Football Manager: TOP e FLOP 15°/16° GIORNATA

TOP SQUADRE

GENOA (VOTO 9)

Bastava anche una vittoria sporca contro il Crotone per aggiudicarsi uno storico 10 in pagella. Ma contro i rossoblu il risultato non è per nulla scontato, anzi visto gli ultimi risultati, la partita si prospettava tutt’altro che facile. Appunto le due squadre, dopo una lunga battaglia, si accontentano del pareggio.

Ma veniamo alla sconvolgente vittoria per 8-1 contro un Bologna che paradossalmente nei 20 minuti iniziali di gioco, stava giocando una partita molto bilanciata e accorta. Purtroppo dopo i primi 2 gol dei padroni di casa, la situazione è degenerata e il Genoa ha continuato a infierire fino ad arrivare a segnare 8 gol in nemmeno 70 minuti di gioco. Genoa on fire.

JUVENTUS (VOTO 8.5)

Le vacanze al Mister Bifano hanno fatto molto bene. Prima della sosta, la Juventus giocava un calcio principalmente basato sulla difesa e sul “non gioco”, e per l’appunto ogni partita il miglior in campo era il portiere Chio. Ora la musica è decisamente cambiata. I bianconeri continuano a giocare spesso e volentieri in contropiede, sfruttando l’errore del avversario, ma i giocatori sono molto più propositivi e cercano con maggiore frequenza il tiro rispetto al passaggio orizzontale. Vedere la partita contro il Drink Team per un riassunto esaustivo.

TORINO (VOTO 8.5)

Molti tifosi usciti dallo stadio hanno dichiarato che il Torino gioca meglio del tiki taka blaugrana. Probabilmente erano un po’ brilli per la vittoria schiacciante ottenuto ai danni del Chievo, tuttavia la squadra di Sedda ha effettivamente mostrato un gioco lento caratterizzato da una serie di passaggi corti e precisi e un possesso palla continuo. Ovviamente non può ancora esserci un confronto con il Barcellona di Guardiola, ma abbiamo capito quale tipo di calcio che predilige l’allenatore dei granata. Vedremo se saranno in grado di utilizzarlo in qualsiasi occasione.

UDINESE (VOTO 8.5)

Terza vittoria consecutiva in campionato e primo posto in solitaria. Settimana perfetta per l’Udinese che prima travolge un pericoloso Sassuolo e poi annienta il Fublet con un secco 4-0. Vetta della classifica meritatissima, ma ora arriva la parte più difficile. Riusciranno a reggere la pressione? Lo scopriremo settimana prossima a Genova contro il Genoa, partita che si prospetta incandescente.

INTER (VOTO 8)

È vero che i neroazzurri hanno ottenuto due vittorie su due a differenza del Genoa che ne ha ottenuto soltanto una, tuttavia le squadre affrontate (sempre con tutti il rispetto possibile), non erano assolutamente di prima fascia. Progetto Gaming arrivava da brutti risultati contro Novara e Milan e non vinceva da 7 partite consecutive, e la Lazio è riuscita addirittura a fare anche di peggio, ottenendo 4 sconfitte consecutive.

Rimane comunque il fatto che i 6 punti sono stati guadagnai onestamente, mostrando un gioco sicuramente migliore rispetto a quello proposto poche settimane prima. Vedremo se si confermeranno contro il Drink Team. Nel frattempo 24 punti e solo a 3 punti dalla zona Europa League.

 

FLOP SQUADRE

DRINK TEAM (VOTO 5)

Per la prima volta inserito nella categoria dei bocciati. Andrea Gentile infrange i sogni di gloria della squadra di Scudetto, anche se effettivamente non escono sconfitti dal San Paolo, ma farsi recuperare due gol da un “desparisido” equivale ad un totale fallimento.

Contro la Juve addirittura peggio, dove i Drinks erano partita discretamente bene con un gol nei primi minuti di Cavaliere, ma poi buio totale. I bianconeri ogni volta che si avvicinavano all’area di rigore dei padroni di casa era costantemente gol. Alla fine saranno ben 4 le reti subite dal Drink Team, e sono pure così costretti a cedere il primo posto a favore dell’Udinese.

CHIEVO (VOTO 4)

Contro un Torino Catalano chiunque avrebbe fatto fatica, però non ci sono molte scusanti per la rovinosa sconfitta contro la Fiorentina. E pensare che se Giunti ne avesse segnato almeno uno staremmo parlando di un altro Chievo, che di certo non sarebbe stato inserito nella lista dei flop settimanali. Peccato che la squadra di Bencar ha la precisione di un muflone in letargo, e per 80 minuti non centra mai la porta. La Viola ovviamente ne approfitta e porta a casa un’importante vittoria. Fortuna che lo sponsor non è una società di occhiali da vista.

LAZIO ( VOTO 3.5)

È come sparare sulla croce rossa. Una Lazio che ormai non vince da tempi immemori e soprattutto continua a mostrare un gioco lento, prevedibile e decisamente poco vincente. Non c’è quindi molto da dire, altre due sconfitte e penultimo posto senza se e senza ma e soprattutto senza punti.

BOLOGNA (VOTO 3.5)

Non saprei come iniziare questa valutazione sul Bologna. Nello scontro salvezza arriva un pareggio che non aiuta nessuno, se non gli avversari, e poi contro il Genoa….Una disfatta storica senza attenuanti. E dire che nei primi 20 minuti i rossoblù meritavano quantomeno il pareggio, ma dove il terzo gol del Grifone, c’è stato un tracollo imbarazzante. 8 reti presi in meno di 70 minuti, non è umano. Settimana prossima sarà presentato il nuovo allenatore, che dovrà fare un miracolo per rialzare una squadra in ginocchio.

 

TOP GIOCATORI

COMINOLI (VOTO 8.5, GENOA)

In pagella contro il Bologna si era preso un meritato 10, segnando una tripletta e regalando 4 assist ai suoi compagni. Però contro il Crotone non si è vista tutta questa vena realizzativa, anzi, la partita era finita con un noioso 0-0. Quindi sfortunatamente non può aggiudicarsi il massimo dei voti, almeno per questa settimana…

CERAOLO ( VOTO 8.5, UDINESE)

È inarrestabile, continua a segnare ogni domenica.  La facilità con cui va in gol è incredibile, è sempre nel posto giusto al momento giusto. Giocatore fondamentale per l’Udinese che sta per ora decidendo le sorti di questo campionato. La nazionale maggiore lo attende con trepidazione.

CONGEDO (VOTO 8.5, SAMPDORIA)

Questa settima se la ricorderà a lungo. Stava già pensando di farsi tatuare il “4-3” contro il Sassuolo sulla coscia destra. Il gol segnato al 90°, dopo una partita memorabile, non verrà mai dimenticato da un attaccante che prima di allora non aveva regalato così tante emozioni.  Magari si è finalmente sbloccato?

 

FLOP GIOCATORI

GIUNTI (VOTO 5, CHIEVO)

Non è di certo la sua settimana migliore. L’attaccante del Chievo non ne azzecca una, sbagliando l’impossibile contro la Fiorentina. Se non fosse stato per i suoi errori sotto porta, sarebbe di certo arrivata una vittoria facile facile. Fortuna per lui che riesce a sbloccarsi, almeno mentalmente, segando il gol della bandiera contro il Torino.

MAYOR (VOTO 5, SASSUOLO)

Il Sassuolo solo per maggiori demeriti degli avversari non è presente nei flop della settimana. Quindi sono stato costretto ad inserire almeno un giocatore neroverde tra i bocciati. Perciò Mayor, terzino duttile del Sassuolo, si deve far carico di tutte le colpe per la doppia sconfitta subita negli ultimi turni di campionato. Oliver non combina chissà quali disastri, ma è sempre molto timido e impacciato e in alcuni tratti ricorda addirittura De Sciglio. Ovviamente non è l’unico colpevole, ma da un giocatore così esperto ci si aspettava molto di più.

SARCINA (VOTO 3, BOLOGNA)

Per chi non lo sapesse, è il difensore centrale del Bologna. Penso che ora sia chiaro a tutti il motivo per cui si ritrova nel flop della settimana. È il principale colpevole della disfatta di Genova. Non vede mai un pallone e si fa superare costantemente da chiunque gli si pari davanti. Giornata “buio pesto”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento