Aruta & Paparella, due big per il Napoli

Siamo qui insieme a due giocatori del Napoli, il difensore Davide Paparella e il bomber Emanuele Aruta

Giornalista: “Avete avuto due carriere molto differenti all’interno del progetto, cosa vi ha portato oggi ad essere al Napoli?”

Davide: “Napoli è una piazza stupenda, poi essendo del sud, mi mancavano il mare e il sole! Rifarei questa scelta altre 3000 volte!”

Emanuele: “Il cuore mi ha portato ad essere un giocatore del Napoli perché come ben sapete io sono di Napoli e faccio il tifo per questi colori, quindi sono soddisfatto di far parte di questo gruppo e di giocare con la maglia azzurra.”

Giornalista: “Le partite da giocare sono ancora molte, voi siete in piena corsa europea insieme a molte altre squadre, sognate in grande?”

Davide: “Dobbiamo lavorare tanto e bene. Per il momento raggiungiamo il nostro obbiettivo centrale dei 40 punti, e poi possiamo pensare a volare!”

Emanuele: “Si certo, stiamo sognando, però sinceramente il nostro primo obiettivo stagionale di questo campionato è la salvezza poi penseremo al resto. Non vogliamo illuderci.”

Giornalista: Davide, tu sei arrivato in squadra da poco dopo una prima parte di stagione non felicissima, risultati alla mano, quanto può il tuo arrivo dare una mano al Napoli?”

Davide: “Spero di poter dare una grande mano alla mia squadra e mettere in difficoltà il mister con la scelta dei titolari. Credo molto in questo progetto.”

Giornalista: “Emanuele, l’arrivo di Davide vi da ancora maggiori chance per lottare con le altre big?“

Emanuele: “Si Davide secondo me ci porterà molto  in alto, è un top player e la società ha fatto benissimo a puntare tutto su di lui. Davide è uno di noi!”

Giornalista: “Ieri per voi una buonissima vittoria contro il Fublet, leggermente compromessa dal KO contro la firorentina ultima della classe, è stato solo un incidente di percorso? Come l’avete reagito?”

Davide: “Si è stato un incidente di percorso che spero non accadrà più, ma come ben sappiamo anche le grandi possono “cadere”, la cosa positiva è che non ci siamo abbattuti perché c’è unione, siamo compattissimi e questo fa molto.”

Emanuele: “Abbiamo reagito bene nonostante la sconfitta, noi siamo un bel gruppo  e anche se abbiamo perso  cerchiamo sempre di lottare e di lavorare tutti insieme.”

Giornalista: “Mister ponticelli è considerato tra i migliori nel progetto e quest’anno lo sta dimostrando con questa buonissima annata, che rapporto avete con lui? 

Davide: “Con il mister ho avuto subito un buon rapporto dal mio attivo, è una persona fantastica, gestire un gruppo come il nostro non è cosa da tutti.”

Emanuele: “Con Mister Ponticelli ho un ottimo rapporto per me e come se fosse un amico, ci sentiamo tutti i giorni e mi da sempre tanto aiuto, lui merita tanto e spero che noi giocatori del Napoli vinceremo insieme a lui.”

Giornalista: “Avete qualche obiettivo per il vostro futuro? Sia di squadra che personale”

Davide: “Di obiettivi, parlo per me, ne ho parecchi. Se parliamo di squadra vorrei il massimo, chissà, vorrei sentire la musichetta. Parlando di obbiettivi personali vorrei vestire la maglia della nazionale e puntare a diventare uno dei difensori più forti.”

Emanuele: “Il mio obiettivo personale è quello di vincere lo scudetto con il Napoli e magari un giorno vincere anche il pallone d’oro, chissà lo spero tanto, in futuro si vedrà.”

Giornalista: “Grazie ad entrambi per l’intervista e buona fortuna per la vostra carriera!”

Davide: “Grazie a voi, in bocca al lupo per tutto!”

Emanuele: “Grazie a te!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento