PAGELLONI IGNORANTI SALERNITANA LUCCHESE


SALERNITANA
Stefano Guastini: il gol subito, senza alibi. Tiene a galla la squadra che altrimenti avrebbe probabilmente perso 0-3 per alcune occasioni nitide create dai toscani, nonostante la complessiva buona prova difensiva del pacchetto arretrato
BAYWATCH

Antonio Arsenti/ Emiliano Arcidiacono: buona prova del terzini che aiutano in difesa e in fase di sostegno. Unica pecca nel contropiede che porta al gol litigano in un “pari o dispari” per decidere chi marca chi, sbagliando a scalare su Xhyliqi che poi segnerà.
IL POLLICE NON VALE

Matteo Da Ros/Davide Sigillò: La coppia difensiva si comporta in modo egregio (palle recuperate 15 e 11), ma alcune imbucate di Bandinu e Xhyliqi le soffrono comunque, ma per fortuna la schedina grazie a questo risultato riescono a vincerla.
UNDER 1,5

Salvatore Fulchignoni: viene ammonito dopo nemmeno un minuto. nonostante ciò riesce a finire la partita intera con il mister che decide di mantenerlo in campo tutta la partita, fornisce una prestazione di sostanza.
CHEMMEFREGAAMME CHE M’HANNO AMMONITO

Antonio Pedalino: Il capitano mette l’anima in campo ma non basta per riuscire a portare un risultato utile che allunga la striscia negativa. Buone geometrie, qualche stecca e giallo onesto da aggiungere alla collezione.
IL PIEDE NON SI TOGLIE NEI CONTRASTI RAGA

Gianluca Loscialpo: il regista non illumina come dovrebbe e soffre il centrocampo arcigno lucchese. Anche lui ammonito, non voleva essere da meno da tutta la linea di centrocampisti.
NON C’è DUE SENZA TRE

Lorenzo Lombardo: non incide come dovrebbe il furetto sulla destra. A un certo momento della partita finge di non stare bene e chiede il cambio. In realtà si ricorda che aveva tre quest da fare su Hearthstone e corre a capofitto a finirne almeno una per non perdere 50 gold.
LEEEEROOOYYY JEEENKIIINS

Alessio La Regina: non riesce trovare occasioni utili per impensierire il portiere avversario in quanto è stato annullato dalla coppia Colatruglio-Matteucci. Giornata stortissima per la punta.
SPUNTATO

Alessio Di Pierro: Assieme a La Regina si vede poco o nulla, Giorgi è un difensore che si fa rispettare ed al quale riesce a sfangarla poche volte. Dopo un’ora scarsa di gioco, geloso del fatto che il terzino lento lo avesse Lombardo, si fa cambiare.
MA COSì NON VALE

Domenico Bisogno: sostituisce un Arsenti a rischio espulsione. TAMPONE

Giovanni Alla: Dopo 5′ dal suo ingresso crea un varco per Lombardi che non viene sfruttato. Mina vagante nella mezz’ora in cui viene impiegato, ma non basta.
FRIZZANTE

Gianpaolo Tommasi: un lancio per un fuorigioco e poco altro. EVANESCENTE

 

LUCCHESE

Rudy Renzullo: inoperoso per quasi tutta la gara, si nota principalmente più per una finta dove, al momento del rilancio, si mette la palla a terra come se la volesse dimenticare, per aizzare le ire avversarie.
TROLLER

Davide Giorgi: torna a fare una prestazione degna di nota dopo la partita spenta contro il Benevento, spingendo e difendendo, ma sopratutto steccando. Bene così.
TUTTOFARE

Marco Colatruglio/Omar Matteucci: continuano a confermarsi coppia di centrali affidabilissima che contribuisce enormemente a mantenere la porta imbattuta, grazie a chiusure sempre puntuali.
MIMì E COCò

Michele Pepe Jonjo Cabañas: si conferma in buona forma il terzino dai piedi buoni, con una buona prestazione diligente e d’esperienza. Il giovane Lombardo non riesce ad impensierire l’esperto terzino.
VOGLIO RISEGNARE DI PUNIZIONE

Giacomo Morelli: 100% di contrasti vinti, conditi da quantità anche in fase di passaggio. Voto in meno per la mancata stecca con giallo. la #YellowCardWar resta in bilico con Vitale ed un rampante Borrello: vuole solo mantenere la suspance.
ALTRUISTA.

Dante Stefanucci: Prestazione di sostanza, meno inserimenti rispetto al passato, ma continua quantità in mezzo al campo.
Anche lui, come il compagno Renzullo si dimentica un pallone durante un controllo palla, degno del suo altissimo tasso tecnico. Sente l’odore degli hot dog a bordo campo e con la scusa dei crampi si fa sostituire.
STURARO

Mario Carotenuto: crisi di nervi nel prepartita, in quanto tifoso della Salernitana. Gli prometto in caso di vittoria una mangiata nel post partita a base di zizzona di Battipaglia, e gli si illuminano gli occhi. Entra in campo quindi concentrato e fa una buona partita in cabina di regia.
PROFESSIONISTA GOLOSO.

Betim Xhyliqi: finalmente, il giocatore più atteso si sblocca, grazie ad un contropiede perfettamente orchestrato che lo porta davanti al portiere dove non può sbagliare. Nonostante ciò si mangia due occasioni in cui avrebbe potuto fare molto meglio, ma la prestazione resta degna di nota nel complesso.
SVERGINATO

Lorenzo Ercoli: a sorpresa parte titolare in questa partita, in quanto Proietto si è fatto convincere ad andare con una sua amica orientale e si è ritrovato a 200km dallo stadio a 2 ore dalla partita.
Prestazione comunque di qualità, condita con l’assist per il gol vittoria. Cosa si fa pur di giocare…
CORRUTTORE

Samir Bandinu: Miro non trova la porta nemmeno oggi. Gli capita a tiro dopo 8 minuti una occasione limpidissima che a colpo sicuro sbaglia in maniera clamorosa. Bravo più a fare da collante tra i reparti, e a ribaltare l’azione. Suo lo strappo con ottimo lancio verso Ercoli che porta a rete su un contropiede da calcio d’angolo perfettamente orchestrato. Il gol arriverà.
A SECCO

Giovanni Gallo: bullizza il più giovane compagno salernitano e gli impone di giocare. Poi però è costretto ad entrare a partita in corso anche il buon Don Giovanni che fa prediche e dispensa consigli a tutti, fuorchè correre, nonostante la giovane età.
AI MIEI TEMPI QUANDO ERO RAGAZZINO…

Angelo Zirattu: dopo due partite poco brillanti, accetta senza troppi patemi la panchina. Entra a partita in corso e rischia il gol poco dopo il suo ingresso. Per lui meglio, così ha due settimane per divertirsi a coca e mignotte.
SCALTRO

Patrick Casalati: entra a dieci minuti dalla fine, leggermente appesantito dagli hot dog preparati a bordo campo e distribuiti dai compagni Christian Vitale e Osvaldo Borrello in tribuna. Dopo una Peroni ed un rutto degno di nota chiede al mister di sgranchirsi le gambe perchè “devo digerire un pochetto”, sostituendo un affannato Stefanucci.
SALUTISTA

 

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *