PAGELLONE IGNORANTE LUCCHESE-CREMONESE

LUCCHESE

Rudy Renzullo: autore di una discreta prestazione. Dei 3 gol solo in uno si può definire colpevole, tuffandosi in slow motion a causa delle lasagne preparate dalla nonna a pranzo.
MAGNA CHE DEVI CRESCERE

Davide Giorgi: Buona corsa, ma si vede pochissimo rispetto al solito. Le sue scorribande sulla fascia sono limitate. Sul 2-1 avrebbe potuto chiudere meglio la linea di passaggio per l’assist di Guillaro.
ANONIMO

Christian Vitale: Giustamente era troppe partie che giocava degnamente. L’attacco della capolista è davvero forte, ma perdersi un uomo che da la profondità a chi gli si chiede di andare in copertura… questa gioventù bruciata…
COCCIUTO

Marco Colatruglio: il signorino Rottermeier non riesce a tenere concentrato il Clara della squadra, troppe coccole e poca frusta, si sta ammosciando.
NECESSARIA SEDUTA DAL SERGENTE HARTMAN

Michele Pepe Cabañas: sui calci piazzati sempre pericoloso, ma non riesce ancora a togliere il coniglio dal cilindo. Un autogol abbastanza sfortunato che chiude la partita, macchia una prestazione nel complesso discreta.
MAI UNA GIOIA

Giacomo Morelli: Il tiki-taka della Cremonese da un pò alla testa anche a lui, generalmente freddo nelle situazioni difficili. Il cartellino giallo è un biglietto da visita che lo contraddistingue a prescindere. Il mister lo fa uscire per non rischiare di rimanere in 10.
#MORELLIYELLOWCARD
Dal 65′ Loris Guerra: Il mister chiede maggiori geometrie anche dal mediano: lui i passaggi non li sbaglia, ma il giallo è qualcosa ormai più abitudinario del piatto di pasta al tonno per lo studente universitario che non sa/non vuole cucinare.
DANIELE CONTI ARE YOU?
 

Patrick Casalati: il nonno corre per due, mette quantità ma soffre anche lui il possesso asfissiante della Cremonese. L’esperienza lo porta a non steccare il primo che capita, ma sono sicuro che lo avrebbe fatto volentieri. Da bravo capitano non da il buon esempio di prenderlo anche lui.
INDISCIPLINATO

Mario Carotenuto: La Lucchese parte arrembante e lui decide di buttarsi in area e ricevere un cross da una volata dell’albanese Xhyliqi per siglare il gol del momentaneo vantaggio. L’eccessiva euforia della gioventù lo porta poco dopo a steccarne uno di giustezza e prendere un giallo sacrosanto. Per il resto partita di sacrificio e geometrie al servizio della squadra.
GIOVANE ARREMBANTE

Betim Xhyliqi: L’algoritmo di Machine Learning del traduttore albanese/sardo sta iniziando a funzionare e il giovane Betim sta iniziando a giocare partite sempre più convincenti. Assist e tante scorribande che mettono in difficoltà la difesa Cremonese.
GOOGLE TRANSLATE SPOSTATI PROPRIO

Lorenzo Ercoli: Tanta corsa, diverse scorribande anche lui che non vengono finalizzate a dovere dai compagni. Solito contributo anche con la più forte del campionato.
SEMPRE PRESENTE

Samir Bandinu: C’era da aspettarselo: dopo il golazo della giornata scorsa, si deve mangiare l’occasione del 2-1 davanti al portiere. Nel complesso comunque una partita discreta.
NENNETTO

Gian Marco Proietto/Francesco Benedetti: Non riescono a incidere nello scampolo di partita che gli viene concesso. COMPARSE

CREMONESE:

Mattia Mele: Subisce lo stesso numero di tiri in porta del suo collega lucchese, ma riesce a far subire solamente un gol alla sua squadra. SEMI-SARACINESCA

Michele Canoce: Partita di sostanza e ordinata. Anche se quel 31%, di contrasti vinti, abbinato a 10 recuperi non lo etichetta sicuramente come terzino arcigno.
FEMMINUCCIA

Claudio Ciancolini/Andrea Sergiacomo: soffrono la velocità di Bandinu, che quando parte da lontano, è difficilmente contrastabile, salvo mettendoci il corpo e rischiare il fallo. Nei colpi di testa si dimostrano praticamente insuperabili.
AFFIATATI

Marco Fazzini: partita ordinata anche per lui. Nonostante faccia il suo, viene sostituito alla fine del primo tempo. Guerra interna in casa Cremonese mascherata dall’andamento della squadra? D’altronde ci si spreca di belle parole tra il mister ed il terzino… #CremoneseWars

dal 46′ Christian Augugliaro: non fa nulla di più di quello che il mister Campagna penso si aspettasse da lui, rispetto al compagno Fazzini. Ma su quella fascia vigono simpatie.
RACCOMANDATO

Pierfrancesco Amendola/Gianluca Guillaro:: 133 e 108 passaggi completati a testa, offrono la palla che porterà al gol di Casertano e De Meo, insomma si dimostrano ancora due delle numerose menti del centrocampo cremonese.
XAVI&INIESTA

Lorenzo Sirigu: quando passa qualcuno dalle sue parti, fa tabula rasa degli avversari. Non perde un contrasto e da un ottimo apporto anche in fase di costruzione. Giustamente però almeno il giallo da fallo su tibia non può mancare. L’elemento che trasuda un minimo di cattiveria agonistica non può mancare.
RINGHIO

Marco Casertano: Un gol che il portiere avrebbe potuto forse evitare, un cross che rimpalla sul terzino e va in rete. Nonostante meriti al 50% suoi ciò il suo ego sale a mille, ma non arriverà mai a quota 1001, che equivale al picco massimo, forse. Per il resto fa una buona partita.
SMINUITO

Matteo Tirelli: non riceve nessuna punizione nella sua mattonella, un incubo per i portieri avversari. Galleggia nella trequarti senza illuminare la scena come fa spesso.
CORRENTE ALTERNATA

Alessandro De Meo: E giovane, ma sa già il fatto suo. Punta il centrale più scarso che con un contromovimento lo infinocchia agilmente per il gol del 2-1. Penso basti.
BOMBER DI RAZZA

Philip Irle/Matteo Martino: Entrano a risultato pienamente archiviato, per far rifiatare qualche compagno in vista del doppio impegno di martedì e sabato. PASSERELLA

 

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *