Love Letter

Ti invitano a giocare a un gioco veloce e semplice, e ti presentano qualcosa chiamato Love Letter. Ti chiedi che diamine di persona sana di mente, specie se uomo, giocherebbe a un gioco dal nome simile. Avreste tutti torto, perché Love Letter è favoloso. Certo, non è il più grande classico, né un gioco elaborato o strutturato, però quando si tratta di piacere e divertire lo fa con maestria. Moltissime persone lo comprano per il suo prezzo accessibile, la sua portabilità, la semplicità ma soprattutto perché piace. Non avrei mai immaginato che un gioco con un simile nome avrebbe potuto fare scalpore, eppure lo ha fatto.

Gioco

Il gioco è composto da un semplice mazzo di carte. Su di esse sono raffigurate figure nobiliari differenti, ognuno con un valore numerico e un effetto. Ogni giocatore parte con una carta in mano, e quando è il suo turno ne pesca un secondo. Delle due carte che sta tenendo in mano deve scegliere quale tenere e quale giocare, applicando obbligatoriamente l’effetto. A quel punto giocherà la carta, applicherà l’effetto su di sé o su un altro giocatore, e si prosegue così. Lo scopo del gioco è eliminare gli altri giocatori e rimanere l’unico superstite, oppure se finisce il mazzo e ci sono ancora giocatori essere quello col valore numerico più alto. In teoria vince chi arriva per primo a quattro vittorie, ma è un gioco che si può fare anche solo per passare il tempo.

Analisi

Come avete potuto vedere il regolamento del gioco è brevissimo, banale e semplicissimo. Nulla di difficile da capire, ed è facile anche da spiegare, specialmente a neofiti. Nonostante il tema romantico che ruota attorno a una lettera d’amore per la principessa si presenta come un gioco dinamico. Il bello di cercare di indovinare la carta altrui, eliminandoli subito, ti da una certa sensazione di potere ed entusiasmo. E seppur sia un gioco all’americana, ovvero con eliminazione dei giocatori, chi perde non si sente escluso. Non solo può assistere alla partita, ma un turno di solito dura tre minuti tra giocatori ormai competenti, quindi fila liscio.

Indubbiamente questo gioco viene consigliato. Non bisogna giudicarla dalla copertina e analizzare ciò che offre, ed è tanto. Un gioco che si tiene in una bustina, veloce, semplice. Come dicevo si può giocare anche senza attendere che uno arrivi per primo a quattro, ma per puro diletto fare turni a raffica. Fidatevi quando vi dico che questo gioco è diventato parecchio popolare e apprezzato in certe comunità di amici, e se gli date una chance forse entusiasmerà anche voi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento