Uno juventino a Napoli

Oggi siamo in compagnia di Giuseppe Spinelli, centrocampista del Napoli

Domanda di rito, chi è Giuseppe Spinelli dentro e fuori dal progetto ?
Giuseppe Spinelli nel progetto è una giovane promessa partenopea molto legata alla sua squadra di appartenenza e ai suoi compagni.
Fuori dal progetto sono un ragazzo di 20 anni che da poco è riuscito a riprendere gli studi (studio Ingegneria Meccanica) sospesi a causa di una grave perdita familiare che ha molto condizionato la mia vita.
Sono un grande tifoso juventino e nel tempo libero frequento una palestra da ormai un anno e mezzo. Mi piacciono le serie e qualche anime (Naruto su tutti, la mia grande ispirazione).

Hai iniziato la tua carriera nella cavese, e, dopo uno scandalo che tutti conosciamo, hai deciso di far cancellare il tuo giocatore e ricominciare da zero, come mai ?
Ho deciso di cancellarlo poiché il mio essere quel giocatore mi avrebbe ricordato tutti gli accaduti vissuti direttamente.
Sono una persona molto sportiva e onesta, non mi piace avere a che fare o essere condizionato da chi è il mio contrario. Chi ha il coraggio di barare in un gioco, si fidi, lo fa anche nella vita.

Il tuo nuovo giocatore ha iniziato nell’Hellas, così come molti altri ragazzi, cosa conservi di quell’esperienza ?
Ci sono stato una settimana e conservo semplicemente la gioia del nuovo giocatore e le poche chiacchierate con Andrea Conte, una persona per cui nutro molto rispetto, molti ricorderanno il meme sul mio passaggio al Napoli, ormai è storia.

Veniamo al presente, sei già da un po’ nelle file del Napoli, contento di questa scelta ?
Contentissimo, ero partito con l’idea che potesse essere il mio trampolino di lancio verso la Juventus o un’altra grande squadra, ma ho trovato un gruppo di persone favolose e ciò mi ha portato a voler rimanere qui, sperando di contribuire nel portare il Napoli in alto.

Hai avuto anche altre offerte ?
Che io sappia no, al termine della terza stagione ero a conoscenza di un interesse da parte del Milan, ma ormai Napoli era già casa mia.

Sei un centrocampista/mediano, nonostante un ruolo più difensivo sei uno che segna abbastanza, vorresti ruoli più offensivi in futuro ?
I ruoli che vorrei sono quelli congeniali per la squadra. Mi trovo molto bene nel mio ruolo e so che sia il ruolo che mister Ponticelli ritiene opportuno per me.

L’anno passato hai messo a segno 9 gol, quest’anno punti ad entrare in doppia cifra ?
Certo! Con la speranza che possano essere goal fondamentali per le vittorie del Napoli.

Che tipo di spogliatoio hai trovato ?
Inizialmente, con il vecchio presidente, non vi era un bel clima. Oggi vi dico soltanto che ognuno è libero di parlare di qualsiasi cosa, siamo tutti amici tra noi, e questa credo sia una cosa importantissima.

L’anno scorso, nonostante i pronostici, non è stata una stagione molto fortunata per il Napoli, quest’anno credi farete meglio ?
Ciò che ha fatto il Napoli lo scorso anno è stato sottovalutato da molti. Punteremo senz’altro a migliorarci, la dirigenza e il mister sanno sicuramente come.

Descrivi il rapporto con
a) il tuo Mister
b) il tuo Ds
c) 3 compagni a tua scelta

Con Salvatore (Ponticelli, ndr) ho un grande rapporto, spesso ci ritroviamo a parlare in privato di cose non inerenti a progetto. È un grande, andrà avanti nella vita.
Con il DS stessa cosa, vengo praticamente idolatrato per le mie prestazioni (ride, ndr), E’ una bravissima persona.
Come compagni scelgo Luca Siracusa, che manderei spesso a quel paese (ride, ndr) ma molte volte mi trattengo, sa perfettamente come far arrabbiare uno Juventino. È un bravissimo ragazzo, molto disponibile e con la testa sulle spalle.
Poi Rito De Michele, è un grande, pur non avendolo mai conosciuto dal vivo, mi ha fatto un grandissimo favore, togliendomi da un piccolo guaio (che nel momento consideravo tale) con una cosa legata ad una fattura di un abbonamento. Mi ha anche dato la sua disponibilità nel caso volessi visitare i miei compagni, sono fiero di ció!
E infine Giuseppe Roberti, lui è il presidente, ma lo considero ugualmente come compagno.

Al momento ti piacerebbe avere altri ruoli oltre al giocatore ? Dovessi scegliere un giocatore da portare al Napoli chi sceglieresti e perché ?
No, sto bene con il solo ruolo da giocatore.
Al Napoli sceglierei di portare Luca Bisceglie e/o Davide Paparella semplicemente perché sono delle persone che conosco e a volte frequento dal vivo.

Un giocatore fuffa ed uno del progetto a cui ti ispiri ?
Nel fuffa mi ispiro al Marchisio dei tempi d’oro. Nel progetto a nessuno, saranno gli altri in futuro ad ispirarsi a me.

Cosa ne pensi e come vivresti un possibile fallimento?
Failing doesn’t give you a reason to give up al long as you BELIEVE!

Per concludere al meglio quest’intervista mettiamo una canzone che possa darvi la carica per iniziare al meglio la nuova stagione.
La scelta di Giuseppe è “The Eye Of The Tiger” dei Survivor.



0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento