Il curioso caso dell’Akragas

Nell’Akragas è successo un episodio molto particolare. Al termine della stagione il club girgentino ha avuto la richiesta di cessione da parte di cinque dei suoi elementi, che ambirebbero a giocare per squadre più blasonate del progetto. Le persone in questione sarebbero state i difensori centrali Mecozzi Gabriele e Pollo Luca, l’esterno di centrocampo Gentile Alessandro, il mediano Di Marcello Lorenzo e la punta Tranainti Valerio.

La cosa curiosa è un’altra, ovvero quello che è successo dopo la messa in vendita dei giocatori. Neanche ventiquattrore dopo, lo staff avrebbe saputo del rifiuto di offerte da parte dei trasferibili per una richiesta piuttosto singolare: avrebbero preteso di giocare tutti e cinque insieme e di non trasferirsi se non come gruppo compatto. Di conseguenza la società gestita da Paolo Di Gaetano si sarebbe ritrovata con le mani legate nel mercato per una richiesta alquanto singolare. Mai nel corso del progetto un gruppo di giocatori avrebbe avanzato una richiesta di così enorme peso, considerando anche che i siciliani, essendo squadra di C, hanno a disposizione solo 15 giocatori, anziché 22.

Non si tratta del primo episodio di rilievo tra la dirigenza e il gruppetto di giocatori in questione. Il mese prima, a causa di screzi dovuti agli ideali akragantini, 4 dei 5 giocatori erano già stati messi in lista cedibili. Poi ci dovrebbe essere stato un rappacificamento in occasione dei play-off, ma con l’obiettivo della Serie B sfumato, gli attriti sono ritornati fino a giungere a ciò.

La vicenda si è conclusa con il trasferimento dei cinque giocatori alla corte del Novara. L’Akragas ha ottenuto in cambio 900k e due contropartite tecniche. Per come si stava mettendo la situazione, è assolutamente un bene che si sia trovato un accordo. Tuttavia, indipendentemente dall’epilogo, questo rimarrà un caso molto curioso nella storia di questo progetto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *