Drink Team, l’MVP di settembre è William Cioè

Pochi giorni fa lo staff del Drink Team ha diffuso le statistiche sulle prestazioni e l’attività dei suoi giocatori per quanto riguarda il mese di settembre. Per quanto riguarda l’attività, il Marketing Manager Spezzacatena e i giocatori Cioè e Urbano si sono collocati nella top 100 attivi, con Cioè che si piazza anche nella top 100 anche dei seguaci delle live.

Per quanto riguarda le statistiche sul campo, grande periodo per Mosca, capocannoniere della squadra con 4 reti e due volte MVP, con Urbano a fare da assistman, grazie a tre tocchi vincenti per i compagni. Cioè è invece il giocatore con la più alta percentuale di passaggi riusciti, ben il 91%. La media voto generale vede tra i migliori Mosca e Dotti, ma il primatista è ancora Cioè.

Proprio in seguito all’analisi di questi dati, lo staff del Drink Team ha deciso di premiare William Cioè come MVP del mese di settembre. Come mostrano i dati che abbiamo riassunto, il buon William si è collocato in ottime posizioni in entrambe le classifiche riguardanti l’attività (sia le live che i post su Facebook), unendo a questo le prestazioni sul campo, che lo vedono re dei passaggi e giocatore con la media voto più alta.

Di seguito riportiamo una breve intervista fatta al giocatore alla consegna del premio.

Buonasera William, complimenti per il premio di MVP del mese come giocatore del Drink Team. Come ti senti a vincere questo premio?

Beh è una cosa che mi riempie di gioia e di grande onore. Anche perché il Drink, a mio parere, è la squadra più importante del progetto. Per quanto riguarda il campo, essendo nuovo e un giocatore arrivato nella Stagione 3 e quindi da poco iscritto, non è semplice. Anche perché nel Drink ci sono ragazzi che ne fanno parte da Stagione 1, ma penso di sapermi fare strada nel modo giusto. Fino ad ora ci sono riuscito.

Il premio è dovuto non solo ai numeri in campo, ottimi, è che sottolineano soprattutto un tuo apporto quantitativo al gioco della squadra, ma anche alla tua attività. E’ fatico essere nella topo 100 degli attivi?Una domanda banale, ma che potrebbe aiutare altri utenti: vale la pena essere così attivi, se si, perché?

Per quanto riguarda l’attività, è molto semplice: se ti piace il progetto, Football Manager e il mondo del calcio in generale, dovrebbe essere semplicissimo esserlo. Poi, certo, il lavoro è altro tolgono molto tempo in generale, ma un minuto al giorno (oltre le live) lo si trova sempre per dedicarlo al progetto. Tutto sta in sé stessi e anche nella squadra in cuici si trova. È un po’ come il calcio vero, senza stimoli i risultati non arrivano.

Penso che l’attività sia molto più importante della scheda di un singolo giocatore. L’attività è alla base del Progetto. E alla base dei miglioramenti del giocatore. Se sei attivo e porti bonus puoi migliorarti.. Se non lo fai, gli altri saranno sempre un passo avanti a te (altri intesi come chi è attivo e porta bonus

Diego Spezzacatena

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento