Lazio: staffetta in attacco

Con l’avvicinarsi dell’inizio della stagione 4, il calciomercato ci ha regalato delle autentiche chicche.

Trasferimenti importanti, soprattutto in casa Lazio, di cui oggi parleremo.

La Lazio, gestita ottimamente dal duo sanremese Michelini/Pattarozzi (rispettivamente allenatore e DS), ha sopreso un po’ tutti durante la stagione 3, ritagliandosi il ruolo di anti-Juventus fino ad una manciata di giornate dalla fine del campionato, vinto poi proprio dai ragazzi di D’Anteo e Gallorini.

Sfruttando l’ottima programmazione, hanno messo a segno dei colpi importanti come l’ingaggio del regista Salvatore Campagna e del portiere Ivano Di Giacobbe, chiudendo, ad oggi, con un attivo di oltre 2 milioni di euro.

Lazio, appunto, figlia di programmazione e lungimiranza.

Parliamo ad esempio dell’acquisto, con largo anticipo, di Federico Gallarato. Comprato durante la stagione 3, Gallarato è stato acquistato per 1 milione e 700 mila euro e la cessione di Matteo Montanari all’Inter.

Il che ci porta ad una domanda; come schiererà in campo tutti questi top player mister Michelini? Vediamo insieme le schede del parco attaccanti della Lazio.

Di Gloria: giocatore dalla velocità media, corporatura esile che potrebbe soffrire contro le difese rocciose, ma autentico finalizzatore. In un attacco a due, dove per compagno di reparto ha qualcuno in grado di fare a sportellate lasciandogli un minimo di spazio in cui agire, potrebbe diventare devastante. Lasciarlo da solo in mezzo all’area equivarrebbe a giocare in 10 contro 11 se dovesse essere marcato a uomo fisso.

Gallarato: fisico e tanta testa. L’attaccante torinese è un autentico tanker lì davanti. Freddezza massima anche per lui, come Di Gloria, ha un 16 in finalizzazione che potrebbe far ben sperare i tifosi laziali. L’intuito alto e la capacità di farsi trovare smarcato sopperiscono alla bassa velocità atletica. Lui non ha bisogno di muoversi, lui si fa trovare al posto giusto ben prima che gli arrivi la palla. A differenza del compagno di reparto Di Gloria, difficilmente si farà trovare in fuorigioco durante il possesso palla della Lazio. Molto determinato, non crediamo che possa essere un attaccante svogliato e che tenda ad isolarsi dal gioco.

Pattarozzi: fisico importante, con i suoi 185 centimetri per 72 chili di stazza, il giocatore sicuramente più carismatico in attacco della Lazio. Ha una progressione che i suoi compagni non hanno, sopperendo così alla vena realizzativa inferiore rispetto ai suoi colleghi. Ci aspettiamo diventi il primo creatore di gioco in attacco, grazie alla qualità tecnica e nei passaggi superiore a quella di Gallarato e Di Gloria. Molto probabilmente, se la Lazio dovesse ritrovarsi contro dei difensori in grado di arginare la fisicità di Gallarato, mister Michelini impiegherà lui per sfruttare la velocità palla a terra senza perdere troppo in centimetri, aumentando così le probabilità di creare occasioni da gol.

Non credo che li vedremo mai tutti e tre contemporaneamente in campo, anche perché la Lazio ha sette giocatori, tra centrocampo e trequarti, da dover impiegare oltre a dover giocare ogni tre giorni per i vari impegni tra campionato, Champions League e Coppa Italia. Possibile quindi un cambio di modulo che vada dal 4321 della scorsa stagione ad un 4312 che sfrutti a pieno la qualità di palleggio del centrocampo laziale e il saper giocare di Di Gloria e Pattarozzi alle spalle di Gallarato.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento