Blackout finale Foggia: è 1-1 contro la Lucchese

di Giovanni Nisi

Nella settimana in cui il “calcio fuffa” ci ha regalato picchi di insensibilità e di bidoni dell’immondizia al posto del cuore, con tanto di eliminazioni clamorose, rigori assegnati al 94′ col VAR e chi più ne ha più ne metta, il Campionato di Serie B PG non ha voluto essere da meno, soprattutto con la partita Lucchese – Foggia.

I pugliesi si sono schierati con un 4-2-3-1 che lasciava ben intendere le intenzioni dei rossoneri. Con l’ormai rodata difesa composta da Marcuccilli e Giovannelli da centrali e Carbutti e Resina da terzini, qualche piccola novità è arrivata dal centrocampo dove davanti alle mezzali Nisi e Petrakiev ha agito un tridente composto da Cruccu, Baffa e Martellosio a supporto dell’unica punta Gatti.

LA PARTITA

Il modulo di mister Marchi paga dividendi importanti e il Foggia parte molto forte. A sbloccare il match ci pensa Cruccu, inserito sempre meglio negli schemi di squadra. Ottimo anche il contributo di Petrakiev che crea gioco e fa circolare palla totalizzando ben 50 passaggi e vincendo i contrasti che lo hanno visto protagonista.

Questo Foggia, però, deve fare i conti con la dea bendata, che pare aver voltato le spalle ai pugliesi. Prima l’infortunio (il secondo stagionale) di Nisi, poi (soprattutto) la beffa finale. Negli ultimi minuti la Lucchese aveva iniziato un vero e proprio forcing alla ricerca del pari, con il Foggia che aveva ben resistito, ma nel finale arriva la chiamata del VAR che assegna un calcio di rigore per la Lucchese. Dal dischetto Gallo non sbaglia e regala un punto prezioso per i suoi.

Un Foggia che, nonostante tutto, rimane agganciato alla zona playoff ma che sta pagando molto in termini di buona sorte. Nel prossimo turno il Foggia, nel turno infrasettimanale, ospiterà la Spal.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento