Paolo VS Presidentissimo: l’intervista

Buongiorno, grazie per aver dismesso i panni del Presidentissimo per concederci un’intervista genuina con Paolo.
Per prima cosa: chi sei nella vita di tutti i giorni e come hai conosciuto il progetto?


Un nerd di vecchia data, videogiocatore e collezionista di fumetti e action figures . Faccio parte della storica squadra del Drink Team prima che partisse il progetto. Trovai un post di quel matto di Ballarini e sai tra matti ci si intende.

Mi pare giusto. Nel progetto reciti il personaggio del Presidentissimo, ovvero di un tizio piuttosto presuntuoso e al di sopra di tutto e tutti, che vive con fastidio la mediocrità altrui. Quanto c’è di te in questo personaggio e quanto vorresti ci fosse?

Nulla al quadrato. Sono proprio l’opposto del Presidentissimo. Il lavoro nella vita reale mi impone di confrontarmi con la gente, se fossi come il Presidentissimo sarebbe una guerra continua.

Ripercorriamo alcune tappe importanti, nel bene e nel male, del progetto. Su ognuna ti chiederò cosa pensasti allora, che sentimenti hai vissuto. Partiamo con l’inizio della stagione 1: parte il progetto e la prima live su Twitch.

Come si installa Twitch? Te l’ho detto che sono uno di vecchia data… A parte questo mi getto nelle avventure con tutto me stesso e in questo caso ho fatto bene. Ti ricordi i primi interventi telefonici? Li facevo da lavoro…

Poi l’Udinese vince il campionato, ma il Genoa consolida il suo gruppo. Che pensi a fine S1? come vedi il progetto?

Comincio a realizzare di essere fortunato, nell’aver trovato il gruppo perfetto a livello umano e avevo ragione. Ho trovato nuovi cari amici: Alberto De Donatis, Francesco Truddaiu, Mark Aperio, Claudio Però, Alessandro Pironti, ma anche quei due impertinenti di Paolo Puzzer e Veronica Di Paolo, ma pure quel gran bucatore di colombe di Danilo Trojer.

A proposito di Veronica e Paolo: è evidente ci sia stima tra voi, ma allora perché sono stati ceduti?

Questione tecnica nulla più , non potevo garantir loro un “tot” di partite da titolari. Sarebbe stato un spreco tenerli così…

Torniamo ai momenti del progetto. Cosa pensi se ti dico… Pizzo.
Ai tartufi… e a tanta amarezza.

Alberto De Donatis.
Un amico caro, un regalo di questo splendido progetto.

Pier Gaetano Fulco.
Chi?
Sei tornato a fare il presidentissimo o davvero non conosci l’admin aggiunto?
Eheh, se è admin è una persona degna di stima e fiducia, soprattutto con l’attenzione che c’è ora.

Proseguiamo con i nomi: Davide Paparella.
In questo momento mi sento Bruce Banner: sto cercando di non fare uscire il Presidentissimo. Che dire…
Ti aiuto? Diciamo che è molto giovane (beato lui)?
Esatto.

Visto che parliamo di giovani, parliamo di inesperienza, dato che le cose vanno spesso inevitabilmente a braccetto. Il progetto ha utenti con età media molto bassa e anche chi fa da staff, è spesso giovanissimo. Abbiamo vissuto molte gestioni “allegre” da parte di presidenti e DS: cosa ne pensi? hai qualche consiglio per chi si avvicina a un ruolo nel progetto?

Chiedete, non vergognatevi, è sempre meglio arrossire prima che sbiancare dopo. Magari non chiedete al Presidentissimo….cercate degli admin o al massimo chiedete di Paolo.

Il Genoa è andato maluccio in questa stagione e molti indicano in Claudio Però, ragazzo intelligente e benvoluto ma con poca esperienza di FM, una delle cause degli scarsi risultati. Mentre facciamo un “in bocca al lupo” a Claudio per la prossima stagione all’Entella, vuoi dirci come mai scegliesti Claudio e come mai sei ora tornato allenatore dei rossoblù?

Perché mi fido di Claudio e causa lavoro reale dovevo staccarmi. Allora ho affidato la squadra ad uno di noi e non me ne pento. Claudio farà benissimo. Per Claudio è meglio cominciare dalla B ma sempre in famiglia, Paolo Puzzer (DS Entella) lo guiderà. Però poi la nostalgia da allenatore si e fatta sentire subito e allora mi sono proposto per la Malcantone (un ringraziamento a tutti i ragazzi e al presidente). Il Malcantone è un grande rammarico: ci saremmo salvati in condizioni meno complicate.

Malcantone, capitolo sicuramente negativo del progetto e non certo per colpa tua. Ricardo Lamine comprò la società, volle cambiarle il nome e, sebbene gli proponessimo nuovi giocatori gratis (come si fa sempre per le nuove squadre ingaggiate e senza giocatori) decise di far entrare amici non interessati al progetto, ritrovando il club pieno di inattivi. Poi, al momento di fare il mercato, fu fregato con mille bidoni. Qualcosa da aggiungere? Come hai vissuto il tutto?

Con passione e tutto me stesso, per rispetto di chi era attivo. Sono contento che i ragazzi vadano a giocare in serie A o in B. Ho cercato di onorare il campionato per rispetto di tutti.

Ma Lamine non ti ha mai spiegato come mai abbia gestito tutto così?
Si è fatto prendere dalla voglia di fare ed è stato affrettato a volte, ma è indubbiamente stato turlupinato.

Da chi e come? Possiamo dirlo?
Non entro nei particolari, ma faccio un nome solo : il giocatore De Pieri.

Indagheremo sulla questione, allora. Avete appena ingaggiato Busco, che immagino molto amico del DS De Donatis. Quanto c’è del tuo in queste trattative e quanto invece deleghi al tuo DS?

È decisione di concerto, io do una indicazione e Alberto (De Donatis, ndr) fa tutto alla perfezione, cercando addirittura di meglio di quello che indico.

E nel caso dell’acquisto di Pironti? Un uccellino mi ha detto che fu il solo Alberto a essere convinto della trattativa. Confermi? E ora, a distanza di tempo, rifaresti tutto?

Le mie rimostranze sono affettive: faccio molta fatica a cedere giocatori e nell’ acquisto sono cauto perché chi arriva deve avere certi requisiti morali. Nel caso di questo Pironti non c’erano dubbi.

E rifaresti la trattativa, a distanza di tempo?

La rifarei, ovviamente: ho trovato un amico.

Vuoi svelarci una possibile cessione o un possibile acquisto del Genoa?

Mercato chiuso. E’ ufficiale. Lo giuro.

Chiudiamo l’intervista con una domanda su di te, Paolo, così permettiamo a tutti di conoscerti meglio. So che sei un grande conoscitore di birre: ce n’è qualcuna che hai apprezzato molto (ma che è magari poco conosciuta) e vorresti consigliarci?

Sull’ esotico direi birrificio omnipollo: birre al cioccolato al marshmallow. In Italia direi birrificio mc77. Se amate le birre dolci, consiglio l’ape regina.

Grazie mille per la disponibilità Paolo. Vuoi concludere con un messaggio al progetto?

Divertitevi, giocate ma soprattutto non fate arrabbiare gli admin e il Presidentissimo.


Alessandro Pironti per Progetto X

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento