In Giappone c’è il servizio di “Scaccia-Cosplayers”

Sono tanti i problemi che turbano la quiete giornaliera, specie nella casa. Perdite dal soffitto, vicini molesti, infestazione di cosplayers sui tetti. Già, sembra che quest’ultimo sia un problema abbastanza comune e anche abbastanza grave che affligge il Sol Levante. Tanto pressante e consistente che ora è necessario occuparsene con un vero e proprio servizio dedicato del tutto a loro. C’è chi si lamenta che ci sono ragni sul soffitto, in Giappone il problema sono ragazzini in costume che bazzicano sui tetti.

Il fenomeno del cosplay è ben noto a tutti. Persone che amano indossare i costumi dei personaggi più amati e interpretarli in set fotografici o fiere. Una passione che però ha davvero preso i giapponesi nel profondo, in quanto hanno l’abitudine di praticarlo molto spesso. Non c’è bisogno della scusa di una fiera, basta prendere il costume anche durante la settimana ed ecco che è possibile divertirsi. E come moltissimi cosplayers occidentali, pure in Giappone praticano parecchio i set fotografici.

Niente è meglio di una foto fatta con la giusta luminosità e con uno sfondo eccezionale. Sembrerebbe infatti che i cosplayer abbiano preso il vizio di utilizzare i tetti come spazi per posare e fare fotografie. L’altezza offre loro panoramiche perfette per sfondi, anche sfruttando trucchi di proporzione e profondità, potendo regolare la luce naturale in base all’ora del giorno. E uno dei motivi per cui recano molto fastidio è proprio il fatto che prediligono le ore dell’alba e del tramonto, il che offre anche uno sfondo piacevole.

Nella città di Yamatotakada, nella prefattura di Nara, la compagnia Mori Kenchiku Bankin Kogyo ha iniziato un nuovo servizio. Di norma si occupa delle consulenze per riparazioni e ispezioni dei tetti, ma ora inizierà anche un servizio di “scaccia-cosplayers”. Il tutto è nato quando la compagnia ha ricevuto parecchie chiamate riguardo a rumori provenienti dal tetto. Quando il presidente, Ryosuke Mori, è andato a controllare uno di questi edifici ha trovato due ragazze in cosplay che si facevano foto.

 

La scena è stata ritratta in maniera buffa tramite le fotografie che potete vedere nell’articolo. Quello che è successo in realtà però è che l’uomo ha comunque avvisato le due ragazze di smettere con la loro attività. Dato le tante chiamate, la compagnia ha dato il via al “Servizio di Contromisura dei Cosplayer sui Tetti”. Hanno così iniziato a occuparsi anche di lamentele dalle prefatture di Hyogo, Osaka e Tokyo. Molti hanno ovviamente criticato il loro servizio, altri però fanno presente che questo fenomeno è un problema molto pressante.

Come dar loro torto però. Sentire rumori sulle proprie teste, e in orari che magari si dorme o si cena, non è propriamente bello. I cosplayer hanno il diritto di godere della loro passione, ma forse senza esagerare troppo con le loro attività. E fare servizi fotografici sui tetti a quanto pare non è più da contemplare, altrimenti rischiano di essere scacciati via.

Giuseppe Calini

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *