IlCarro intervista: Samuele Tomassetti

Buongiorno Samuele, grazie per essere qui con noi oggi. Nel Progetto sei diventato un bomber inarrestabile, la passata stagione hai vinto la Scarpa d’Oro. Al di fuori del Progetto, però, chi è Samuele?
Uno studente, disperato dopo aver visto le materie della seconda prova (ride, ndr), grande appassionato di calcio e di sport in generale.

Partiamo dalla tua carriera da calciatore. L’ultima stagione al Milan è terminata in un modo un po’ inaspettato per tutti. Quali sono i tuoi pensieri a riguardo?
Prima di Serveropoli si poteva tranquillamente parlare di una stagione fantastica; ci sono rimasto veramente male per quello che hanno fatto Bifano e Scarfone, sopratutto da quest’ultimo con cui avevo un ottimo rapporto mai mi sarei aspettato una cosa del genere. Magari non erano ben consci delle conseguenze, ma così facendo hanno danneggiato tutti, anche chi, come me, non c’entrava nulla.

La precedente dirigenza del Milan era composta da tanti elementi, come ti trovavi con loro? Come sono cambiati i rapporti dopo Serveropoli?
Con i dirigenti ho mantenuto un buon rapporto anche dopo le faccende di Serveropoli; discorso a parte per quanto riguarda Bifano e Scarfone, non ci siamo più sentiti molto comunque.

Ti chiederei di specificare meglio. Avete avuto delle discussioni dopo lo scandalo?
Con Bifano non ho proprio più parlato e non avevo interesse nel farlo, d’altronde ormai il danno era fatto e anche se fossi rimasto al Milan lui non sarebbe più stato il mio allenatore. Con Scarfone ebbi una discussione appena dopo lo scandalo.

Durante l’ultima finestra di mercato sei passato dal Milan alla Sampdoria: cosa ti ha convinto a sposare la causa blucerchiata?
Cercavo nuovi stimoli e la Samp mi ha sempre intrigato come società; inoltre ritengo Filippone un ottimo allenatore (ehi, lo dico solo perché altrimenti non mi fa giocare) e mi ha sempre appassionato molto il simpatico sketch che ormai va avanti da tanto tempo all’interno del gruppo, il quale spinge per farle uscire l’anello (ride, ndr).

Una punta viene e una punta va: arrivi alla Sampdoria e il pallone d’oro Matteo Congedo parte da Genova. Eredità pesante, pensi di essere all’altezza?
Ovviamente raccolgo un testimone importante; sarà difficile eguagliare quello che ha fatto con la maglia della Sampdoria, ma credo nelle mie capacità e sono sicuro di essere all’altezza.

Secondo te, questa Sampdoria, dove può arrivare?
Penso che sarebbe già un traguardo importante riconfermare gli obiettivi della scorsa annata e se tutto dovesse andare per il verso giusto perché non provare a vincere lo Scudetto?

William Cioè è il suo presidente al Bari, da poco ha recentemente acquistato il Perugia ma l’ha affiliata alla sua seconda società, il Frosinone. Come ci si sente ad essere sotto di lui ma a non poter disporre del bacino del Perugia?
Sollevato. Da buon ternano non scorre buon sangue con il Perugia, sia nel fuffa come nel Progetto. No dai, a parte gli scherzi, nell’ambito del Progetto sarebbe stato utile ma è uscito che il presidente Cioè abbia dato priorità in questa scelta alla società che per forza di cose poteva beneficiarne di più.

Passiamo dalla tua carriera da giocatore alla tua esperienza da allenatore con questa domanda. Paparella dal tuo Bari al non più tuo Milan. Esprimi un pensiero sul calciatore.
Mi è abbastanza dispiaciuto che se ne sia voluto andare a tutti i costi, soprattutto perché al suo arrivo a gennaio della Stagione 3 dichiarava di voler diventare una bandiera del Bari; personalmente avevo puntato molto su di lui nella seconda parte della stagione, dove comunque non ha mai sfigurato. Non ci aspettavamo, nè io io nè la squadra, di ricevere la sua richiesta di trasferimento visto il suo amore per il Bari, da lui proclamato fino all’ultimo Non gli serbo rancore, ma anzi gli auguro il meglio per la sua nuova avventura.

Bari che ha perso un tassello importante come Paparella, ma contemporaneamente si è rinforzata con il nuovo attaccante Danilo Bencar. Secondo te, come finirà la stagione dei Galletti? A cosa ambite?
Sicuramente a riconfermare quanto fatto la scorsa stagione; non sarà per niente facile ma l’idea sarebbe anche quella di puntare a qualcosa di più, il mercato comunque è stato soddisfacente e abbiamo potuto rimuovere diversi inattivi ed inserire giocatori che porteranno bonus attività come Bencar e Torcolini.

Si vocifera che Marco Scarfone ti aiutasse con le tattiche, su come impostarle e su come approcciare la partita. È vero?
È successo un paio di volte, ma non per quanto riguarda la base della tattica, perchè quella era farina del mio sacco, ma in quei pochi frangenti mi ha dato un consiglio su eventuali marcatura o piccoli accorgimenti (che poi alla fine settavo come ritenevo più opportuno). E devo dire che questa voce mi da abbastanza fastidio; sembra quasi che Scarfone mi preparasse le partite quando invece facevo e faccio tutt’ora di testa mia.

IlCarro è una testata giornalistica che, nel bene o nel male, fa sempre parlare e discutere, tu cosa ne pensi de IlCarro?
Un’ottima testata, formata da persone che svolgono il loro compito con estrema professionalità, leggo sempre con molto piacere i loro pezzi.

Fatti una domanda e datti una risposta
Drink Team o Progetto Gaming, quale sceglieresti? Difficile da decidere così su due piedi; sono entrambe due belle società, direi Drink Team solo perchè contro di loro ho segnato uno dei miei goal più belli (ride, ndr)

Grazie per l’intervista e buona fortuna!
Grazie a voi, è stato un piacere.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento