” dei Led Zeppelin. Che altro posso sperare di raggiungere?

DS del Crema: qualcosa dei Cream, per ovvie ragioni, “Sunshine of Your Love”!

DS e Capitano del Genoa, spesso inscindibili: ” Silverfuck ” degli Smashing Pumpkins, che saliscendi!

Al Crema la panchina è affidata ad un altro volto noto del campionato, cioè Alessandro Pironti. Qual è il rapporto con il suo allenatore e quale musica, secondo lei, sarebbe più adatta a descrivere quest’ultimo.

Ale è molto più del mio allenatore al Crema, è una figura fondamentale nel gioco e un amico, oltre che un grande intenditore di musica. Mi viene, non so perchè, “All the Young Dudes”, scritta da Bowie per i Mott the Hoople, da dedicare a noi due ragazzini ultratrentenni.

Campionati e nazionali: per ognuna di queste competizioni una colonna sonora. Quale?

Serie A: ” Princes of the Universe ” dei Queen, da dedicare a Lazio e Cremonese e ai rispettivi mister che hanno ucciso il campionato.

Serie B: ” My Favourite Game “, The Cardigans. Musica da auto se ce n’è una, con tutti che scappano, rallentano, si sorpassano.

Serie C: ” Anarchy in the UK ” dei Sex Pistols. E chi ci capisce qualcosa? Disordine organizzato.

La mia nazionale è una superband, ma non alla “We are the World”, bensì più alla Audioslave. Andiamo con “Cochise”. Le under sono qualcosa di giovane e minaccioso, tipo “Violence” dei Blink-182. Il Senegal? ” Sex On Fire ” dei Kings of Leon.

In questa intervista abbiamo voluto indagare un po’ sulla sua persona e i suoi punti di vista. Ci sembra però interessante sapere quale associazione le viene in mente rispetto a noi, cioè a ” Progetto X “.

Progetto X in una canzone, vediamo.: direi ” Informer “, di MC Snow.

Ci nomina gentilmente dei giocatori che per lei sono da considerare dei top del progetto e quelli che considera possano essere degli astri nascenti delle varie competizioni? Nemmeno a dirlo, con una canzone, ovviamente..

Calciatori fortunatamente ne abbiamo tanti, è una community molto positiva. Purtroppo a livello musicale andiamo male, specialmente nel mio povero Genoa. Dai, faccio un elenco, ma di utenti in generale.

Salvatore Campagna: ” Master of Puppets ” – Metallica. Non devo spiegare, vero?

Federico Gallarato:  ” Everlong “- Foo Fighters. Giganti del suono, ma con dolcezza qui.

Paolo Di Stefano: ” Noi Fuori ” – Ministri

Paolo Puzzer & Veronica Di Paolo: ” Old School Hollywood ” dei SOAD (System of a down, ndr. ). Semplicemente me li ricordano.

Nicholas Michelini: ” Beautiful Disaster ” dei 311

Danilo Trojer: Direi ” La Crisi ” dei Bluvertigo.

Paolo Bianchi: qualcosa di figo e di acchiappafighe, tipo ” Sweet Child O’ Mine ” dei Guns n’ Roses.

Nicola Filippone: ” Genova per noi ” di Paolo Conte

Mark Aperio: ” Johnny Come Home ” – FYC ( Fine Young Cannibal, ndr. ). Torna a casa!

Claudio Però: ” Blasphemous Rumours ” dei Depeche Mode

Yuri Monti: qualcosa degli Slipknot, data la maschera. ” Duality” dai.

Piergaetano Fulco: REM con ” The One I Love “. ( Qui DeDonatis ci mima il gesto del cuore, ndr. )

Giacomo Sedda: John Lennon con ” Working Class Hero “

Angela Iadicicco: Lady – ” Modjo “

Salvatore Grassadonia: Lynyrd Skynyd con la loro ” Freebird “. Parte lenta, ma ti travolge.

Mariano Pizzuti: ” Foxey Lady ” di Jimi Hendrix

Luca Franceschi: Zero Assoluto. No scherzo, non posso. Non ce la faccio. Andiamo con qualcosa di irlandese, ” New Year’s Day ” degli U2.

Davide D’Alessandro: The Cure e la loro ” Close to me “.

Daniele Collano: ” Money ” dei Pink Floyd.

Pippo Gambardella: ” I Will Follow ” degli U2.

Donato Sodano: ” Painkiller ” dei Judas Priest. In realtà non c’entra niente con lui, ma era abbastanza minacciosa per il suo ruolo da ranger.

Luca Maso: tutto l’album ” Songs for the Deaf ” dei Queens Of The Stone Age. Gli si addice il titolo.

Luigi Frunzio: ” White Riot ” dei The Clash.

Andrea Conte: ” Monkeywrench ” dei Foo Fighters.

Giovanni Minnicelli: “From Me To You ” dei Beatles. Easter egg!

Gabriele Marchi: ” Teen age Riot ” dei Sonic Youth.

Riccardo Serafini: ” Learn to Fly ” dei Foo Fighters.

Gioacchino Giamberduca: ” Thunderstruck ” degli AC/DC.

Gianluca Pattarozzi: ovviamente il mio coro per lui in inglese.

Nico Scardace: ” Black ” dei Pearl Jam. Povero cuore spezzato.

Claudio Franco: qualcosa di alto livello, tipo Battiato. Facciamo ” Prospettiva Nevskij ” .

Luca Brian Santoro: faccio scegliere a lui, immagino qualcosa di Brutal.

Angelo Giraldi: ” Polaroid #25 ” dei Kill Kenny, lui sa.

Dovesse decidere una colonna sonora ufficiale di questa intervista, quale sarebbe ? E quella dell’intero progetto FM?

Colonna sonora per questa intervista? Abbiamo citato così tanta musica e così diversa che mi viene in mente solo ” London Calling ” dei Clash, un mix geniale di stili e generi.

In conclusione, ci consiglia a noi e ai nostri lettori, qualcosa da mettere in cuffia e ascoltare con voglia e curiosità?

Consigli per gli ascolti, dunque; Come avrete capito sono legato ad un certo tipo di musica “passata”, quindi consigliare qualcosa diventa difficile. Potrei dire Zen Circus o Sunny Day Real Estate, ma in realtà mettete su un bell’album, ascoltatelo tutto dall’inizio alla fine e cercate di capire cosa vi lascia, in quanto a musica e parole. Unknown Pleasures dei Joy Division, The Wall dei Pink Floyd, Low di David Bowie, Revolver dei Beatles, Ten dei Pearl Jam. Ascoltate musica, tanta, col cervello e col cuore. Poi scegliete.

Grazie ancora per la disponibilità, il tempo e le bellissime risposte che ci ha dedicato. E’ stato un vero piacere poter parlare con lei di musica.

Che intervista meravigliosa, è stata una delle cose più stimolanti che abbia mai fatto, grazie di cuore.


A conclusione di questa prima intervista, così come di tutte quelle che verranno, vi lasciamo con un’ultima una piccola sorpresa: alla fine di ogni articolo infatti, troverete di volta in volta una playlist Spotify dove saranno raccolte tutte le canzoni scelte, in modo da poterle ascoltare e poter comprendere ancora meglio le intenzioni delle varie personalità facenti parte del progetto. Non ci resta che augurarvi un buon ascolto.



Alcuni brani potrebbero essere assenti perché non reperibili su Spotify.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento