Day 1 – Week 5 – Stage 3 – Overwatch League

Riparte la terza fase di Overwatch League, siamo giunti all’ultima settimana di match regolari prima dei playoff

Philadelphia Fusion – Dallas Fuel 3 – 1

I Fusion conquistano una vittoria incerta contro i Fuel, sempre più in difficoltà. Anche senza l’importante presenza di “Carpe” Jae-hyeok i Fusion riescono a strappare una vittoria, ma contro un team che non sia quello di Dallas le cose sarebbero potute andare molto diversamente: la squadra di Philadelphia fa fatica ad aggiudicarsi le mappe, tutte strappate ai supplementari, e la mancanza del campione coreano si fa evidente durante questo match. Decisivo è il DPS “Eqo” Corona che riesce ad annientare il team texano con le sue Dragonblade e ad assicurare il risultato favorevole per il suo team. I Fuel sono sempre allo sbaraglio, ma bisogna dire che ancora credono in una possibile risalita: il team, infatti, si è giocato il tutto per tutto utilizzando composizioni a tre tank, che abbiamo visto spesso ultimamente da questo team, giocato il francese “aKm” Bignet su Tracer, provato a sostituire i tank, ma nulla ha funzionato contro i Fusion. Unico astro nel cielo buio dei Fuel è stato il flex DPS “Seagull” Larned, che dimostra quanto vale spingendo il suo team verso un risultato con le sue scelte di Genji, Mei, Hanzo e Junkrat. Il team soffre, però, ancora della mancanza della star “EFFECT” Hwang, rientrato in corea a causa di dei problemi legati allo stress.

Los Angeles Gladiators – Florida Mayhem 3 – 0

I Gladiators portano a casa una vittoria estremamente combattuta contro i Mayhem. Nonostante il risultato sembri indicare diversamente, non è stato un match a senso unico. I Mayhem lottano con le unge e con i denti, dimostrando una grinta che non si vedeva da qualche match a questa parte, e i Gladiators rimangono spiazzati: la prima mappa, Temple of Anubis, viene pareggiata grazie al focus aggressivo dei Mayhem sul support avversario “BigGoose” Isohanni, che impedisce ai Gladiators di pushare in modo coordinato ed efficace. “Sayaplayer” Jung-woo, invece, non risalta nel match, e la sua poca efficacia nel contrastare il DPS avversario “Surefour” Roberts è ciò che costa al team della Florida il match. I Gladiators, infatti, vincono le tre mappe rimanenti grazie al grande impegno del DPS canadese, ma non senza una fiera resistenza fa parte del team della Florida: ogni mappa viene conquistata in extremis, con i Mayhem che arrivano sempre ad un passo dal portare a casa il risultato. Il grande problema dei Gladiators risiede nella comunicazione: il team è evidentemente scoordinato e poco coeso durante tutto il match, e ciò che li fa trionfare sono dei push finali estremamente aggressivi, che possono funzionare contro i Mayhem, a sole sei vittorie nel torneo, ma di sicuro non contro i team più forti della League.

San Francisco Shock – Houston Outlaws 3 – 2

Gli Shock, ormai fuori dalla corsa ai playoff, allontanano anche gli Outlaws dal traguardo di fine stagione. Gli Shock sembrano avere trovato una strategia vincente, sostituendo al flessibile “Danteh” Cruz il più specializzato “sinatraa” Won, che riesce, in coppia con “Architect” Min-ho, a focalizzare l’attenzione degli Outlaws sul loro gioco. Architect non inizia benissimo il match, perdendo diversi duelli con Widowmaker contro “LiNkzr” Masalin, ma si rifà con Pharah sulla mappa di spareggio, riuscendo ad eseguire delle giocate che costano il match agli Outlaws. Il team texano mette in mostra ancora dei problemi di coordinazione ai quali siamo familiari: i giocatori sono spesso troppo separati, con il main tank “Muma” Wilmot che riesce spesso ad eseguire un bel dive, eliminando anche qualche support, solo per accorgersi troppo tardi che il resto del suo team è stato eliminato. LiNkzr riesce a tenere a bada gli Shock all’inizio del match, ma quando le kill smettono di fioccare il team del Golden Gate è capace di risollevarsi e di aggiudicarsi il match.

Segui la Overwatch League su Twitch, e rimani aggiornato sui team, i giocatori e su risultati dei match qui su ProgettoGaming.it!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *