All-In Giamberduca: Milan+Ternana

Intervista con il presidente/allenatore del Milan, un uomo determinato che anche se da poco nel progetto, fa tanto parlare di sé.

Gioacchino Giamberduca, da mister a Factotum del Milan, ci narri cosa ti ha portato prima sulla panchina e poi sulla poltrona di presidente?

La voglia di mettermi in gioco con i big del progetto mi ha portato prima sulla panchina e poi sulla poltrona da presidente. Sono una persona che a cui piacciono le sfide, devo ammetterlo, mi avevano avvertito che era complicata la panchina del Milan.

Piano piano mi sono detto che questi giocatori meritavano stabilità, avevano bisogno di una presidenza, di un progetto serio.

Fu così che scrissi a Filippo dicendo che volevo comprare il Milan

Filippo, un po’ pensieroso, mi disse ci sono tanti altri club, ma da testarda quale sono ho risposto fermamente: voglio il Milan! Voglio rilanciarlo verso una nuova vita!

Ci parli della tua esperienza precedente all’Ancona?

Mi sono iscritto al progetto come giocatore e ho firmato per il Locri, poi il mio amico Filippone mi spinge a provare ad allenare, preso il patentino contatto Giuseppe Roberti (grande persona e adesso grande amico), partiamo con l’Ancona con neanche un giocatore, mi ritrovo a fare DS e mister. Iniziano le partite, le prime sono andate un po’ cosi poi arriva Papaleo, di lì l’Ancona inizia a salire.

Un bel giorno sento in live che la panchina del Milan si libera, mi brillano gli occhi, chiamo Roberti, spiego che voglio affrontare questa sfida e sapete tutti come è finita…

Quali sono stati i primi problemi che hai dovuto affrontare una volta rilevata la società?

I problemi sono stati molteplici: la carenza di risultati, il gruppo che lamenta l’assenza del mister precedente, insomma un gruppo che stava perdendo coesione.

Hai confermato Fabio Bicocchi nel ruolo di Direttore Sportivo, che rapporto hai con lui?

Questa è la domanda più facile! Ho confermato Bicocchi perché per me è come un fratello, ci sentiamo tutti i giorni, è una persona buona, seria e si fa in quattro per dare il massimo.

I cambiamenti non sono mai semplici, da più parti sono arrivati dei rumors su delle turbolenze all’interno dello spogliatoio Rossonero, tutto passato?

Confermo i rumors. Le turbolenze nell’ambito del calcio nascono dai risultati, a volte anche da un messaggio ambiguo o interpretato male. Ma come ho detto in precedenza, nel mio team ci sono persone serie e mature, con una chiamata tutto è stato risolto, il gruppo è più forte di prima

Suggellato dal rinnovo di Capitan Lo Presto?

l rinnovo del capitano è arrivato dopo una notte di pensieri, devi sapere che sono un tifoso della Roma fuffa, il mio idolo è Totti e mi sono immedesimato e mi sono detto se voglio guadagnarmi il rispetto di tutto l’ambiente Milan, il miglior acquisto che posso fare è proprio il mio capitano Lopresto. Così dopo avergli detto cosa pensavo di lui c’è stato l’accordo. Voglio avere accanto a me persone di esperienza e Lopresto è una garanzia.

Abbiamo visto che sono già tre i colpi targati Giamberduca: il tuo giocatore, Di Gaetano e Godino, faresti un commento su ognuno di loro?

Il primo è di cuore, ho preso il mio giocatore perché è una giovane stella, nel Locri sta facendo faville è convocato anche in nazionale under 19

Secondo acquisto: Godino: è un giocatore conosciuto ai tempi dell’Ancona, giocatore con me molto importante.

Terzo acquisto: Di Gaetano, lui è il mio vero colpo di mercato!

Giocatore molto attivo, sotto tutti i punti di vista, cercavo un bomber, ecco Di Gaetano è il mio Van Basten!

Quali sono gli obiettivi a breve e a lungo termine del Milan?

Breve termine: la salvezza

Lungo termine ho confermato la mia presidenza anche per la stagione 5, voglio portare il Milan dove si merita: in Champions! Si deve sempre puntare in alto

Cosa stai portando al Milan che secondo te mancava?

La mia voglia di calcio, la mia dedizione, la mia voglia di spogliatoio, la voglia di un calcio pulito, il rispetto per il compagno, il sentire di essere parte importante di un gruppo

Come rendi i giocatori partecipi, che bonus ti aspetti a fine stagione?

Con meme particolari, grazie al marketing manager Roberti.

Poi interviste pre e post partita, si deve sempre trasmettere la propria passione, anche attraverso questi modi per fare sì che tutti nel Milan si sentano importanti

Per quanto riguarda i Bonus …spero i più alti possibili da tutti.

Il tuo atteggiamento è quello del giocatore di Texas Hold’em che non gioca in maniera conservativa ma che rilancia e va ALL-IN alla prima occasione buona, non ti bastava il Milan, hai preso la Ternana e l’hai affiliata al Milan, quali sono gli obiettivi stagionali della Ternana e quale sarà il suo staff tecnico?

Staff:

Presidente: Gioacchino Giamberduca

Ds: BICOCCHI

Allenatore: Leo Vecchio

Marketing manager: Giuseppe Roberti

Ho preso questo team per creare una base per il futuro del Milan e dalla Ternana mi aspetto grandi cose

Ho affidato il team a un uomo serio e in gamba: Leo vecchio

Mi dicevi che hai il patentino da allenatore per il calcio fuffa, che rapporto hai con il calcio reale e che rapporto hai con Football Manager, da quanto lo giochi?

Sì ho conseguito il patentino da allenatore in Spagna a Gijón, sotto la guida di un grande maestro : Abelardo Fernández Antuña ( molti lo ricorderanno giocatore del Barcellona ) e l’arbitro internazionale Mejuto.

Adesso alleno un team di allievi regionali sono molto contento perché mi ha dato tante soddisfazioni …

Per quanto riguarda football manager, la mia passione è nata dai tempi di scudetto, grazie a questo gioco mi sono avvicinato al calcio, adesso sto cercando di portare ciò che ho studiato nel progetto… Adattarlo al gioco e devo ammettere che non è facile come qualcuno pensa.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento