Fiducia per il Live-Action di One Piece?

Quest’estate c’era una notizia che ha preso in contropiede, nel bene e nel male, moltissimi appassionati. One Piece avrebbe ricevuto un adattamento live-action americana sotto forma di una serie televisiva a puntate. La cosa non ha ovviamente fatto impazzire il pubblico e le reazioni sono state miste, più tendenti alla sfiducia. Come dar loro torto, moltissimi adattamenti americani non sono mai stati capaci di trascendere l’essenza delle opere giapponesi. Si limitano a prendere la trama di base, i personaggi, ma poi il significato dietro abbastanza modellato. Per One Piece invece, sembrerebbe che ci stiano mettendo quantomeno un po’ di cura nei dettagli, lavorando con la dovuta calma.

Marty Adelstein ha fatto il suo primo viaggio in Giappone per conoscere i produttori della serie, nonché Oda in persona. Il suo interesse è quello di cercare di comprendere al meglio la storia e di assicurarsi di poterla ricreare fedelmente su pellicola. Lo stesso Oda, quando uscì la notizia quest’estate, aveva promesso che si sarebbe fatto di tutto per non deludere i fan e di portare loro una trasposizione fedele. Sembrerà dunque che il mangaka potrebbe in futuro seguire anche i lavori e dare una mano ad Adelstein come consulente. I due dopotutto hanno discusso, per Oda è una questione molto importante, e sembrerebbe anche che abbiano chiacchierato con grande interesse.

Il progetto dunque non sta venendo preso alla leggera, e quantomeno è compreso la grandezza del fandom. Non stiamo parlando infatti di un Death Note o di altri manga che sì, sono amati e popolari. Stiamo parlando di un vero e proprio fenomeno, che lo amiate oppure odiate. Dunque Adelstein ora dovrebbe poter incominciare i lavori con la stesura della storia e del copione, e non ci rimane altro che attendere di sapere altre novità più certe riguardo il progetto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento