Football Manager: TOP e FLOP 14° GIORNATA

TOP SQUADRE

DRINK TEAM (VOTO 9)

Una schiacciasassi, che riesce nell’impresa di segnare 6 gol ad una delle squadre più ordinate ed equilibrate del tutto il campionato. Il Genoa che si presentava alla Jagermeister Stadium con buoni propositi, parte molto forte, ma poi viene travolta da una marea arancio-nera che non da scampo a nessuno. 3 punti pesanti e ancora primo posto in classifica.

SASSUOLO (VOTO 8)

Non affronta una delle squadre più temibili del campionato, ma gestisce in maniera perfetta quasi tutta la partita. Dico quasi, perché se non fosse stato per l’errore dal dischetto di Scriboni, probabilmente staremmo parlando di un altro match. Bravi ad approfittare del momento di confusione degli avversari e trafiggere il Bologna con 4 gol.

JUVENTUS (VOTO 8)

Un 4-2 contro i rivali di sempre che sta comunque un po’ stretto. I bianconeri domino per tutta la partita, regalando sprazzi di gran calcio soprattutto sulla fascia destra dominata dalla fantasiosa ala Caschetto. I gol subiti arrivano solamente da errori individuali e da un orgoglio neroazzurro che però non basta per fermare una Juventus in un momento di forma strabiliante.

FLOP SQUADRE

CROTONE (VOTO 5.5)

Buttata via una grande opportunità per rimanere incollati al primo posto e far pressione al Drink Team. Peccato che il Crotone sottovaluti un Fublet che si presenta inizialmente con una formazione molto ardita e poco ortodossa. La squadra allenata dal mister Rino Panino inizia anche bene, finendo il primo tempo in vantaggio per 1-0. Ma nella ripresa, dopo il rigore sbagliato, o meglio parato da Carfì, il Crotone si disunisce e il Fublet, con un cambio tattico drastico, riesce a trovare il meritato pareggio e rischia addirittura di portare a casa anche la prima vittoria. Sfortunatamente dopo il rosso rifilato a Pappalardo, la partita si concluderà con un 1-1.

INTER (VOTO 5)

Mezzo voto in più per quello spizzico di orgoglio che trasforma un massacro in una semplice sconfitta. I neroazzurri hanno il merito di sfruttare quasi tutte le occasioni che gli si presentano davanti. Peccato per quella traversa di Cusumano, che poteva regalare un beffardo vantaggio.  Ma alla fine sconfitta meritatissima, e sesta partita senza vittorie. Mister Crippa dovrà lavorare molto in vista della caldissima sfida in casa contro Progetto Gaming, e come ben sappiamo San Siro non perdona i perdenti.

GENOA (VOTO 4.5)

Il Genoa continua a dichiarare che la squadra pensa solo a salvarsi, ma fare anche dei punticini o almeno delle prestazioni decenti contro avversari di prima fascia sarebbe comunque un buon punto di partenza. Anzi, l’inizio dei grifoni è ottimo, con un immediato vantaggio su un’azione da calcio di punizione. Tuttavia dopo il gol segnato, la squadra pensa solo a difendersi, e in pochissimi minuti il risultato viene ribaltato. Il Genoa quindi è costretto a far uscire la testa e portarsi in avanti per cercare il gol del pareggio, che sorprendentemente pochi minuti dopo arriva su un calcio di rigore. Ma il mister Di Stefano non impara dai suoi errori, e la squadra si rimette totalmente sulla difensiva, per poi così subire altri 4 gol.

Disfatta totale, se no per quelle 3 reti che danno almeno fiducia al reparto offensivo.

 

TOP CALCIATORI

MOSCA (VOTO 8, DRINK TEAM)

Prima tripletta stagione e tanti applausi. Segna in qualsiasi maniera, di tap-in, di testa e da fuori area. Giocatore completo, che da il meglio di sé quando gioca affianco ad altri due attaccanti come fulcro di gioco. La concorrenza in avanti è tantissima, visto che sia Trivisani, Cavaliere e Urbano posso ricoprire quel ruolo più che dignitosamente. Vedremo se mister Scudetto troverà una soluzione per tutti quanti.

CASCHETTO (VOTO 8, JUVENTUS)

13 presenze, ma solo 7 dal primo minuto. Caschetto non è mai stato certo della sua titolarità, ma dopo questa sublime prestazione, abbellita da 3 assist decisivi, il mister farà meno fatica a schierarlo anche ad inizio partita. Salta per 3 volte il suo marcatore e pennella 3 cross che gli attaccanti devono solo spingere in rete. Miglior match della sua carriera.

D’AURIA (VOTO 8, DRINK TEAM)

Altro giocatore del Drink Team ,ma era impossibile non inserirne due in questa speciale classifica. A differenza del suo compagno Mosca, D’Auria si mette a servizio della squadra, regalando 3 assist ai 3 bomber lì davanti.  Partita impeccabile, dove prende in mano le chiavi del centrocampo, trasformandosi in un Verratti-bis.

CARFI’ (VOTO 7.5, FUBLET)

Per la prima volta troviamo un giocatore del Fublet nei top della settimana. Il portierone biancoverde è decisivo in varie occasioni, soprattutto quando al 55° minuto l’arbitro concede un rigore a favore del Crotone e Carfì con un balzo felino riesce a deviare il pallone quel tanto che basta per farlo andare sul palo e salvare la porta della squadra. Da quel momento in poi il Fublet si sveglia e riuscirà a trovare il gol del pareggio.

 

FLOP GIOCATORI

 

MORINO (VOTO 5, BOLOGNA)

Giocatore molto bilanciato che raramente commette degli errori, ma contro il Sassuolo è stata proprio la sua giornata no. La maggior parte dei gol subiti arriva dalla sua fascia, che difende in malo modo.  Il mister visto le difficoltà è addirittura costretto a farlo uscire a inizio secondo tempo per cercare di bloccare le scorribande offensive del Sassuolo. Sicuramente si tratta solo di una brutta giornata, e siamo certi di rivederlo in forma per lo scontro salvezza contro il Fublet.

DI GIULIO (VOTO 4.5, INTER)

Non vede una palla. Questo può essere il riassunto della partita di Di Giulio contro la Juventus. Probabilmente si sognerà la notte i dribbling di Caschetto, visto che viene superato costantemente ogni volta che l’ala destra bianconera prende il pallone tra i piedi. A differenza del mister del Bologna Bonanno, l’allenatore in seconda dell’Inter decide di tenerlo in campo per tutti 90 minuti, e probabilmente commette un errore madornale.

GAMBA (VOTO 4)

Finalmente aveva ottenuto la titolarità in porta e tutti ci aspettavamo una prestazione di alto livello, soprattutto contro una squadra offensiva come il Drink Team. Tuttavia Gamba, forse per la troppa pressione, combina delle papere colossali che costano carissimo al Genoa. Il terzo gol subito su colpo di testa di Mosca è imperdonabile, visto che il tiro era sia lento che telefonato. Speriamo che si riprenda in fretta e che Di Stefano gli dia una seconda chance.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento