PUBG

Continua la “guerra” anti-cheaters in PUBG

Nelle scorse settimane abbiamo parlato delle misure anti-cheat che PUBG Corp stava prendendo nei confronti di quei giocatori che sfruttavano alcuni glitch o veri e proprio trucchi per il proprio tornaconto personale.

Secondo BattlEye circa il 99% dei giocatori bannati in queste settimane era composto da giocatori cinesi e sembrerebbe che il 46% dei giocatori totali di PlayerUnknown’s Battlegrounds provenga dal paese asiatico.

Nonostante ciò PUBG continua a macinare record, non ultimo quello dei 30 milioni di copie vendute.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento