Le interviste di Progetto X… Carlo Paudice ed Edoardo Bonfanti

Salve a tutti i nostri lettori, in particolar modo ai nostri ospiti: Carlo Paudice ed Edoardo Bonfanti. Vi ringraziamo per la disponibilità. Presentatevi, parlateci un po’ dei vostri ruoli all’interno del progetto e della vostra vita reale.

Carlo: Ciao a tutti, nella vita reale faccio il produttore di beat. Nel Progetto DS del Cuneo, gioco alla Juventus e alleno il Vicenza. Edoardo: Salve a tutti, sono Edoardo, nella vita studio per diventare una barzelletta vivente, cioè un architetto e un giocatore di ruolo a tempo perso. Nel PG sono un giocatore e capitano del Vicenza.

Come avete conosciuto Progetto Gaming?

Carlo: Io l’ho scoperto grazie a un amico che, a inizio Progetto, mi ha inserito nel gruppone. Edoardo: Allora sinceramente io l’ho scoperto perché un mio amico, con cui faccio altri GDR e che vorrei salutare (ciao Luca), è entrato poco prima di me e sulla bacheca mi è saltato fuori il suo post di presentazione. Da lì gli ho chiesto di cosa si trattasse e trovandola una cosa divertente e interessante ho voluto partecipare anche io… ed ora siamo qui.

Quindi dobbiamo ringraziare i vostri amici se adesso fate parte del progetto. Quali sono le vostre considerazioni su progetto gaming? E se, secondo voi, può essere migliorato ancora di più?

Carlo: È un grande Progetto. Può essere migliorato espandendosi in più campionati del mondo, magari tutti, e, solo con il proprio giocatore, non che se ne possano creare uno a campionato. Edoardo: Beh, considero il Progetto Gaming un progetto alquanto interessante e divertente, chi fin da piccolo non ha sognato di diventare un calciatore e sul campetto con gli amici non ha mai immaginato di essere sul campo di San Siro, alla Scala del Calcio, e star correndo a segnare il gol decisivo di una Finale di Champions con la maglia della tua squadra del cuore oppure di una finale dei Mondiali per la tua Nazionale. Ecco il progetto è un modo per sfiorare quelle fantasie un po’ più concretamente che nei soli sogni. Può essere migliorato? Certo, nulla è perfetto. Come? Beh, bella domanda: il gioco è già ben fatto e difficilmente potrebbe migliorarsi senza dover rinunciare a qualcosa. La prima cosa che mi salta in mente così su due piedi è ampliare i campionati di gioco quando si amplierà ancora il numero di giocatori, avere Premier, Liga, Bundes e Ligue One sarebbe interessante, ma capisco che la cosa possa comportare difficoltà logistiche ed anche nella gestione live che dovrebbero essere di più o più lunghe per gestire il tutto, quindi non saprei.

Elemento importante del progetto è l’attività.  Da calciatori PG quali sono le motivazioni che vi stimolano nell’essere attivi nel progetto?

Carlo: Assolutamente il meraviglioso… no, basta fare il leccaculo. Il gruppo di m***a che abbiamo alla Juventus e per provare a far diventare il mio giocatore, il pallone d’oro. Edoardo: Le motivazioni principali, beh non saprei dirle: diciamo che è un mix di cose, quanto mi sento coinvolto, quanto mi interessa la cosa ed anche il rispetto e la riconoscenza verso compagni, Mister e soprattutto Presidenti che alla fine sono quelli che vanno davvero a spenderci nel progetto. Poi ovviamente ci sta anche la voglia e gli impegni che si hanno, ci sono periodi in cui magari ho mille cose a cui pensare tra progetti, esami, lezioni e risulto un po’ meno attivo ed altri in cui posso concentrarmi e allora faccio di più.

Invece da leader, nello specifico Carlo da allenatore ed Edoardo da capitano, quali sono gli stimoli che trasmettete ai vostri giocatori/compagni di squadra per spronarli ad essere attivi nel progetto?

Carlo: Sicuramente l’obiettivo, quello di salire in Serie a, dovrebbe essere una cosa parecchio stimolante per i ragazzi. Poi cerco sempre di scherzare con loro per trasmettere serenità e fiducia nello spogliatoio che sono cose molto importanti. Edoardo: Diciamo che questa cosa dell’essere capitano mi è arrivata addosso un po’ all’improvviso, non me l’aspettavo e sto ancora cercando di assestarmi in questo ruolo con tutto quello che comporta e di trovare il mio posto nello spogliatoio perché non voglio “impormi” sui miei compagni. Sicuramente cerco di stimolarli, di suonare la carica, di inviare foto di belle donne per tener su il morale, fare battute e lanciare hashtag (l’oramai famoso per noi #polisporFiga ad esempio).

Paudice è allenatore del Vicenza da poco, ma ha già allenato in passato, seppure per poco tempo, il Vicenza. Come è stato accolto da lei, Edoardo Bonfanti (ricordiamo che lei all’epoca ancora non era in squadra), e dalla squadra il suo arrivo/ ritorno? Mentre per lei, Carlo Paudice, come è stato ritornare ad allenare il Vicenza?

Carlo: Tornare in una squadra con un gruppo affiatato e che ha una grande voglia di vincere è sempre bello. Mettiamo, ovviamente, in primo piano il divertimento e la serenità, cosa di cui parlavo prima, e poi ogni Lunedì e Mercoledì, parliamo della partita. Voglio, assolutamente, portare questi ragazzi in serie A. Edoardo: Io ho cercato di accoglierlo al mio meglio, con simpatia e voglia di divertirci insieme per raggiungere gli obbiettivi, o almeno ci ho provato; lascio ad altri la sentenza di esserci riuscito o meno (sorride, ndr). La squadra invece devo dire che ha reagito bene, i ragazzi sembrano soddisfatti e che si siano trovati subito in sintonia con il ritorno del mister e sembrano motivati.

Parliamo del mercato del Vicenza. Come valutate i nuovi acquisti? Si sono integrati bene all’interno della squadra?

Carlo: I nuovi acquisti, a primo impatto, mi sono sembrati buoni. Come si sono integrati, non lo so benissimo, visto che prima di me c’era un altro allenatore. Posso solo dirlo per Stafa, che scherza con la squadra e questo mi fa molto piacere. Edoardo: A livello tattico mi sembra che gli acquisti siano stati fatti con cognizione di causa, andando a puntellare i ruoli in cui era necessario. A livello di coinvolgimento invece devo dire che è già difficile riconoscere chi è appena arrivato e chi era già qui, i ragazzi ridono, scherzano e si sono ben adeguati al clima caciarone e goliardico del gruppo.

Siamo alla fine dell’intervista, e ho un’ultima domanda per voi. Sicuramente il Vicenza punterà alla promozione in A. Quali sono le squadre che possono lottare per la promozione? E pronosticate le vostre tre squadre che saliranno in A.                                                                                                                     

Carlo: Le squadre che possono salire in serie A, oltre al Vicenza, sono il Chievo Verona, la Roma e per dirne una terza, dico il Parma. Queste tre, insieme a noi e qualche altra squadra come il Livorno o il Brescia, lotteranno per il salto di categoria. Sul pronostico dico Vicenza, Parma e Brescia. Edoardo: Sono d’accordo con il mister su questa, sicuramente la Roma andrà a lottare per arrivare in Serie A, dopotutto pur essendo una squadra di Serie B hanno vinto la coppa Italia lo scorso anno. Per le altre il Chievo, che ha fatto bene, l’Entella, che è arrivata in una posizione importante la scorsa stagione e forse Brescia o Parma. Riguardo a chi salirà in A vorrei essere scaramantico ma credo che la squadra possa far bene e quindi voglio dargli fiducia: Vicenza e Roma dirette, Entella ai play-off.

Edoardo Bonfanti e @Carlo Paudice vi ringraziamo per la vostra disponibilità. Vi facciamo un grosso in bocca al lupo per la nuova stagione.

Carlo: Grazie a te e Progetto X per l’intervista e forza Vicenza. Edoardo: Grazie a voi per la disponibilità e la pazienza, mi aggrego al mister, forza Vicenza.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento