“Tra passato, presente e futuro”… L’intervista a Luca Amadori

Salve a tutti i nostri lettori. Oggi ci troviamo in compagnia di un utente piuttosto noto del progetto: Luca Amadori. Luca si presenti: chi è Luca Amadori fuori dal progetto, e Luca nel progetto?

Luca: Ciao Angela! Io fuori dal progetto sono un ragazzo come tanti, che si alza la mattina per andare a lavorare, e a cui piace la sera stare sul divano a guardare la TV, quando non ho le partite di calcio. Sono un grande tifoso della Juventus! All’interno del progetto sono il presidente del Pordenone insieme a Bisceglie, Diana e Bicocchi, e anche difensore della Juventus. Cerco sempre di evitare liti inutili e cerco anche spesso il giusto equilibrio tra scherzo e serietà, perché questo è un gioco, ma un gioco in cui bisogna vincere

Partiamo dal principio, lei fa parte da parecchio tempo in questo progetto. Quali sono le sue considerazioni sul progetto? Avrebbe mai creduto in questa crescita sua e del progetto, quando si è iscritto?

Luca: Sono entrato nel progetto pensando di fare solo il giocatore, poi col tempo, quando ho cominciato a capire come funzionava tutta la questione, mi è venuta voglia di fare di più, per divertirmi di più, ed è per questo che ho deciso di fare il presidente di una squadra di C. Mi piacciono le sfide, e quella di prendere una squadra di terza divisione con l’obiettivo di farla arrivare in A mi dà una carica tremenda. Non sarà facile, la concorrenza è molto agguerrita, ma credo molto nei miei soci, nel mio staff e nei miei giocatori! Ho anche in progetto di comprare un club di A che al momento non ha presidenza, ma da solo è difficile perché ci vogliono i quattrini (quelli veri), quindi sto cercando qualcuno (3/4 persone) per fare una cordata.  Per quanto riguarda la crescita di tutto il progetto, sono stupito (positivamente) dalla crescita esponenziale che sta avendo, è una cosa bellissima che secondo me va anche oltre le aspettative degli admin

Un progetto piuttosto ambizioso il suo. Ci può rivelare qual è la squadra in questione? E ha pensato ad un’affiliazione con il Pordenone?

Luca: È la Juventus. Ho anche fatto un post a riguardo. È un’idea mia e di Gallorini, solo che purtroppo non ho riscontrato molte persone interessate, e quei pochi avevano quasi tutti già un ruolo in una squadra di serie A, o lo vogliono fare in futuro, quindi la cosa andrebbe contro il regolamento. Mi dispiace che non ci sia nessuno, tra quelli che fanno solo i giocatori, a voler intraprendere una nuova avventura, un’avventura che aiuterebbe loro a crescere all’interno del progetto, e che aiuterebbe anche il progetto stesso. Per quanto riguarda un’affiliazione col Pordenone, ci penserei solo una volta aver comprato. Non prima, non ha senso

Una grandissima bella sfida quella della Juventus… E a proposito di Juve, da Juventino, gioca nella Juve pg. Appena saputo del trasferimento, come ha accolto la notizia? Il primo impatto che ha avuto appena arrivato in squadra quale è stato?

Luca: La stagione scorsa ero a Livorno, e prima ancora della fine del campionato hanno cominciato ad arrivare offerte. A Livorno stavo bene, per cui ho rifiutato offerte molto interessanti, una da una squadra top del campionato e l’altra di una top di B con un progetto molto ambizioso e intrigante (infatti è stata poi promossa). Dissi molto chiaramente con allenatore e DS (Franco e Tirelli all’epoca) che sarei andato via solo se fosse arrivata l’offerta della Juventus, altrimenti sarei rimasto a Livorno anche in B. L’offerta della Juve è arrivata, e non ho potuto dire di no. Appena arrivato nella Juve ho trovato un bel gruppo, e la cosa che mi è piaciuta di più è stato il fatto che non c’era appagamento tra i giocatori nonostante lo scudetto appena vinto. Tanta voglia di fare bene anche in questa stagione, che sarà ancora più dura! Tra i giocatori, ho trovato Perfetti, che era con me a Livorno, e Bisceglie, alla Cavese con me e poi presidente del Pordenone. Col proseguo del calciomercato sono arrivati anche Stranges e Del Prete, due miei amici del Livorno. Ho citato solo quelli con cui avevo già giocato, ma tutto il gruppo è fantastico! L’unico che mi stava un po’ antipatico è stato bannato, per cui il “problema” si è risolto da solo

Era quindi il suo sogno nel cassetto giocare nella Juve…   Questa Juve ha subito due importanti addii: quello dell’allenatore D’Anteo e quello di un giocatore fondamentale come Arnone. Il loro addio ha destabilizzato un pò l’ambiente? La cosa come è stata presa dalla squadra?

Luca: L’addio di D’Anteo è stato un fulmine a ciel sereno, anche perché la campagna acquisti e i potenziamenti erano stati fatti su sue indicazioni, però la vita ha la precedenza, e se ha fatto questa scelta, evidentemente ha avuto le sue ottime ragioni. Abbiamo da poco conosciuto Giuseppe Trovato, il nuovo mister, e ha una grande carica e tanta voglia di far bene, ha la nostra piena fiducia!  Per quanto riguarda Valerio, il fatto che prima o poi volesse tornare al PG era il segreto di Pulcinella. Mi è dispiaciuto che se ne sia andato perché mi sarebbe piaciuto giocare insieme a lui in campo.  Tuttavia se il suo desiderio era quello, ha fatto bene a intraprendere questa nuova sfida, e gli faccio i migliori auguri in tal senso! Nonostante questi due addii importanti, il gruppo è più unito che mai, e pronto a scendere in campo col coltello tra i denti per difendere questo titolo!

Fa piacere vedere una squadra così carica. I suoi obiettivi, e quelli in generale della Juve, quali saranno quest’anno?                                                                                           

  Luca: La Juve ovviamente vuole e deve difendere lo scudetto, anche se sarà difficilissimo! I miei sono i soliti, cercare di far bene col Senegal e vincere qualche titolo

Quali squadre vede favorite per la lotta scudetto?

Luca: È difficile da dire a bocce ferme. Le più preparate comunque mi sembrano Genoa, PG, Lazio, Sampdoria, Torino. E Juve ovviamente.

E l’obiettivo del Pordenone? Parlaci un po’ del Pordenone. Riuscirete a portare questa simpatica squadra in b?

Luca: Il Pordenone secondo me è una realtà bellissima! Siamo prima di tutto un gruppo di amici e poi una squadra! L’obiettivo è quello della promozione diretta in B! So che abbiamo i mezzi per farlo, una bella squadra e un grande allenatore!

Allora vi faccio un grosso in bocca al lupo.  Parliamo un pò del suo ruolo, cioè il difensore. Non ci sono molti difensori all’interno del progetto. Lei perchè ha deciso di intraprendere proprio il ruolo di “difensore centrale”?

Luca: Beh mi sono semplicemente ispirato al mio ruolo nel calcio fuffa. Faccio il centrale “alla Chiellini”. Grinta, cattiveria, carattere, e piedi storti.

Facendo un piccolo passo indietro, quali sono le squadre dove ha giocato?? E cosa ha imparato da queste esperienze?

Luca: Allora, ho cominciato alla fine della S2 nell’Udinese, dove non ci ho capito più di tanto in realtà. Dopodiché sono passato alla Cavese, dove per fatti più che noti, ho conosciuto la parte peggiore del progetto, ma ho conosciuto anche tanti amici con cui mi sento tutt’ora (e con alcuni gioco insieme, o giocano per me). Dopo il fallout Cavese sono stato draftato nel Livorno dove abbiamo subito una retrocessione a mio parere immeritata, ma il campo non la pensava così evidentemente. Infine la Juve, dove non vedo l’ora di esordire

Per concludere l’intervista, le faccio un’ultima domanda, che è più una curiosità. Cosa significa coda cuda?

Luca: CODA CUDA???? NON HO CCCAPITTO! puoi ripetere?  “Coda cuda” nasce perché io e Bicocchi siamo due persone pessime e subdole, cui piace burlarsi delle disgrazie altrui. In pratica c’è un nostro amico che è sordo da un orecchio e ha qualche problema a parlare, allora un giorno non ha capito cosa si era detto e voleva chiedere “cosa scusa?” Ma è uscito “coda cuda?”. Il resto è storia.                                                                   

Grazie Luca per essere stato con noi. Un saluto da tutta la redazione, e in bocca al  lupo per la nuova stagione                                                                                                         

Luca: Crepi il lupo! E grazie a voi! E a te!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento